Muffins al cacao e peperoncino per San Valentino

muffins al cacao e peperoncino
Commenti: 1 - Stampa

I dolcetti degli innamorati: i muffins al cacao e peperoncino

Muffins al cacao e peperoncino: il dessert perfetto per San Valentino. Perché i muffins riescono a conquistare proprio tutti sembra quasi un mistero. Sarà per la loro forma, caratteristica e curiosa, sarà per la loro compattezza o per il loro essere estremamente versatili e comodi da gustare. Fatto è che questi dolcetti, originari d’oltreoceano, hanno riscosso un grande successo anche da noi riuscendo a contendersi, insieme a brioches e croissant, il titolo di dolce leader del mattino.

Queste piccole tortine a forma di funghetto rappresentano dei golosi dessert che si possono adattare ad ogni piccola o grande occasione: dalle feste di compleanno al momento di relax del tè pomeridiano. In prossimità della festa dedicata a tutti gli innamorati, i muffins al cacao e peperoncino cadono proprio a pennello. Questi dolcetti siglano un matrimonio insospettabilmente perfetto tra il gusto robusto del cioccolato e le note esplosive del peperoncino.

Il dolce perfetto per una serata all’insegna del romanticismo

La trasposizione dei dolcetti americani nel nostro paese ha ingenerato un po’ di confusione: tanti, troppi, confondono i muffins con i cupcakes, ad esempio. Questi ultimi vengono decorati con frosting e spesso realizzati con crema al burro, questi dolcetti, invece, sono privi di decorazioni e sono decisamente più leggeri, specie nella versione che intendiamo proporvi, la quale si compone di latte di soia, zucchero di canna, cacao e semi di girasole.

peperoncino essiccato IMG

Questi piccoli dolci possono davvero rendere speciale il San Valentino con le loro note dolci e piccanti al tempo stesso. In questi dessert la dolcezza si unisce alla passione, esattamente come la dolcezza del cuore dei due amanti si unisce alla passione travolgente dei loro corpi. Un tripudio di sapore tanto avvolgente quanto piccante, per una serata all’insegna del romanticismo.

Segreti e trucchi per dei perfetti muffins al cacao e peperoncino

Vogliamo dei muffin perfetti? Allora qualche piccolo trucchetto potrà risultarci di grande aiuto. Uno dei segreti che si cela dietro l’aspetto morbido e consistente di questi muffins senza lattosio sta, per esempio, nel dividere gli ingredienti umidi da quelli secchi. Un altro utile accorgimento è quello di non mescolare troppo l’impasto, limitandosi solo a quel tanto che basta per miscelare gli ingredienti.

I muffins al cacao e peperoncino non richiedono una grande manualità o una lunga esperienza nella realizzazione dei dolci fatti in casa. È necessario solo un po’ di tempo, un pizzico di buona volontà e l’utilizzo di ingredienti che è possibile trovare facilmente in qualsiasi alimentari o supermercato. Anche il peperoncino, da dosare in base al risultato che si vuole ottenere e ai gusti, essendo secco, lo si può trovare agevolmente in qualsiasi stagione.

Le premesse per un buon San Valentino ci sono tutte. #sanvalentino

Ed ecco la ricetta dei Muffins al cacao e peperoncino

Ingredienti per 6 muffins

  • 150 gr. farina macinata a pietra, tipo 1
  • 160 gr. bevanda alla soia e cacao
  • 100 gr. zucchero di canna demerara
  • 35 gr. olio di semi di girasole
  • 2 cucchiai cacao amaro
  • 1 cucchiaino scarso lievito per dolci
  • 1 pizzico di peperoncino secco polverizzato (se lo preferite più hot, aumentate di pochissimo la dose!)
  • q.b mandorle in scaglie per decorare

Preparazione:

Per prima cosa accendete il forno e portatelo ad una temperatura di 180° con funzione ventilata.

Unite il cacao amaro alla farina, il lievito, lo zucchero ed il peperoncino in una larga ciotola.

Successivamente emulsionate l’olio con la bevanda alla soia e cacao, poi unite gli ingredienti liquidi a quelli secchi, mescolando vigorosamente con una frusta in modo da ottenere un morbido composto.

Prendete uno stampo da sei muffins e riempitene ogni cavità con dei pirottini colorati; versateci l’impasto riempiendoli per circa tre quarti. Spolverizzate con alcune scaglie di mandorla.

Cuocete per circa 25-30 minuti a 180° funzione ventilata effettuando la prova dello stuzzicadenti per verificarne l’avvenuta cottura: se punzecchiandolo in centro lo stecchino esce asciutto, il muffin è cotto, altrimenti aumentate di qualche minuto i tempi di permanenza in forno.

Lasciate raffreddare completamente prima di servire.

Questi muffins si conservano in un contenitore ermetico ben chiuso in un luogo fresco, ma non umido, per tre-quattro giorni.

5/5 (497 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

1 commento su “Muffins al cacao e peperoncino per San Valentino

  • Dom 28 Gen 2018 | Marina ha detto:

    Devono essere buoni buoni buonissimi! Ho salvato la ricetta insieme a quella della red velvet e cocco

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Un brunch di San Valentino

Un brunch di San Valentino davvero originale

Proposte sfiziose per un San Valentino diverso dal solito Il brunch di San Valentino è un’idea per festeggiare la festa degli innamorati in modo diverso. Di solito, si predilige la classica cena...

Mini madeleine al pepe rosa

Mini madeleine al pepe rosa e cacao a...

Mini madeleine al pepe rosa e cacao, un dolce davvero speciale Le mini madeleine al pepe rosa e cacao sono un’ottima idea per San Valentino. L’impatto visivo, i colori (tendenti al rosa) e il...

croquembouche

Croquembouche, deliziosi bignè al caramello

Cosa sono i croquembouche? I croquembouche, osservati dall’esterno, assomigliano alla nostra pignolata, tuttavia dovrebbero essere associati più che altro ai celebri profiteroles. Si tratta,...

Tartare di bisonte con uova di quaglia

Tartare di bisonte con uova di quaglia, un...

Tartare di bisonte con uova di quaglia, un piatto di alta classe La tartare di bisonte con uova di quaglia è un secondo piatto raffinato, da sfoderare durante le occasioni speciali. Io lo...

Red Velvet al mais bianco

Red Velvet al mais bianco, torta per grandi...

Perché questa Red Velvet al mais bianco è diversa dalle altre? La Red Velvet al mais bianco e polvere di ibisco non è una torta come le altre, lo potete intuire dal nome. Certo conserva alcune...

Crostata con marmellata di arance e fragole

Crostata con marmellata di arance e fragole per...

Crostata con marmellata di arance e fragole, una combinazione suggestiva La Crostata con marmellata di arance, un dolce per tutti, Questa ricetta è stata preparata non solo perchè è squisita, ma...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-01-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti