bg header
logo_print

Torta di castagne: un dolce morbido per iniziare la giornata

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Torta di castagne
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 20 min
cottura
Cottura: 45 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
4.5/5 (4 Recensioni)

Torta di castagne: un dolce ottimo per una merenda deliziosa

Con l’arrivo delle giornate fredde diventa naturale avere voglia di ritagliarsi qualche momento di relax con le persone care, gustando un dolce autunnale davanti a un bel camino acceso. Non è meraviglioso anche solo il pensiero? Certo che lo è! Ancora più bella è però la possibilità di concretizzare tutto questo preparando dolci meravigliosi come la torta di castagne, un grande classico che, scegliendo con attenzione gli ingredienti, può essere proposto anche agli intolleranti al lattosio e al glutine!

Per fortuna sono tanti i brand che mettono a disposizione soluzioni specifiche dedicate a chi ha carenze di enzima lattasi ma vuole comunque gustare un ottimo dolce nutriente! E lo stesso vale per le farine naturalmente senza glutine esistenti sul mercato.

A questo punto non resta che scoprirne i principali benefici. Vi assicuro che sono tantissimi e che il pensiero di poterli sfruttare rende ancora più interessante la scelta di gustare una bella fetta di torta. 

Ricetta torta di castagne

Preparazione torta di castagne

  • Per preparare la torta di castagne imburrate uno stampo da 22 cm di diametro. Preriscaldate il forno a 180°.
  • In una ciotola montate le uova con lo zucchero e la buccia dell’arancia, finché non avrà una consistenza gonfia e spumosa.
  • Aggiungete la ricotta già precedentemente schiacciata con l’aiuto di una forchetta. Setacciate le farine e il lievito e aggiungetele un po’ alla volta al composto di uova.
  • Infarinate i mirtilli e aggiungeteli delicatamente all’impasto. Infornare  per 40/45 minuti.
  • Fate sempre la prova con uno stuzzicadenti per verificare la cottura.
  • Ottima da servire a temperatura ambiente con una salsa al cioccolato.

Ingredienti torta di castagne

  • 150 gr. di farina di castagne
  • 250 gr. di ricotta senza lattosio
  • 80 gr. di mirtilli
  • 150 gr. di zucchero di canna
  • 30 gr. di farina di riso
  • 50 gr. di fecola
  • 3 uova
  • buccia di un’arancia grattugiata
  • mezza bustina di lievito per dolci

Torta di castagne, ottime alleate dell’intestino 

Le castagne sono caratterizzate da un’eccellente carica nutritiva. Non è un caso se, per tantissimo tempo, sono state un alimento principe della dieta di chi viveva in alta montagna. Molto importante è inoltre ricordare che sono prive di glutine, il che rende questa torta una soluzione perfetta anche per la merenda o per il dopocena dei celiaci. Ovviamente le proprietà benefiche delle castagne non finiscono qui!

Elencarle vuol dire considerare anche la presenza di fibre, principi nutritivi fondamentali per la regolarità intestinale e per tenere sotto controllo la velocità di rilascio degli zuccheri nel sangue.

Torta di castagne

Periodo di convalescenza? Spazio alle castagne!

Mangiare una bella fetta di torta di castagne può rilevarsi un’idea fantastica soprattutto per chi si trova in un periodo di convalescenza. Ricchissime in minerali, le castagne sono un elisir speciale in questi casi. Esistono delle controindicazioni alla loro assunzione? In generale sarebbe meglio evitare di mangiarle se si sta seguendo una dieta ipocalorica, in quanto sono ricche di zuccheri.

Per il resto vanno bene sempre, come dettaglio raffinato in un secondo di carne oppure, come nel caso di questa torta, come ingrediente principale di un dolce che farà leccare i baffi anche a celiaci e intolleranti al lattosio.

Chi dice che queste due diagnosi siano la fine per chi ama la buona tavola deve ricredersi perché le soluzioni per mangiare bene e con gusto ci sono eccome!

Con la farina di castagne si possono realizzare molte ottime ricette come ad esempio il Castagnaccio, un dolce antico amato in tutta Italia. E’ una delle ricette tipiche toscane,  un dolce autunnale a base di farina di castagne, pinoli, uvetta, noci e rosmarino. La bellezza della cucina italiana risiede soprattutto nella sua varietà. In ogni angolo del Paese è possibile trovare piatti diversi, ma anche varianti della medesima ricetta. Il caso del castagnaccio risponde perfettamente a questi criteri.

Oppure  potete preparare il migliaccio di Carnevale, una torta che molti di voi già conosceranno, perché è una delle più famose in assoluto. Pur essendo tipica della Campania, infatti, è apprezzata e realizzata in tutta Italia. Del migliaccio si apprezza il gusto, che è dolce ma non troppo zuccherino, nonché la semplicità della ricetta. Di base è una torta di pasta frolla con un morbido ripieno alla ricotta. Viene preparata soprattutto a Carnevale, benché a Napoli sia tradizione prepararla anche a Pasqua.

I mirtilli nella torta di castagne, una scelta azzeccata

La lista degli ingredienti della torta di castagne comprende anche i mirtilli. Questi non vengono chiamati in causa durante la guarnizione, come capita in molte ricette di pasticcerie, ma partecipano attivamente all’impasto. I mirtilli esercitano dunque un impatto notevole sulla resa finale, ossia trasmettono note acidule capaci di contrastare gradevolmente quelle più rustiche e dolci delle castagne.

Per inciso, potete utilizzare anche i mirtilli anche in fase decorativa. In questo caso creano un bel contrasto anche a livello cromatico.

La presenza dei mirtilli incide anche sul piano nutrizionale. Stiamo parlando infatti di alimenti salutari, in quanto sono ricchi di vitamina C e sali minerali. I mirtilli, poi, esercitano alcune funzioni benefiche: proteggono l’apparato urinario dalle infezioni e migliorano la funzionalità degli occhi. Per quanto concerne l’apporto calorico i mirtilli si pongono sullo stesso livello degli altri frutti di bosco, attestandosi sulle 40 kcal per 100 grammi.

Il contributo della ricotta nella torta di castagne

L’impasto della torta di castagne vanta anche il contributo della ricotta. Nello specifico, la ricotta viene lavorata per formare una crema liscia e sbattuta insieme alle uova e allo zucchero. La ricotta rende l’impasto più gradevole in quanto lo dota di note più delicate, capaci di contrastare le note più rustiche e intense della farina di castagne.

La ricotta è anche un formaggio nutriente. Apporta gli stessi elementi nutritivi dei formaggi più prestigiosi, dunque abbonda di proteine e calcio (che fa bene alle ossa). Contiene anche tracce di vitamina D (che giova al sistema immunitario) ed è poco calorica, infatti apporta 170-200 kcal per 100 grammi.

Se soffrite di intolleranza al lattosio utilizzate la ricotta senza lattosio, facilmente reperibile nei supermercati. A tal proposito vi consiglio di profondere attenzione in fase di scelta, infatti i prodotti di qualità propongono un sapore del tutto sovrapponibile a quello della ricotta originale. Al massimo potreste avvertire un surplus di dolcezza, che comunque non stona più di tanto.

Il sublime tocco della scorza d’arancia nella torta di castagne

La scorza d’arancia gioca un ruolo più importante di quanto si possa immaginare in questa torta con castagne. In questa ricetta viene tritata e aggiunta nell’uovo da sbattere insieme allo zucchero, trasmettendo il suo aroma fresco e allo stesso tempo leggermente amaro.

La scorza d’arancia incide però anche sotto il profilo nutrizionale. Per esempio, è ricca di pectina, una sostanza dalle mille proprietà che spicca per l’azione regolatrice sul metabolismo degli zuccheri. L’arancia è inoltre ricca di flavonoidi, degli antiossidanti efficaci in quanto aiutano a prevenire il cancro e rallentano l’invecchiamento.

La scorza di questo prezioso agrume contiene anche il limonene e altri oli essenziali, sostanze che esercitano funzioni antimicrobiche e antinfiammatorie, inoltre supportano il sistema immunitario e contribuiscono alla prevenzione di infezioni.

FAQ sulla torta di castagne

Che dolce si può fare con le castagne?

Con le castagne si possono fare molti dolci, a partire dalle torte in stile ciambelle, come quella che vi presento oggi. Le castagne sono protagoniste di molte ricette di pasticceria tradizionale, come il celebre Mont Blanc (che vede la partecipazione anche del cacao e del rum), il migliaccio e molto altre ricette.

Costa sta bene con le castagne?

Le castagne si sposano con una vasta gamma di ingredienti. Tuttavia, danno il meglio di sé con il cacao, le nocciole, la ricotta e alcuni liquori intensi e dolci.

Come si produce la farina di castagne?

Per produrre la farina di castagne è necessario essiccare il frutto per un periodo piuttosto lungo, che può superare le quattro settimane. Dopodiché si procede con la macinazione, fino ad ottenere una polvere molto sottile.

Quanto tempo dura la farina di castagne?

A differenza di altre farine alternative, la farina di castagne “non scade”. Essendo il prodotto della macinazione del frutto essiccato non va incontro a deperimento. Ovviamente, va conservata per bene in un luogo poco umido e al riparo dalla luce diretta del sole.

Quanto deve cuocere la torta di castagne?

La torta di castagne deve cuocere per 40-45 minuti in forno preriscaldato a 180 gradi. E’ comunque consigliato procedere con la prova dello stecchino prima di spegnere il forno e sfornare la torta.

Ricette con castagne ne abbiamo? Certo che si!

4.5/5 (4 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...