Crema di broccoli e caciocavallo: un piatto sano!

Crema di broccoli e caciocavallo
Commenti: 0 - Stampa

Crema di broccoli e caciocavallo: un piatto sano!. Oltre che sano, a ragione di tutte le eccellenti proprietà benefiche per la nostra salute di cui è prezioso portatore, questo piatto risulta ideale anche per gli intolleranti al glutine e al lattosio

La tecnologia oggigiorno adottata per la produzione dei formaggi non contempla l’uso di ingredienti con glutine né eventuali successive aggiunte, dunque via libera ai formaggi per loro e abbiamo adoperato del caciocavallo stagionato per poterla adattare anche a chi ha problemi di lattosio

Ad ogni buon fine ed, a scanso di equivoci, abbiamo pensato a questa ricetta che è idonea a far parte della dieta dei soggetti intolleranti al glutine e al lattosio.

Si tratta di due ingredienti che sono alla base di una straordinaria e semplicissima ricetta, la crema di broccoli e caciocavallo, che riporteremo in calce.

I broccoli: salubri e di un’infinita bontà

La nostra varietà, italica, appartiene alla famiglia delle Crucifere.

I broccoli sono anche conosciuti col nome di cavolo-broccoli, poiché appartengono all’omonima categoria, benché si differenzino notevolmente dalla maggior parte degli altri fiori pur appartenenti alla stessa famiglia quali: crescione, ravanello, cavolo e cavolini di Bruxelles. Il termine “broccolo”deriva da brocco (dal basso latino broccu-m che originariamente significava “germoglio”), con il tempo il termine stette a riferirsi ad alcune qualità di cavoli all’inizio della loro prima fioritura.

Vero è che alcune componenti dei broccoli, come il betacarotene, resistono al calore, ma molti altri, come l’I3C (molecola antitumorale) sono sensibilmente termolabili. Come in tutte le cose meglio scegliere un compromesso, optando dunque per una leggera cottura al vapore.

E’ stato infatti dimostrato che, se frullati o cotti a vapore, i broccoli sono in grado di preservare e valorizzare in maniera eccelsa tutte le loro fantastiche proprietà benefiche.

La ricetta: così golosa che conquisterà anche i bambini!!!

La mia Erika ha fatto il bis. I broccoli, è noto, non molto sono graditi da parte dei bambini.

La loro forma ed il loro odore, in effetti, non aiuta molto: questo ne fa una ragione di più per reperire qualche modo di presentarli in una versione golosa ed allettante.

Abbiamo pensato a questa ricetta, crema di broccoli e caciocavallo proprio per dar vita ad un piatto alternativo che vede per protagonista i salutari broccoli che, un po’ … camuffati, recano con sé un  sapore nuovo.

Eccone di seguito ingredienti e preparazione.

Ingredienti per 4 persone

  • 1/2 Kg broccoli,
  • 100 gr. caciocavallo stagionato,
  • 1,5 litri brodo vegetale,
  • 1 confezione panna consentita,
  • 1 nr. scalogno,
  • 2 radici di taro,
  • 2 cucchiai farina di tapioca,
  • 3 cucchiai di  olio extravergine d’oliva,
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Pelate il taro e riducetelo a dadini. Lavate i broccoletti e divideteli a cimette. Tritate lo scalogno e fatelo appassire con un filo d’olio.

Aggiungete la tapioca e il brodo, salate e pepate. A questo punto aggiungete i broccoletti e il taro

Alzate la fiamma fino a quando bolle quindi abbassatela e proseguite la cottura per circa 30 minuti.

Passate il tutto con un frullatore a immersione, aggiungete la panna ed il caciocavallo grattugiato grossolanamente, mescolate ancora qualche istante e spegnete la fiamma. Prima di servire date una spolverata di caciocavallo grattugiato fine.

Una curiosità

I broccoli, a differenza di altri ortaggi, richiedono cottura per essere consumati. Non tutti sanno però che è da prediligere una cottura a bassa temperatura, in quanto in grado di favorire il rilascio di alcune sostanze protettive.

5/5 (398 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


30-06-2015
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti