Muffin e cupcake, i dolci della pasticceria anglosassone

muffin vs cupcake
Stampa

Muffin e cupcake, un po’ di storia

I muffin e i cupcake sono una realtà consolidata anche in Italia, nonostante il nostro Paese vanti una pasticceria invidiata da tutto il mondo, tuttavia non è immune da influenze estere. D’altronde la cucina è cultura e una commistione di creatività in continua evoluzione. Dunque non stupisce affatto che i muffin e cupcake siano particolarmente apprezzati anche dalle nostre parti. Anche perché hanno una spiccata semplicità, che li rende spesso i primi dolci per gli appassionati di cucina. Ciò non significa che siano banali in quanto a sapore, anzi se preparati con tutti gli accorgimenti del caso, sono davvero deliziosi. Inoltre spiccano per la versatilità, sia per ciò che concerne la forma che per i ripieni e le decorazioni.

Muffin e cupcake hanno un’origine comune, per quanti i primi siano un po’ più “antichi” dei secondi. Nascono in epoca Vittoriana, nel Regno Unito. I primi impasti di muffin e di cupcake venivano preparati in ambito popolare a partire dai resti del pane. Successivamente, la ricetta si è evoluta fino a prevedere un impasto vero e proprio. Nel corso dei decenni muffin e cupcake si sono differenziati, in primis dal punto di vista della forma e successivamente anche in termini di preparazione. Per inciso, il termine muffin è una derivazione di “mouffet”, che in francese significa “soffice” (solo se è associato al pane). Il termine cupcake, invece, è ancora più descrittivo, infatti fa riferimento alla forma del dolce, che assomiglia ad una tazzina.

Muffin e cupcake, quali sono le differenze e  le caratteristiche in comune

Muffin e cupcake condividono principalmente gli ingredienti, che possono essere divisi in due categorie: in polvere e umidi. Gli ingredienti in polvere ovviamente sono la farina, il lievito, il cacao e le eventuali spezie. Gli ingredienti umidi sono, invece, il burro, le uova, il latte e l’olio. Un’altra caratteristica comune è la dimensione, infatti sono entrambi molto piccoli e monoporzione. Inoltre si caratterizzano per una significativa versatilità. Tutto, o quasi, del muffin e del cupcake può essere personalizzato, a partire dalla farina fino a giungere al ripieno e alla decorazione finale. Le versioni più antiche, standard in un certo senso, prevedono un ampio uso dei mirtilli e del cacao.

Anche le differenze sono numerose, ad iniziare dalla forma, infatti i due impasti vengono sistemati in due stampi diversi. I muffin hanno una forma a cupola, invece i cupcake hanno una sommità piatta. Non si tratta di un dettaglio di poco conto, infatti i cupcake possono ospitare creme, frosting e decorazioni più articolate. La differenza più importante, però, riguarda il procedimento. Pur essendo semplice in entrambi i casi, quello dei muffin lo è un po’ di meno. Infatti, consiste nella preparazione di due componenti separate, una secca e una liquida. Prima si realizza l’impasto “secco”, e solo dopo si versano gli ingredienti liquidi. Il procedimento delle cupcake, invece, si basa sul “cream method”, ossia si mescolano tutti ingredienti insieme in prima battuta. Ciò dà vita ad un’altra differenza importante, ossia i muffin sono più compatti rispetto ai cupcake.

Le differenti varianti di muffin

Le varianti dei muffin si differenziano le une dalle altre sia per la composizione dell’impasto che per la guarnizione. Nel primo caso è principalmente una questione di qualità. E’ molto semplice, infatti, imbattersi in muffin di “bassa qualità”, realizzati industrialmente con grassi idrogenati e margarina al posto del burro. Tuttavia, alcune varianti si differenziano anche per la tipologia la farina utilizzata. Si trovano – o è possibile realizzare – ottimi muffin con la farina di riso (mista a farine con migliori capacità panificatorie), con la farina di grano saraceno, con la farina di teff etc.

Per quanto concerne i ripieni e la decorazione, i muffin classici sono ai mirtilli con qualche goccia di cioccolato. Tuttavia, è possibile creare dei deliziosi muffin con marmellate e frutta secca. In genere i muffin non sono ricoperti da glasse o da frosting, ma piuttosto da zucchero a velo. Infine, si segnala una variante molto particolare di muffin salati. In questo caso i muffin vengono arricchiti con verdure (soprattutto zucchine e carote) e più raramente con patate. Anche le spezie cambiano, infatti si passa dalla cannella al cumino e allo zenzero.

Le principali varianti dei cupcake

Discorso parzialmente diverso per i cupcake. In questo caso le varianti giocano principalmente sulla copertura. E’ proprio la copertura a fungere da elemento cardine, e da questo punto di vista le possibilità sono potenzialmente infinite. Molto apprezzate sono le glasse colorate alla vaniglia, al cioccolato bianco e ai frutti rossi. La pasta da zucchero è altresì apprezzata, soprattutto nei Paesi mediterranei. Non mancano comunque coperture realizzate con marmellate e yogurt. Nei paesi anglosassoni, e in particolare nel Regno Unito, i cupcake standard si caratterizzano per un frosting al formaggio e panna. In questo caso il formaggio deve essere un simil-mascarpone, arricchito con abbondante zucchero a velo.

A differenza dei muffin, non esistono cupcake salati. Il particolare impasto, nonché la possibilità di sbizzarrirsi con le coperture, precludono questa opportunità. Una differenziazione, infine, riguarda il lievito. Negli Stati Uniti si utilizza spesso il baking, che è una sorta di lievito super-performante. Nel Regno Unito, invece, si usa maggiormente il lievito di birra. I cupcake con il baking risultano più soffici e più alti.

In quali occasioni preparare i muffin e i cupcake?

Di base, i muffin e i cupcake sono stati pensati per le colazioni dolci. Questa affermazione può sembrare strana, ma è coerente dal momento che nei Paesi anglosassoni la colazione è spesso e volentieri salata. Le colazioni in questo caso rappresentano una fonte di carboidrati, sali minerali e persino di proteine, date dal latte e dalle uova. Tra l’altro, l’impatto estetico che contraddistingue questo tipo di colazioni si presta ad un buon inizio di giornata.

Ovviamente, tanto i muffin quanto i cupcake possono essere gustati anche a merenda, magari in occasione di una visita di amici o parenti. In virtù della loro versatilità, e del gradevole impatto estetico, permettono di fare bella figura con il minimo sforzo. Infine, possono fungere anche da originale e gustosa idea regalo, in questo caso i cupcake funzionano meglio dei muffin. D’altronde i cupcake offrono qualcosa di più dal punto di vista estetico, stimolando maggiormente la creatività con forme e colori sempre unici ed originali. Il riferimento è ovviamente alle glasse, alle coperture e alle creme che possono guarnire al meglio le vostre deliziose preparazioni.

CONDIVIDI SU
30-04-2021
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti