Onion rings, la cucina americana che non ti aspetti

Onion rings
Commenti: 0 - Stampa

Cosa sono gli onion rings?

Gli onion rings sono esattamente ciò che suggerisce il nome, ovvero la traduzione letterale dall’inglese: anelli di cipolla. Questi possono essere sia fritti che al forno. In questa ricetta, ho preferito il metodo di cottura più leggero, anche per sfatare il mito del cibo americano grasso e poco salutare. Il risultato, comunque, è ottimo, e per certi versi persino migliore rispetto a quello della variante fritta. Gli onion rings sono uno dei piatti nazionali di molti paesi anglosassoni, e in particolare degli Stati Uniti.

Vengono spesso consumati in occasione dei grandi eventi pop-sportivi, come appunto il Super Bowl, un po’ come antipasto ma soprattutto come snack (anche perché il concetto di antipasto non è tipico della tradizione gastronomica americana). Ad ogni modo, questi onion rings sono più salutari di quello che possiate pensare, e anche meno calorici.

Anche perché, come ho già anticipato, il consumo di grassi si riduce a un cucchiaino di olio di girasole, che certo non può essere paragonato alla quantità di olio che gli alimenti con panatura assorbono durante la fase di frittura. Tra l’altro, questi onion ring sono realizzati con la farina di riso, dunque possono essere consumati anche da chi è intollerante al glutine o soffre di celiachia. La farina di riso, infatti, non contiene glutine.

Le tante proprietà della cipolla

Il protagonista di questi onion rings è la cipolla, proprio come suggerisce il nome. Ad alcuni può sembrare strano utilizzare la cipolla come ingrediente principale, dal momento che nella cucina italiana la si impiega soprattutto per rosolare e per soffriggere, ma in questo caso – ve lo posso garantire – ha il suo perché. D’altronde, la cottura al forno la rende anche molto più gradevole al palato. Vi consiglio però di non utilizzare le varianti più pungenti, ma di preferire quelle più dolci, e magari – perché no – persino la cipolla rossa di Tropea.

Onion rings

Ad ogni modo, si tratta di una scelta sì dettata dalla tradizione ma anche azzeccata. La cipolla, infatti, è un alimento salutare. In primis, la cipolla contiene molti enzimi della digestione, che stimolano il metabolismo. Inoltre è ricca di minerali quali il zolfo, il ferro, il potassio, il magnesio e il fluoro. Significativa è anche la quantità di vitamine, e in particolare la A, C, la E e le vitamine del gruppo B. Sono note da molti secoli, nonché confermate dalla scienza ufficiale, le proprietà diuretiche, di regolazione della flora intestinale, di riduzione della glicemia. In passato si credeva che la cipolla avesse persino proprietà afrodisiache ma ciò è stato smentito dalla medicina moderna.

Cos’è il panko e perché è così buono

Le onion rings, questo è risaputo anche dai profani della cucina americana, sono cipolle impastellate e fritte; tuttavia sono anche impanate. La particolarità della versione che vi propongo oggi, però, riguarda proprio la panatura. Essa non è realizzata mediante il “nostro” pane grattugiato, ricavato in genere dal pane raffermo, bensì dal panko, che è un prodotto cerealicolo originario del Giappone e molto consumato negli Stati Uniti. Il panko è una pane bianco soffice e croccante, che viene macinato grossolanamente e utilizzato quasi principalmente per la panatura (i Giapponesi non consumano il pane come facciamo noi mediterranei). Ci sono molte marche senza glutine e lattosio.

Il panko ha un gusto particolare, per alcuni superiore a quello del pane grattugiato classico. La questione potrebbe rivelarsi soggettiva, ma c’è una caratteristica del panko che non è soggetta a interpretazioni: la capacità di ridurre la quantità di olio assorbita. La panatura di panko, infatti, “frigge di meno”, anche perché se esposta ad alte temperatura ingloba aria. In questo modo la panatura aumenta di volume ma allo stesso tempo non si attacca ai grassi dell’olio. Risultato: gli onion rings “al panko” sono meno intrisi degli onion rings realizzati con il classico pane grattugiato “tipo raffermo”.

Ecco la ricetta degli onion rings

Ingredienti per 4 persone:

  • 3 cipolle di media grandezza;
  • 130 gr. di farina di riso;
  • 175 ml. di acqua fredda;
  • 130 gr. di panko consentito;
  • ½ cucchiaino di paprika affumicata;
  • 1 cucchiaio di olio di girasole;
  • 1 cucchiaino di sale.

Preparazione:

Per la preparazione degli onion rings iniziate riducendo la cipolla ad anelli e conservatela. Setacciate la farina, mescolatela con mezzo cucchiaino di sale e aggiungete con gradualità l’acqua, poi mescolate nuovamente in modo da ottenere un composto paragonabile a quello delle crepes. In una ciotola a parte, versate il pane grattugiato di tipo “panko”, l’altro mezzo cucchiaino di sale e l’olio, poi girate accuratamente.

Passate gli anelli di cipolla nel composto di farina e acqua, scuoteteli in modo che la pastella in eccesso vada via, infine passateli nel composto di pane grattugiato e olio. Quest’ultimo passaggio è importante: gli anelli devono essere completamente coperti. Adesso adagiate gli anelli impanati e impastellati su una teglia su cui avete precedentemente cosparso un filo d’olio e fateli riposare in congelatore per 30 minuti. Dopodiché infornate la stessa teglia a 220 gradi per 18-20 minuti. A metà cottura rigirate gli anelli.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

cock a leekie

Cock a leekie, la zuppa di pollo della...

Cock a leekie, un pasto completo e squisito Il cock a leekie è un piatto tipico della cucina scozzese. Si tratta di una cucina che è capace di regalare degli spunti interessanti, diversi da quelli...

Zuppa messicana con tortillas

Zuppa messicana con tortillas, una meraviglia piccante

Zuppa messicana con tortillas, un piatto Tex-Mex La zuppa messicana con tortillas è una zuppa molto diversa da quelle della tradizione mediterranea. In primis sono diversi gli ingredienti, infatti...

Coulibiac di salmone

Coulibiac di salmone, una meraviglia della cucina russa

Coulibiac di salmone, una torta salata di origine russa Il coulibiac di salmone è un'istituzione in Russia e nei paesi limitrofi. Infatti è uno dei piatti tipici più antichi. Si narra che sia...

overnight oatmeal

Overnight oatmeal, una colazione molto particolare

Overnight oatmeal, un’idea per una colazione diversa L’overnight oatmeal è una preparazione della tradizione anglosassone, che sta riscuotendo un certo successo pure dalle nostre parti. Anche...

Hawaiian Guava Cake

Hawaiian Guava Cake, un dolce dal sapore esotico

Hawaiian Guava Cake, un dolce tra sperimentazione e tradizione L’Hawaiian Guava Cake è l'ideale per stupire i propri invitati con una torta che, pur conservando caratteristiche della pasticceria...

Dalgona Coffee

Dalgona Coffee, un dessert fuori dall’ordinario

Dalgona Coffe, una variante ai ceci Il Dalgona Coffee è una ricetta americana, ma non esattamente legata a particolari tradizioni in quanto diffusa solo di recente. Si tratta di un dessert molto...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-01-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti