Crostata di riso e miglio con confettura di mirtilli

crostata di riso e miglio
Commenti: 0 - Stampa

Un dessert perfetto per i celiaci e gli intolleranti al lattosio.

Crostata di riso e miglio con confettura di mirtilli: un dessert sano. La cucina gluten free è un trionfo di creatività e gusto. A dimostrarlo ci pensano ricette come quella che vi sto per presentare. Oggi voglio parlarvi della crostata di riso e miglio con confettura di mirtilli. Dolce delizioso, è ideale per la colazione e perfetta anche per gli intolleranti al lattosio. Se siete curiosi di sapere qualcosa di più sui suoi ingredienti, seguitemi ancora per qualche riga!

La farina di riso è ottenuta dalla macinazione dell’omonimo cereale. Quali sono le sue proprietà? Tra le principali è possibile ricordare la presenza di vitamine del gruppo B, fondamentali per il metabolismo energetico della cellula.

Come già ricordato, è anche priva di glutine. Questo la rende adatta a chi soffre di celiachia e intolleranza al glutine, due condizioni differenti.

Mai provata una Crostata di riso e miglio?

Quando si sceglie la farina di riso, è essenziale acquistare un prodotto integrale, frutto di processi di agricoltura biologica. Per quale motivo? Perché la farina di riso rafinata è molto ricca di amido e, soprattutto, povera di principi nutritivi importanti, come per esempio le fibre e le vitamine.

Un luogo comune riguardo a questa farina è legato alla sua leggerezza. A livello di apporto calorico ha poca differenza rispetto a quella di frumento.

Ottima come addensante e per mantecare paste e risotti, viene utilizzata anche per impanare le fritture, così da renderle più leggeri.

Crostata di riso e migli con confettura di mirtillo

Farina di semi di lino: perché fa bene?

Un altro ingrediente di questa crostata di riso e miglio con confettura di mirtilli è la farina di semi di lino. Questo alimento ha origini molto antiche. Priva di glutine, è ricca di fibre. Questo la rende un’ottima alleata contro la costipazione intestinale e i picchi glicemici.

La farina di semi di lino, inoltre, è in grado di tenere sotto controllo i livelli di colesterolo cattivo LDL, il che è ottimo per la salute del cuore. Da citare, inoltre, è la presenza di acido alfa-linoleico, un acido grasso essenziale per la salute.

Questa farina gluten free è adatta anche ai diabetici, in quanto aiuta a rallentare l’assorbimento degli zuccheri nel sangue.

Ora non rimane altro che prepare la crostata! La ricetta, vi assicuro, è alla portata di tutti e il successo è assicurato!

Ed ecco la ricetta della Crostata di riso e miglio

Ingredienti per la pasta frolla:

  • 80 gr. di farina di riso
  • 80 gr. di farina di miglio
  • 20 gr. di farina di semi di lino
  • 25 gr. di fecola di patate
  • 25 gr. di amido di riso
  • 5 gr. di gomma di guar
  • 1 uovo intero + 1 tuorlo
  • 110 gr. di burro chiarificato
  • 70 gr. di zucchero a velo

per la farcia:

  • 1 vasetto di confettura di mirtilli
  • 50 gr. di mirtilli freschi

Preparazione:

In una terrina mettete tutti gli ingredienti per la pasta frolla, amalgamateli e lavorateli bene, poi formate un panetto. Rivestitelo con la pellicola e mettetelo in frigorifero a riposare per almeno 2 ore.

Una volta trascorso il tempo indicato stendete la frolla sulla carta forno e mettetela in una tortiera, ritagliando l’impasto in eccesso.

Farcite la frolla con la confettura di mirtilli e aggiungete i mirtilli freschi. Con uno stampino, dalla frolla in esubero, ritagliate dei cuore adagiatelisopra lo strato di confettura.

Fate cuocere la crostata di riso e miglio in forno già caldo a 180°per circa 30 minuti e comunque fino a che la frolla avrà assunto un bel colore dorato.

 

5/5 (397 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cioccolata calda con marshmallow

Cioccolata calda con marshmallow, una pausa golosa

Cioccolata calda con marshmallow, un abbinamento perfetto La cioccolata calda con marshmallow è una bevanda ottima per i pomeriggi invernali, o per una pausa all’insegna della dolcezza e del...

Charlotte con crema di castagne

Charlotte con crema di castagne, una deliziosa scoperta

Charlotte con crema di castagne, sapori d’autunno Oggi vi presento la charlotte di castagne (o meglio con crema di castagne), una torta davvero speciale e in grado di conquistare occhi e palato....

budino sbagliato

Il budino sbagliato di Carlo Cracco per stupire...

Il budino sbagliato, quando la creatività incontra la tradizione Il budino sbagliato è una ricetta di Carlo Cracco, il famoso chef stellato ha deciso di interpretare liberamente la ricetta del...

Victoria sponge cake

Victoria sponge cake, un’idea per la Festa dei...

Victoria sponge cake, una delizia della pasticceria anglosassone La Victoria Sponge Cake, come suggerisce il nome, è una specialità della pasticceria inglese. E' conosciuta anche come Victoria...

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco

Torta fredda con Skyr e frutti di bosco,...

Torta fredda con Skyr, una variante sui generis della cheesecake La torta fredda con Skyr e frutti di bosco può essere considerata come l’evoluzione della cheesecake. Il procedimento è simile,...

Parrozzo

Il parrozzo, uno golosissimo dolce abruzzese

Il parrozzo, un dolce al cioccolato fuori dall’ordinario. Il parrozzo, detto anche pane rozzo, è un dolce tipico della cucina abruzzese che vanta una lunga tradizione. E’ stato inventato agli...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-07-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti