Sfiziosissimi carciofi ripieni con salsiccia e pancetta

Carciofi ripieni con salsiccia e pancetta
Commenti: 0 - Stampa

È arrivato il momento di provare i carciofi ripieni con salsiccia e pancetta

Non avete mai assaggiato un piatto così sfizioso? Forse no e, se è così, vi consiglio di farlo al più presto. Infatti, i carciofi ripieni con salsiccia e pancetta si rivelano una vera e propria bontà per il palato… un’esplosione di gusto che mai vi aspettereste! La ricetta dei carciofi ripieni ha radici molto antiche: tempo fa, si riempivano questi ortaggi con quello che si riusciva a trovare in dispensa e, sicuramente, uova, mollica di pane e un po’ di carne di maiale, o altri ingredienti di poco costo, erano gli alimenti prediletti!

Oggi le cose sono un po’ cambiate, ma gli ingredienti da usare non mancano di certo e le pietanze diventano sempre più golose… proprio come nel caso dei carciofi ripieni con salsiccia e pancetta! Se amate questi componenti principali, vi innamorerete di questo piatto! Volete provarlo? Ecco cosa dovreste sapere prima di portarlo in tavola!

Alla scoperta di questa sfiziosa ricetta!

Come potrete immaginare, questa pietanza è anche facile da preparare. Tra l’altro, ci consente di portare in tavola ingredienti semplicissimi da reperire e numerose proprietà nutritive. L’ingrediente base è appunto il carciofo, che esprime tutto il suo gusto nel contrasto con gli altri alimenti, proponendoci un pasto ricco e completo. I carciofi ripieni con salsiccia e pancetta si preparano dunque con un ortaggio che vanta un’infinità di proprietà benefiche.

carciofi ripieni con salsiccia e pancetta

È infatti un toccasana per cura del fegato, ha proprietà depurative, antiossidanti, rigenerative e pochissime calorie. Ogni sua parte assicura un sapore indimenticabile e una buona dose di vitamine e minerali, che si uniscono al notevole apporto proteico degli altri due ingredienti principali della ricetta dei carciofi ripieni con salsiccia e pancetta. Questi ultimi sono anche ricchi di grassi. Tuttavia, unendosi al valore nutrizionale del carciofo, ci permettono di assaporare un pasto bilanciato e, nonostante tutto, anche facile da digerire.

A tavola con i golosi carciofi ripieni con salsiccia e pancetta!

Il carciofo ha una forma adattissima alla farcitura. Pertanto, riempirlo con questi due ingredienti, dal sapore deciso e accattivante, non sarà affatto un’impresa! I carciofi ripieni con salsiccia e pancetta si presenteranno come una vera e propria ricetta con sorpresa, sia dal punto di vista nutrizionale che organolettico… e come un piatto che fa sempre una bella figura e che si fa riconoscere anche per il suo gradevole mix di profumi.

Ideale per una cena, una festa o un pranzo in compagnia, la ricetta dei carciofi ripieni con salsiccia e pancetta stupirà ogni vostro ospite e il suo successo… è assicurato! Questo piatto intramontabile diventerà il protagonista dei vostri menu e sarà di certo uno dei più amati dai vostri familiari e amici.

Ingredienti per 4 persone

  • 8 carciofi
  • 140 gr. di salsiccia
  • 140 gr. di pancetta
  • 1 scalogno
  • il succo di due limoni
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Pulite i carciofi, utilizzando un paio di guanti in lattice per evitare che le mani vi si anneriscano. Mondateli, eliminando eventuali foglie e accorciando i gambi.

Tagliate via le punte a un’altezza di circa un centimetro e separate i gambi dalle corolle. Pelate i gambi per togliere la parte fibrosa. Eliminate dalle corolle le foglie più esterne e coriacee. Infine, con un cucchiaino, scavate delicatamente l’interno per eliminare tutto il fieno centrale. Man mano che li avrete puliti, immergeteli in una ciotola piena d’acqua acidulata con limone.

In un mixer tritate i gambi dei carciofi con la pancetta e la cipolla. Fateli quindi soffriggere insieme a 2 cucchiai di olio in una padella antiaderente, per qualche minuto a fuoco medio.

Unite la salsiccia sbriciolata, aggiustate di sale e pepe e lasciate cuocere per altri 15 minuti. Disponete i carciofi svuotati in una teglia da forno e iniziate a farcirli con il ripieno di gambi e salsiccia.

Irrorateli con il vino bianco e l’olio, coprite la teglia con un foglio di carta forno e fate cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa un’ora.

Servite i carciofi ripieni tiepidi, guarnendoli con una macinata di pepe nero e un filo d’olio.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Coquilles Saint Jacques ai funghi, un piatto ai...

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...

Petto di piccione con gamberi

Petto di piccione con gamberi, un secondo agrodolce

Petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco, un piatto gourmet adatto a tutti Il petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco è un secondo che vi lascerà stupefatti....

Polpettone con pioppini e porri

Polpettone in crosta con pioppini e porri, singolare

Polpettone in crosta con pioppini e porri, connubio tra carne e frutta secca. Il polpettone in crosta con pioppini e porri è un secondo piatto molto particolare, sia per l’impatto visivo che per...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


30-01-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti