bg header
logo_print

Tagliatelle ai mirtilli con ribes e champignon: una delizia!

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

tagliatelle ai mirtilli con ribes e champignon
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 30 min
cottura
Cottura: 10 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (1 Recensione)

Un primo eccezionale: tagliatelle ai mirtilli con ribes e champignon

Le festività stanno per inziare! Conquistate parenti e amici servendo in tavola le tagliatelle ai mirtilli con ribes e funghi champignon. Un tripudio di sapori e aromi di cui godere fino all’ultimo boccone. Mirtilli, ribes, champignon: elementi distintivi che s’incontrano in una ricetta dal gusto unico e inconfondibile, perfetta per celebrare al meglio le feste natalizie, in compagnia delle persone a noi più care.

Personalmente le adoro! Credo, infatti, che le tagliatelle ai mirtilli con ribes e champignon siano una proposta culinaria che soddisfa, e in un certo senso sorprende, anche i palati più esigenti.

Ricetta tagliatelle ai mirtilli

Preparazione tagliatelle ai mirtilli

  • Versate tutti gli ingredienti, nelle dosi indicate, direttamente nella coppa di una planetaria. Impastate il tutto con l’ausilio di un braccio a foglia, fino a che il composto non risulterà compatto ed omogeneo.
  • Levate dunque l’impasto dalla planetaria e ricavatene una palla. Avvolgete l’impasto con la pellicola alimentare e ponetelo a riposare in frigo per 30 minuti.
  • Dopo il tempo di riposo, riprendete la palla di pasta dal frigo e lavoratela su di un tagliere, infarinato con della farina di riso.
  • Stendete dei panetti fino ad uno spessore di circa 2-3 millimetri (col mattarello o nello stendipasta) e tagliate la sfoglia con l’apposita macchinetta per le tagliatelle.
  • Create dei nidi raccogliendo le tagliatelle e lasciatele a riposo, infine spolverate con della farina di riso e lasciateli riposare 1 ora prima dell’utilizzo.
  • I tempi di cottura delle tagliatelle ai mirtilli con ribes e champignon varieranno a seconda che le cuociate freschissime o secche.
  • Fate bollire una pentola con abbondante acqua calda quindi, quando starà bollendo aggiungete il sale grosso e mettete la pasta di mirtillo a cuocere per circa 10 minuti.
  • Intanto, rimuovete ogni traccia di terra dai funghi, rimuovete la parte finale del gambo e tagliateli a fettine sottili.
  • Fate quindi scaldare un filo d’olio extra vergine d’oliva in una padella e fatevi rosolare per qualche minuto i funghi.
  • Scolate quindi la pasta una volta che sarà cotta e dividetela nei piatti.Guarnitela con olio, sale e pepe, aggiungetevi i ribes, il timo e i funghi.
  • Decorate a piacere e infine servite in tavola. Buon appetito!

Per la preparazione delle tagliatelle:

  • 300 gr. di mix per pasta fresca La Veronese,
  • 3 uova intere,
  • 1 tuorlo,
  • 20 gr. d’acqua naturale,
  • 4 gr. di polvere di mirtilli,
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di farina di riso (per il tagliere)

Per il condimento:

  • 100 gr. di ribes,
  • 100 gr. di funghi champignon,
  • q. b. di timo fresco,
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva,
  • q. b. di sale e di pepe

Mirtilli e ribes: un vero toccasana!

Il consumo delle bacche di mirtillo apporta numerosi vantaggi al nostro organismo rendendo la ricetta delle tagliatelle ai mirtilli con ribes e champignon un piatto sicuramente gustoso ma, al contempo, fonte di grandi risorse benefiche. I mirtilli, infatti, contengono molti acidi organici, zuccheri, tannini, pectina, le vitamine A, C e, in quantità minore, la vitamina B (B1, B2), PP, sali minerali essenziali per l’organismo (calcio, fosforo, ferro, sodio e potassio), e i glucosidi antocianici (mirtillina).

Questi ultimi oltre a dare al frutto il suo caratteristico colore, riducono la permeabilità dei capillari e rafforzano la struttura del tessuto connettivo. Ci tengo a ricordarvi che le antocianine (antiossidanti) favoriscono e aumentano la velocità di rigenerazione della porpora retinica degli occhi, che è il pigmento della retina, essenziale per la visione in condizioni di scarsa luminosità, acuendo la vista specialmente la sera. Nella ricetta di oggi, infine, non potevano mancare i ribes, un altro concentrato di salute grazie alle proprietà antinfiammatorie e diuretiche.

Tagliatelle ai mirtilli con ribes

Prepariamo le tagliatelle ai mirtilli con ribes e champignon

Oggi vi presento una ricetta che sono certa, non deluderà le vostre aspettative. Le tagliatelle ai mirtilli con ribes e champignon rappresentano un’eccellenza in cucina, facile da preparare e ideale per chi sceglie di mangiare sano e nutriente anche a Natale. Infatti, questo primo piatto, per veri buongustai, piace davvero a tutti, ad adulti e bambini, agli intolleranti al glutine e/o al lattosio e, infine, ai vegetariani.

Un consiglio spassionato per le vostre creazioni in cucina: le tagliatelle ai mirtilli sono deliziose anche condite con burro alle erbe e mirtilli appena spadellati, con funghi freschi saltati in padella, con robiola di Roccaverano e una scorza di limone.

La ricetta delle tagliatelle fatte in casa

Lo so, la tentazione di acquistare le tagliatelle al supermercato è forte, anche perché in genere i prodotti sono comodi e di qualità. Tuttavia, vi consiglio di dare una chance alla preparazione fatta in casa di queste tagliatelle ai mirtilli, ne trarrete maggiore soddisfazione e vi divertirete! Niente paura, la ricetta delle tagliatelle fatte in casa è più semplice di quanto possiate immaginare, a patto ovviamente di disporre degli strumenti adeguati.

Nello specifico avrete bisogno di una planetaria e di una macchina per la pasta, la cosiddetta sfogliatrice. Sia chiaro, potete anche procedere manualmente, ma in questo caso sarebbe necessaria una spiccata manualità.

Ad ogni modo per preparare le tagliatelle dovete versare le farine (il mix per pasta fresca La Veronese), le uova, il tuorlo, l’acqua e l’olio in una planetaria con braccio a foglia. Poi azionate il macchinario e attendete la formazione di un impasto compatto e omogeneo. Modellate quest’ultimo a forma di palla, avvolgetelo nella pellicola alimentare e fatelo riposare in frigo per mezz’ora.

Trascorso questo lasso di tempo stendete l’impasto fino a fargli acquisire uno spessore di un paio di millimetri e ricavate delle tagliatelle con la sfogliatrice. Infine, ammucchiate le tagliatelle come per formare un nido, spolveratele con la farina di riso e attendete un’ora prima di passare alla cottura.

I condimenti delle tagliatelle ai mirtilli

I funghi champignon sono condimenti perfetti per le tagliatelle ai mirtilli in quanto propongono sentori variegati, che danno vita a un’esperienza gastronomica davvero unica. Tuttavia, vale la pena parlare delle alternative, alcune sono tradizionali altre meno, che meritano di essere provate.

Il condimento più tradizionale delle tagliatelle è il ragù di carne. In genere si usa il trito di maiale e di manzo, da cuocere a fiamma bassa su un soffritto di carote, cipolla e sedano. Poi si procede con la sfumatura con il vino rosso, che ammorbidisce il sapore della carne e crea una certa armonia tra i sapori.

Un altro condimento tradizionale, per quanto estremamente leggero, è composto da burro e salvia. Il burro dona morbidezza, mentre la salvia apporta un inconfondibile aroma. In linea di massima è un condimento che lascia spazio alla pasta, valorizzandola in modo semplice ed efficace.

Un condimento più particolare potrebbe essere quello con stracchino e rucola. E’ anche il più semplice da realizzare in quanto lo stracchino viene posto alla fine, quasi a mo’ di mantecatura, mentre la rucola funge sostanzialmente da guarnizione. Infine, un altro condimento da provare è quello a base di panna e prosciutto. Lo so, la panna non gode di una buona reputazione presso gli chef, ma è comunque una risorsa in cucina se viene utilizzata con parsimonia.

Ottimi sono anche i condimenti a base di pesce. In genere si opta per pesci grassi, come il salmone, che vengono abbinati alla ricotta, al formaggio cremoso e alla stessa panna.

Come accompagnare le tagliatelle ai mirtilli

A prescindere dai condimenti, le tagliatelle ai mirtilli sono un tipo di pasta che merita di essere accompagnata da un buon vino. Se il condimento è a base di carne il consiglio è di associare un vino rosso corposo, come il Grignolino o il Pinot nero.

Se invece il condimento vede come protagonisti le verdure, i funghi e il pesce, è bene sfoderare un vino bianco secco non troppo frizzante. In questo caso consiglio il Riesling, il Sauvignon Blanc, il Greco e l’Etna Bianco.

Infine, se il condimento è realizzato con burro e salvia, o è comunque molto leggero, consiglio dei vini bianchi più  leggeri e vivaci, come il Falanghina, lo Chardonnay e il Vermentino.

FAQ sulle tagliatelle ai mirtilli

Che tipo di farina usare per fare le tagliatelle?

In genere per fare le tagliatelle si usa la farina di grano duro o di grano tenero 00, tuttavia in questo caso ho optato per il mix per pasta fresca La Veronese, che spicca per l’assenza di glutine ed è compatibile con i celiaci. Il sapore è leggermente diverso, ma la resa è ottimale.

Quante tagliatelle occorrono per una porzione?

Per una porzione sono necessari 100-120 grammi di tagliatelle. La pasta fresca, infatti, contiene molta più acqua della pasta secca.

Quanto devono essere larghe le tagliatelle?

Le tagliatelle devono essere larghe 7 millimetri circa, che diventano 8 millimetri una volta cotte. Va detto però che la larghezza non è stata codificata con precisione, dunque può capitare che alcune versioni siano più larghe o più strette.

Quanto tempo dura la pasta fresca fatta in casa?

La pasta fresca fatta in casa dovrebbe durare un paio di giorni, ma solo se viene riposta in un contenitore a chiusura ermetica. A differenza di quanto si crede, non va conservata a temperatura ambiente ma in frigorifero.

Ricette di tagliatelle ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Zuppa di legumi con funghi e castagne

Zuppa di legumi con funghi e castagne, una...

Come scegliere i legumi La ricetta della zuppa di legumi con funghi e castagne è pensata per garantire ampia flessibilità nella scelta degli ingredienti. Di base potete utilizzare i legumi che...

Ravioli con sugo di pesce

Ravioli con sugo di pesce, un primo piatto...

Come preparare il sugo di pesce Il pezzo forte di questo primo piatto di pasta a base di ravioli è il sugo di pesce. Potremmo considerarlo come una sorta di ragù “ittico”, specie se si guarda...

Riso Jasmine con tofu

Riso Jasmine con tofu, un bel primo orientale...

Cosa sapere sui germogli di fagioli mungo Prima di parlare della ricetta del riso Jasmine facciamo un bella panoramica degli ingredienti in gioco, o almeno di quelli che meritano una menzione...