bg header

Crema di castagne alla vaniglia, successo assicurato!

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Crema di castagne alla vaniglia

Crema di castagne alla vaniglia, un successo assicurato!. Il Natale è ormai alle porte, con le sue luci, i regali, le feste…e le abbuffate, naturalmente!

La nostra tradizione vuole che la sera prima di si mangi di magro, ovvero evitando la carne. In alcune case la cena della Vigilia è l’evento principale delle feste natalizie: si trascorre l’intera serata a tavola e, dopo il panettone, si scartano i regali presenti sotto l’albero prima di andare alla messa di Natale.

In altre case, invece, è il pranzo del 25 Dicembre ad essere il momento principale dei festeggiamenti natalizi. Nella nostra famiglia seguiamo questa tradizione, solitamente scartiamo i regali tra una portata e l’altra, mentre ridiamo e scherziamo in compagnia fino  a sera.

Il Natale è una festa speciale da passare in compagnia delle persone care. Per trascorre questa occasione in allegria, la tradizione vuole che i festeggiamenti vengano onorati intorno ad una tavola vestita a .

Sono anni che trascorriamo questa festa in compagnia di pochi amici intimi e con mia sorella Mary, mio cognato Enzo e il mio adoratissimo nipote Matteo.

Come sempre Marina farà una torta splendida, Maria Grazia preparerà il suo magnifico tiramisù. E io? Che ne dite di questa splendida Crema di alla vaniglia.

Crema di castagne alla vaniglia

Le proprietà nutrizionali delle castagne

Inizio ad approfondire i benefici della crema di castagne alla vaniglia partendo proprio dall’ingrediente principale! Quali sono le proprietà delle castagne? Tra le più importanti è possibile ricordare la presenza di minerali come il potassio, fondamentale per l’efficienza della circolazione ematica.

Le castagne contengono anche il fosforo, fondamentale per la salute del tessuto cerebrale. Quando si passano in rassegna le loro proprietà bisogna ricordare anche la presenza di vitamina B, essenziale per la salute del sistema nervoso.

Forse pochi sanno che le castagne sono ricchissime di vitamina C. Questa sostanza è fondamentale per la sintesi del collagene e per combattere l’azione dei radicali liberi.

I benefici della vaniglia

Parlarvi di questa crema di castagne alla vaniglia vuol dire anche entrare nel vivo dei benefici del secondo ingrediente principale. Cosa si può dire in merito? Quando si parla di proprietà della vaniglia bisogna ricordare prima di tutto la sua efficacia dal punto di vista antitumorale.

Questo beneficio è dovuto alla presenza della vanillina, un polifenolo che si contraddistingue per le sue ottime proprietà antiossidanti. Ora non vi resta che cimentarvi con la ricetta. Vi assicuro che è semplicissima ma davvero d’impatto.

Ingredienti per 6 persone:

  • 500 g di castagne,
  • 4 tuorli d’uovo,
  • 120 g di zucchero a velo,
  • 1 cucchiaiata di farina di riso,
  • 6 cucchiaiate di zucchero,
  • ½ l di latte intero consentito,
  • 1 baccello di vaniglia,
  • ¼ di l di panna consentita montata zuccherata,
  • 1 bicchierino di rum,
  • 2 albumi montati a neve ferma,
  • 1 cucchiaio di crema di vaniglia,
  • sale.

Per la decorazione: 50 gr. di pistacchi.

Preparazione

Lavate le castagne, incidetele con un coltellino ben appuntito, poi fatele cuocere coperte in abbondante acqua salata in una pentola insieme con la bacca di vaniglia.

Quando le castagne saranno lessate pelatele con pazienza, poi ‘passatele al tritatutto elettrico unendovi lo zucchero a velo e il rum e travasate il passato in una terrina. Fate scaldare, in una casseruola, il latte insieme con la crema di vaniglia e portatelo a lenta ebollizione.

A parte battete, con una piccola frusta, i tuorli d’uovo con lo zucchero in una casseruola. Quando il composto sarà soffice e ben montato, amalgamatevi la farina, rimescolate e versatevi sopra, facendolo scendere a filetto, il latte caldo profumato con la vaniglia

Ponete su fuoco moderato il tutto e, sempre mescolando nel medesimo senso con il cucchiaio di legno, fate cuocere la crema, togliendola dal fornello non appena accenna l’ebollizione, quindi versatela in un’ampia terrina.

Aggiungete ora, poco alla volta, alla crema appena preparata la purea di castagne, rimescolando piuttosto energicamente per farla ben legare.

Usate la panna molto fredda. Montate alla massima velocità per almeno 3 minuti, anche di più, se volete una maggiore consistenza

Lasciate raffreddare la preparazione, poi aggiungetevi, a cucchiaiate, e con delicatezza, gli albumi montati a neve ferma. Infine completate la crema con l’aggiunta della panna montata, rimescolate con delicatezza più volte e suddividete infine la crema nelle singole tazze.

Fate raffreddare in frigorifero per 3 ore prima di servire e decorate ogni tazza con alcuni pistacchi spellati in acqua bollente e poi tritati grossolanamente.

Tempo occorrente: 2 ore

Tempo di riposo in frigorifero: 3 ore

5/5 (1 Recensione)
Riproduzione riservata
CONDIVIDI SU

4 commenti su “Crema di castagne alla vaniglia, successo assicurato!

  • Mar 6 Dic 2011 | Stefy ha detto:

    BUONA!!!!!!!!!!!!!!

  • Mer 7 Dic 2011 | Doriana ha detto:

    Deliziosa, i pistacchi poi sono un’ottima decorazione, inusuale per un piatto del genere!

  • Mer 11 Apr 2018 | carlo ha detto:

    Deliziosa, i pistacchi poi sono un’ottima decorazione, inusuale per un piatto del genere

    • Mer 11 Apr 2018 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buonasera sarà inusuale ma è davvero un buon abbinamento!

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Crostini di foie gras

Crostini di foie gras, l’antipasto elegante per Capodanno

Perché è meglio usare la baguette? Quale pane utilizzare per i crostini di foie gras? Stiamo parlando di una specialità francese, dunque la baguette è d’obbligo, tra l’altro la baguette si...

Punch natalizio al cocco

Punch natalizio al cocco, la bevanda per le...

Cosa sapere sul latte di cocco Buona parte del sapore di questo punch alcolico natalizio è dato proprio dal latte di cocco. Le sue note morbide e dolci emergono in modo preponderante, ma sono...

Nocchiata

Nocchiata, il dolce natalizio della cucina romana

Quale frutta secca usare per la nocchiata? La ricetta della nocchiata, benché molto antica, è declinata in diverse varianti. L’elemento di differenziazione più importante è proprio la frutta...

logo_print