bg header

Alici marinate con cipolla di Tropea, tradizione calabrese

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Alici marinate con cipolla di tropea

Perché sono così buone le alici marinate con cipolla di Tropea?

Le alici marinate con cipolla di Tropea sono un antipasto che simboleggia la tradizione gastronomica calabrese. Il riferimento è in particolare alla cipolla di Tropea, che è una delle tipicità del territorio, ma anche alle alici, che sono particolarmente consumate in Calabria e rappresentano uno degli ingredienti base di molte ricette tradizionali del Sud Italia.

Le alici marinate con cipolla di Tropea sono un piatto gustoso, sano e davvero semplice da realizzare. Per esempio, la cottura è sostituita dalla marinatura con succo di limone, che rappresenta un metodo sicuro per consumare i cibi e allo stesso tempo in grado di fornire un sapore diverso rispetto a una qualsiasi cottura con fonte di calore.

L’ingrediente principale delle alici marinate con cipolla di Tropea sono ovviamente le alici. Una specie ittica davvero squisita, ma della quale spesso si ignorano i pregi dal punto di vista nutrizionale.

Il riferimento è, tra gli altri, alle grandi quantità di acidi grassi omega tre, elementi fondamentali per il nostro organismo che impattano positivamente soprattutto sull’apparato cardiocircolatorio, sul sistema immunitario e sulla vista.

Tra i tanti pregi delle alici si segnala anche la concentrazione di calcio, che è sopra la media rispetto agli altri pesci azzurri. Certamente le alici sono una specie leggermente grassa, ma i grassi che contiene sono “buoni” (gli omega tre appunto).

La bontà delle piccole olive taggiasche

Un altro ingrediente importante della ricetta delle alici marinate con cipolla di Tropea sono le olive taggiasche. Esse vengono aggiunte quasi al termine della cottura, in concomitanza con la cipolla di Tropea, per condire le alici già sottoposte a marinatura.

Le olive taggiasche si chiamano così perché originarie della cittadina di Taggia, in Liguria, ma ovviamente sono ormai diffuse su tutto il territorio nazionale. Si fanno apprezzare per il loro sapore poco acido e per un un gradevole retrogusto mandorlato.

Proprio per queste caratteristiche, e per la relativa scarsità del succo, sono ideali soprattutto per il consumo a crudo, piuttosto che per la produzione di vino.

Alici marinate con cipolla di tropea

Come tutte le olive, le taggiasche contengono molti grassi che costituiscono circa il 37%. Si tratta però di grassi “buoni”,  monoinsaturi, che contribuiscono ad abbassare il colesterolo cattivo (conosciuto con l’acronimo di LDL).

Per quanto riguarda l’apporto calorico, non si discosta da quello delle altre olive, siamo, infatti, sulle 350 kcal per 100 grammi. La quantità di carboidrati e di proteine, però, è piuttosto scarsa. Le olive taggiasche spiccano comunque per la concentrazione di antiossidanti e di vitamina E. Caratteristiche, queste, che condividono con tante altre specie di olive.

Un focus sulla cipolla di Tropea e sulle sue proprietà

L’altro protagonista di questo piatto, come suggerisce il nome, è la cipolla rossa di Tropea. Una specie che cresce rigogliosa proprio in quelle zone. Essa è riconoscibile a prima vista per il colore rosso-violaceo, ma si fa apprezzare anche per il sapore, decisamente più dolce rispetto alle altre specie di cipolla.

Per questo motivo viene consumata soprattutto cruda, magari nelle insalate, piuttosto che come base per i soffritti. Della cipolla rossa di tropea si apprezzano anche i benefici per l’organismo, e in particolare il contributo alla prevenzione di infarti e malattie cardiovascolari.

Esercita anche un apporto significativo nella lotta ai radicali liberi (grazie alla notevole concentrazione di antiossidanti). La cipolla di Tropea è considerata anche un blando antibatterico e antinfiammatorio, a tal punto da lenire i sintomi del raffreddore e del mal di gola.

La cipolla di Tropea, come tutte le cipolle del resto, si caratterizza per un apporto calorico molto basso. Si parla di appena 26 kcal per 100 grammi, dunque è pienamente compatibile con i regimi dietetici ipocalorici.

Nella ricetta delle alici marinate, la cipolla di Tropea viene tagliata a fette sottili e inserita una volta che il pesce è già stato marinato, a mo’ di condimento insieme all’olio, al sale e alle olive taggiasche. L’abbinamento è ottimo e in grado di valorizzare il resto degli ingredienti.

Per chi vuole consumare il pesce crudo, la migliore contromisura per neutralizzare l’Anisakis consiste nel congelare il pesce prima di mangiarlo.

Per distruggere tutte le larve del parassita è necessario tenere il pesce per almeno 24 ore a -20°C al cuore del prodotto. Questo trattamento è obbligatorio per legge per i ristoranti che vogliono servire pesce crudo.

Per le preparazioni domestiche il consiglio è di congelare per almeno 96 ore a -18°C le alici se non sono già state abbattute dal pescivendolo. Questo per la vostra sicurezza.

Ecco la ricetta delle alici marinate con cipolla di Tropea:

Ingredienti per 4 persone:

  • 500 gr. di alici fresche;
  • 1 cipolla rossa di Tropea;
  • 150 gr. di olive taggiasche;
  • q. b. di olio extravergine di oliva;
  • succo di due limoni;
  • un pizzico di sale;
  • q. b. bacche di pepe rosa.

Preparazione:

Pulite le alici eliminando la testa, apritele a libro e tirate via e le interiora. Sciacquale le alici sotto l’ acqua corrente eliminare eventuali residui e squame. Con le dita fare pressione per aprirle in due ed eliminate la lisca centrale . Capovolgete,  sollevate e tagliate via la pinna dorsale. Man mano che sono pronte mettetele a scolare su della carta assorbente da cucina.

Adagiate i filetti di alici pulite in una pirofila ampia. stando attenti a non sovrapporli. Fate un solo strato di alici . Conditeli usando il succo dei due limoni che avete a disposizione, poi coprite la pirofila con la pellicola trasparente e conservatela in frigorifero per almeno due ore.

Terminata la marinatura, scolate il succo di limone in eccesso e condite le alici con un po’ di olio extravergine di oliva, sale e pepe. Aggiungete anche le olive taggiasche e la cipolla di Tropea tagliate a fette sottili. Se lo gradite, potete decorare con limone, olive e prezzemolo fresco. Servite su un piatto da portata e buon appetito!

Si consiglia di consumare le alici marinate al momento. Si possono conservare in frigorifero  coprendole con della pellicola trasparente per 1 giorno al massimo.

3.3/5 (11 Recensioni)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Uova ripiene con funghi

Uova ripiene con funghi, un antipasto con sorpresa

Come fare le uova sode Le uova sode costituiscono una preparazione base, tuttavia è necessario prendere alcuni accorgimenti se lo scopo è quello di realizzare delle uova sode ripiene abbastanza...

Crostini di foie con melone bianco

Crostini di foie con melone bianco, un antipasto...

Quale foie utilizzare per avere dei deliziosi crostini maigre Non vi sarà sfuggito il termine “maigre” al posto del classico crostino di foie gras. Ebbene, non si tratta di un errore, ma del...

Arepas con perico venezuelano

Arepas con perico venezuelano, uno spuntino perfetto

Storia e importanza delle arepas in Venezuela Le arepas vantano una storia molto lunga. L'arepa è originaria del Venezuela, in quanto veniva preparata in epoca pre-colombiana dalle popolazioni...

logo_print