Cartoccio di baccalà, secondo facile ed elegante

Cartoccio di baccala
Commenti: 0 - Stampa

Cartoccio di baccalà con funghi, un secondo raffinato

Se cercate un secondo di pesce molto saporito, che sappia esprimere una certa eleganza, ma che sia semplice da preparare, lo avete trovato, mi riferisco al cartoccio di baccalà con i funghi. Attraverso pochi ma selezionati ingredienti, questa ricetta valorizza il baccalà, ottimizzandone i pregi e nascondendone i difetti (davvero pochi). Per inciso, il baccalà non è altro che il merluzzo sotto sale, e non va confuso con lo stoccafisso, che è sempre merluzzo ma sottoposto ad un processo di conservazione radicalmente diverso. Proprio in virtù della presenza del sale, occorre prestare attenzione alla fase di dissalamento del baccalà, che consta di due passaggi: rimozione attraverso spazzolatura sotto acqua corrente e ammollo per 48 ore con cambi di acqua frequenti.

Il baccalà è un ingrediente prezioso non solo perché squisito, ma anche perché estremamente nutriente. In primis è una eccezionale fonte di proteine, pari a ben 39 grammi per ogni etto. Inoltre, è povero di grassi (1%), e i pochi che contiene sono comunque buoni, come dimostra la presenza degli omega tre e sei. Ottimo anche l’apporto di sali minerali, e in particolare di fosforo. Inoltre, ha un apporto calorico molto basso, pari a 105 kcal per 100 grammi. Del merluzzo, si apprezzano le proprietà energizzanti (determinate soprattutto dai sali minerali), il gusto sapido ed equilibrato, e la versatilità in cucina. In occasione di questa ricetta, a seguito della rimozione del sale, i filetti di baccalà vengono semplicemente adagiati sulla carta forno insieme agli altri ingredienti. Un metodo di cottura semplice, ma che valorizza le meravigliosi carni del baccalà.

Quale brodo scegliere per questo cartoccio di baccalà?

La ricetta del cartoccio di baccalà ai funghi vede come protagonista il brodo. Non è una presenza scontata, dal momento che quando si cita il brodo non si pensa certamente al cartoccio, bensì a qualche primo particolarmente acquoso o al risotto. In questo caso il brodo funge da condimento, ossia da ingrediente vero e proprio capace di valorizzare il baccalà.

Cartoccio di baccalà

Per questa ricetta vi consiglio di utilizzare il dado granulare ai funghi porcini della Bauer, azienda trentina che mette a disposizione dei clienti le meraviglie del territorio, trasformandole in prodotti di largo consumo e facili da gestire. Il dado in questo caso dà vita a un brodo molto equilibrato, in cui i sapori sono ben rappresentati e concentrati. Anche perché non è realizzato solo con i porcini, ma anche con la cipolla, la carota, l’aglio, il sedano, il prezzemolo e il pomodoro.

I funghi champignon, davvero buoni e salutari

Il condimento principale del cartoccio di baccalà è rappresentato proprio dai funghi. Nello specifico, dagli champignon, che si prestano molto efficacemente a fungere da ingrediente di supporto, principalmente per la carne ma anche per il pesce. Sono funghi teneri, facili da reperire e dal gusto equilibrato. La loro cottura, proprio in virtù della loro struttura morbida, non pone in essere difficoltà di sorta, sicché è sufficiente – come in questo caso – un passaggio al forno.

I funghi champignon vantano, inoltre, dei buoni valori nutrizionali. Sono poveri di calorie (apportano 20 kcal per 100 grammi), ma in compenso sono ricchi di vitamine e sali minerali. In particolare contengono la vitamina D, le vitamine del gruppo B, il selenio, il fosforo, lo zinco e soprattutto il potassio. Contengono anche la lovastatina, che contribuisce a prevenire il colesterolo alto.

Ecco la ricetta del cartoccio di baccalà con funghi:

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 filetti di baccalà di circa 200 gr. l’uno,
  • 200 gr. di champignons,
  • 150 ml. di brodo di dado granulare ai funghi porcini Bauer,
  • 1 rametto di timo,
  • 2 cucchiaia d’olio extra vergine di oliva,
  • 1 pizzico di sale e pepe.

Preparazione:

Per la preparazione del cartoccio di baccalà iniziate dissalando il baccalà. Per farlo, spazzolatelo mentre è sotto l’acqua corrente per togliere il grosso del sale, poi immergetelo in una ciotola di acqua fresca. Lasciatelo immerso per 48 ore, cambiando l’acqua di tanto in tanto. Ora pulite i funghi e rimuovete i residui di terra usando un coltellino affilato. Eliminate l’ultima parte del gambo, che di solito è troppo piena di terriccio per essere utilizzata. Rimuovete la pellicina dal cappello e togliete le ultime impurità strofinando i funghi con un panno pulito o con uno spazzolino. Una volta che sono puliti, affettate i funghi iniziando dal cappello e proseguendo con il gambo, applicando tagli netti e sottili.

Poi lavate il timo e sfogliatelo per bene. Ora passate al brodo versando un cucchiaio di dado in 300 ml di acqua bollente. Infine, adagiate un filetto di baccalà su un foglio di carta da forno, in modo da preparare dei cartocci monoporzione. Mettete anche i funghi, il timo, condite con un filo d’olio, il brodo e aggiungete un po’ di sale. Chiudete la carta da forno a mo’ di caramella e cuocete a 180 gradi per circa 20 minuti.

5/5 (471 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rosa di Parma

Rosa di Parma, un piatto per scoprire la...

Rosa di Parma, un piatto colorato e gustoso La Rosa di Parma, come suggerisce il nome, è un piatto della tradizione emiliana, o meglio parmense. E’ un secondo molto gustoso e non troppo...

Pollo con funghi porcini

Pollo con funghi porcini, un secondo leggero e...

Pollo con funghi porcini, un secondo classico Il pollo con funghi porcini è un secondo piatto classico che rende molto con il minimo impegno. Gli ingredienti, infatti, si contano sulle dita di una...

Testina di vitello con ceci

Testina di vitello con ceci, un secondo speziato

Testina di vitello con ceci e rosmarino, un piatto per valorizzare un taglio di carne poco diffuso La testina di vitello con ceci e rosmarino è un secondo piatto dai sapori forti, che si fregia di...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Millefoglie di trota e radicchio

Millefoglie di trota e radicchio, un secondo dolce

Millefoglie di trota e radicchio, un’idea gourmet La millefoglie di trota e radicchio è un secondo dall’aspetto elegante, che gioca su una distribuzione ben pensata di sapori e colori. E' un...

Filetto di rombo con pistacchi

Filetto di rombo con crema di pistacchi, gustoso

Filetto di rombo con crema di pistacchi, un secondo da leccarsi i baffi Il filetto di rombo con crema di pistacchi è un secondo piatto di pesce dal carattere gourmet. In primis perché il rombo...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-10-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti