Scalogno sotto olio, uno splendido contorno

Scalogno sotto olio
Commenti: 2 - Stampa

Scalogno sotto olio, una preparazione versatile

Lo scalogno sotto olio è un’ottima idea per un contorno sfizioso, leggero e aromatico. Può essere impiegato come ingrediente da antipasto e si presta alle preparazioni più fantasiose. D’altronde l’ingrediente principale è proprio lo scalogno, un ingrediente di “supporto” per eccellenza.

Lo scalogno molto spesso si trova in competizione con la cipolla, soprattutto quando si tratta di preparare i soffritti. Dal punto di vista organolettico, le differenze tra le due alternative sono chiare: la cipolla (la varietà dorata più diffusa) è più pungente e più forte, invece lo scalogno è un po’ più delicato e aromatico. Per quanto concerne le proprietà nutrizionali non vi sono grosse differenze.

Lo scalogno, proprio come la cipolla, è ricco di vitamine e sali minerali. Il riferimento è all’abbondanza di vitamina C, che non fa rimpiangere troppo gli agrumi. Per inciso, la vitamina C non si limita a supportare il sistema immunitario, ma esercita anche una funzione antiossidante. In virtù di ciò, contrasta i radicali liberi, riduce lo stress ossidativo e contribuisce a prevenire i tumori.

Lo scalogno contiene anche la vitamina A, che fa bene agli occhi, ai capelli e alle ossa. Per quanto concerne gli altri oligoelementi, si segnalano buone dosi di potassio, zolfo, selenio, fosforo e calcio. Quest’ultima sostanza, notoriamente utile alle ossa, è abbastanza difficile da trovare nei prodotti vegetali. Per quanto concerne l’apporto calorico, infine, siamo su livelli decisamente trascurabili.

Una ricetta semplice e gustosa

Lo scalogno, prima di essere messo sotto olio, va pulito con cura. Tuttavia, non vanno tagliate le sue estremità, che servono a tenere insieme i vari strati. Gli scalogni vanno poi cotti in una soluzione di aceto di mele con aromi e spezie, e solo dopo inseriti nei barattoli sterilizzati. La ricetta procede poi con la pastorizzazione, che consiste nella bollitura dei vasetti, ben divisi da dei canovacci.

Un consiglio, al momento di applicare i tappi non stringete troppo. Vi è infatti il rischio che l’aria non possa uscire, e quindi che la pastorizzazione non possa creare il sottovuoto in modo corretto, impedendo la proliferazione batterica. Va detto, poi, che gli scalogni sotto olio non andrebbero consumati subito, ma dopo un mese di riposo in un luogo fresco e asciutto.

Scalogno sotto olio

Perché abbiamo usato l’aceto di mele?

L’aceto di mele gioca un ruolo nella conservazione dello scalogno sotto olio, a dispetto di quanto non accada con l’aceto di vino classico. Tuttavia il suo apporto è significativo perché, di fatto, rappresenta il liquido di cottura dello scalogno.

Per dare un buon aromato abbiamo utilizzato le bacche di pepe rosa, il coriandolo e il timo, due spezie che si sposano molto bene a vicenda, e che conferiscono dei sentori capaci di rievocare il limone.

Per quanto concerne l’aceto di mele, stiamo parlando di un ingrediente speciale, che unisce le note acidule dell’aceto con quelle tiepidamente dolci e profumate delle mele. Contiene molti antiossidanti, che fanno bene all’organismo e aiutano a prevenire il tumore.

E’ composto principalmente da magnesio e potassio, ma non mancano le vitamine (A, C ed E in primis). Secondo recenti studi, e l’esperienza della medicina naturale, è anche un discreto antinfiammatorio e un buon battericida.

Un approfondimento sul sale rosa dell’Himalaya

Nello scalogno sotto olio abbiamo utilizzato il sale rosa dell’Himalaya. Molti pensano che questo tipo di sale sia solo una trovata commerciale, un prodotto esotico pensato per attirare le persone, ma privo di grandi differenze rispetto al sale normale.

La verità è un’altra. Certo, stiamo parlando comunque di sale, e quindi la sua funzione è sempre la stessa, tuttavia è in grado di aggiungere quel qualcosa in più che lo rende davvero unico. Il colore rosa scaturisce dalla presenza di apparenti impurità, che nascondono un apporto rilevante in quanto apportano sali minerali, vitamine e antiossidanti.

Stesso discorso per alcune sostanze che hanno un’azione detox, molto utili per l’apparato digerente, il fegato e di altri organi deputati all’azione di filtro. Dunque possiamo definire il sale rosa dell’Himalaya come un sale un po’ più nutriente del solito. La logica conseguenza è il peso minore del sodio, che infatti è del 40-60% inferiore rispetto al sale classico. Dunque, la dose giornaliera indicata è di quattro grammi anziché due.

Lo scalogno è consentito per gli intolleranti al nichel.

Ecco la ricetta dello scalogno sotto olio:

Ingredienti:

  • 1 kg di scalogni,
  • 2 lt. di aceto di mele,
  • q. b. di sale grosso rosa dell’Himalaya,
  • q. b. di grani di coriandolo e grani di pepe rosa,
  • 3 foglie di alloro,
  • 1 rametto di timo fresco,
  • q. b. di olio extravergine di oliva.

Preparazione:

Per la preparazione dello scalogno sotto olio iniziate prendendo un’ampia pentola e versando l’aceto di mele, poi aggiungete il sale rosa dell’Himalaya, le foglie di alloro, un po’ di timo fresco e i grani di coriandolo e di pepe rosa. Portate allo stato di ebollizione il composto, poi fate bollire per pochi minuti. Intanto pelate e lavate gli scalogni.

Mi raccomando, non tagliate le estremità in quanto vi è il rischio che si sfaldino durante la cottura. Ora immergete gli scalogni così trattati nella pentola e cuoceteli per 5 minuti. In questo modo gli scalogni risulteranno cotti, ma rimarranno comunque sodi. Per verificare la loro consistenza, infilzateli con una forchetta, se sono abbastanza sodi allora sono cotti al punto giusto.

Scolate bene gli scalogni e distribuiteli nei vasetti ben sterilizzati. Mettete in ciascun vasetto una foglia di alloro e gli aromi ancora presenti nella soluzione all’aceto. Versate abbondante olio extravergine di oliva, fino a raggiungere un centimetro dal bordo.

Inoltre evitate le bolle d’aria compattando il contenuto dei vasi con un cucchiaino. Chiudete i vasetti e puliteli accuratamente con un panno di cotone .

Non rimane che pastorizzare. Trasferite i vasetti in una pentola molto profonda, distanziateli con dei canovacci e coprite il tutto con acqua tiepida. Poi accendete il fuoco e lasciate bollire per mezz’ora.

Controllate inoltre il centro della capsula, se è abbassato il sottovuoto si è creato correttamente. Conservate gli scalogni sotto olio in un luogo fresco e prima di consumarli deve passare almeno un mese.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Scalogno sotto olio, uno splendido contorno

  • Mer 4 Ago 2021 | Mina ha detto:

    Questa mi mancava. Un’ottima idea. Ho letto che esiste anche lo scalogno nero. Devo cercarlo

    • Gio 5 Ago 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Mina è molto buono e particolare. Lo scalogno nero, nonostante le apparenze, non è una varietà particolare di scalogno, ma è piuttosto frutto di una preparazione in senso stretto. Si ottiene, infatti, sottoponendo il classico scalogno a un trattamento particolare, che può durare anche svariati mesi. Nello specifico, lo scalogno va incontro a un processo di ossidazione e fermentazione.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Patate rosse con pancetta

Patate rosse con pancetta, un piatto equilibrato

Patate rosse con pancetta, uno splendido abbinamento Le patate rosse con pancetta sono il classico contorno ricco di sapore e nutrimento. Ovviamente, non stiamo parlando di un piatto dietetico,...

Melanzane a funghetto

Melanzane a funghetto, un contorno anti intolleranze

Melanzane a funghetto, semplicità e versatilità per un contorno speciale Oggi vi presento le melanzane a funghetto, un delizioso contorno tipico campano facile da preparare e salutare, realizzato...

Verdure miste arrostite

Verdure miste agli agrumi, un pieno di oligoelementi

Verdure miste agli agrumi, un’idea semplice, gustosa e salutare Le verdure miste agli agrumi con aceto di mele e agrumi sono un piatto molto colorato, gustoso e facile da preparare. E’ concepito...

Insalata di zucchine crude

Insalata di zucchine crude, un’idea singolare e squisita

Insalata di zucchine crude, un contorno sfizioso La ricetta dell’insalata di zucchine crude è una ricetta sui generis, anche perché è realizzata con le zucchine “al naturale”, non...

Caprese con melanzane e zucchine

Caprese con melanzane e zucchine, un contorno gourmet

Caprese con melanzane e zucchine, una variante gustosa La caprese con melanzane e zucchine è una variante sfiziosa della classica caprese, che è un piatto tra i più conosciuti ed apprezzati. E’...

Nidi di agretti con le uova

Nidi di agretti con le uova, un contorno...

Nidi di agretti con le uova, una ricetta semplice e sostanziosa I nidi di agretti con le uova sono un contorno delizioso, semplice e nutriente. Gli ingredienti si contano sulle dite di una mano, ma...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


04-08-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti