bg header
logo_print

Patate sfogliate, un contorno croccante e gustoso

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Patate sfogliate
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (8 Recensioni)

Patate sfogliate, come valorizzare questo tubero con soli tre ingredienti

Le patate sfogliate sono un contorno che rispetta la tradizione italiana ma allo stesso tempo aggiunge un piccolo elemento di innovazione. In questo contorno, infatti, le patate vengono preparate in modo da produrre un gradevole effetto “sfogliato”. A primo acchito si ha la sensazione di trovarsi di fronte a una versione rustica e casalinga delle patate in busta, o delle chips. Già al primo assaggio, però, si viene catturati da un sapore molto aromatico, nonché da una texture a metà strada tra il morbido e il croccante.

Nello specifico, le patate vengono tagliate a fette molto fini, intinte in un condimento a base di burro e disposte a tre su una teglia. Infine, vengono cotte al forno.

Quali patate utilizzare? Per questa ricetta vi consiglio di optare per le patate a pasta gialla, le uniche a vantare una consistenza adeguata e una quantità di amido non eccessiva. Quest’ultimo dettaglio è molto importante se si considera che le fette non devono incollarsi una all’altra (o almeno non del tutto).

Ricetta patate sfogliate

Preparazione patate sfogliate

Ecco come realizzare le patate sfogliate.

  • Lavate le patate, pelatele e affettatele con una mandolina. Poi asciugatele con estrema delicatezza, utilizzando della carta assorbente o un canovaccio.
  • Ora versate il burro in un pentolino e scioglietelo a fiamma molto bassa, infine mettetelo in una grande ciotola con il sale, il pepe e il rosmarino tritato finemente.
  • Poi versate le fette di patate, mescolando con cura in modo che assorbano più condimento possibile. Si tratta di un passaggio fondamentale in quanto permette alle fette di non incollarsi l’una all’altra in fase di cottura.
  • Ricoprite uno stampo rettangolare con la carta da forno e disponete al suo interno le patate, affiancandole a tre a tre. Infine, compattate i “gruppi” di fette e cuocete al forno a 180 gradi per 45-60 minuti. In questa fase controllate spesso la cottura facendo la prova dello stecchino.
  • Infine servite, portando in tavola la teglia in modo da conservare l’effetto scenografico.

Ingredienti patate sfogliate

  • 800 gr. di patate
  • 90 gr. di burro chiarificato
  • 2 rametti di rosmarino
  • q. b. di sale e di pepe.

Perché abbiamo usato il burro chiarificato?

Tra gli ingredienti principali del condimento, che sono capaci di rappresentare un valore aggiunto per le patate sfogliate, spicca il burro. Il burro viene fatto sciogliere in un pentolino a fiamma bassa, poi viene unito al rosmarino tritato, al sale e al pepe. Infine, le patate vengono immerse nel condimento così preparato e sottoposte a cottura.

Fate attenzione, vi consiglio di utilizzare solo il burro chiarificato. Questo tipo di burro è privo di caseine e quindi capace di resistere alle elevate temperature. Il burro classico, invece, è ricco di caseine e produrrebbe uno sgradevole sentore di bruciato.

Il burro chiarificato ha un altro pregio, non contiene lattosio. Anche il burro normale non contiene chissà quanto lattosio, ma la differenza si fa comunque sentire se si soffre di intolleranza al lattosio.

L’unico difetto del burro chiarificato è l’apporto calorico, che è superiore a quello del burro normale e più vicino all’olio. Ma non è un vero problema, essendo il burro più concentrato e quindi utilizzato in dosi inferiori.

Tutta la potenza aromatica del rosmarino

Anche il rosmarino gioca un ruolo importante nella ricetta delle patate sfogliate in quanto aromatizza il condimento a base di burro fuso, e di conseguenza anche le patate. Ovviamente, il rosmarino va tritato finemente, in modo da ottimizzare e massimizzare il suo effetto aromatico. Il rosmarino è l’erba aromatica perfetta per le patate. Con il suo sentore amarognolo ed aromatico esalta il sapore corposo del tubero.

Patate sfogliate

Il rosmarino è un’ottima erba aromatica, ma è possibile apprezzare anche interessanti alternative. Si potrebbe utilizzare anche l’origano, che propone sentori leggermente amari e trasmette un gusto più deciso. Inoltre, si potrebbe utilizzare anche il timo se lo scopo è di ottenere una versione ancora più delicata delle patate sfogliate. Il timo, pur manifestando un carattere aromatico, propone note che ricordano il limone.

Infine c’è l’alloro, tuttavia in questo caso risulterebbe un po’ troppo pesante e coprente rispetto agli altri ingredienti. Proprio per questo vi consiglio di evitarlo.

Come cuocere le patate sfogliate?

La ricetta delle patate sfogliate è semplice, ma richiede qualche accorgimento in fase di cottura. La consistenza delle patate, infatti, deve essere a metà strada tra il morbido e il croccante, richiamando allo stesso tempo le classiche patate al forno, le patate dolci al forno e le chips.

Come fare per ottenere questo risultato? Tanto per cominciare è bene predisporre una cottura lunga, della durata di almeno tre quarti d’ora. Durante tutto il processo la cottura andrebbe verificata con la prova dello stecchino dopo la prima mezz’ora. Questa verifica è necessaria in quanto la pietanza può cuocersi in tempi variabili a seconda delle proprietà del burro e delle patate.

Ad ogni modo, la prova dello stecchino consiste nell’infilzare le patate in fase di cottura, se lo stecchino affonda in modo agevole allora le patate sono pronte. Le patate, infatti, devono essere croccanti fuori (o almeno lungo il loro perimetro) e abbastanza morbide dentro.

FAQ sulle patate sfogliate

Chi non deve mangiare le patate?

Le patate sono off limits per chi soffre di allergia alle solanacee, infatti contengono la solanina (al pari di altri alimenti come le melanzane).

Quante volte alla settimana si possono mangiare le patate?

Le patate sono alimenti ad alto contenuto energetico, benché non siano troppo caloriche. La frequenza consigliata è circa tre volte a settimana.

Chi ha il colesterolo alto può mangiare le patate?

Non vi è alcuna controindicazione per chi soffre di colesterolo alto, d’altronde le patate non sono grasse. Secondo recenti studi, anzi, le patate potrebbero rappresentare un valido aiuto in caso di colesterolemia elevata.

Ricette con le patate ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (8 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Peperonata senza pomodoro

Peperonata senza pomodoro, un’alternativa più digeribile

Quale cipolla utilizzare? La lista degli ingredienti della peperonata senza pomodoro comprende anche le cipolle. Il dubbio è sempre lo stesso: quale varietà di cipolle utilizzare? La scelta è un...

Ghirlanda salata con gamberi

Ghirlanda salata con gamberi: un contorno unico per...

Un contorno completo e ricco di gusto Questo contorno a forma di ghirlanda colpisce anche per la sua completezza. Troviamo infatti alimenti ittici (come i gamberi), la frutta esotica (come...

Insalata di pane zichi

Insalata di pane zichi, una tipica ricetta sarda...

Cosa sapere sullo zichi Il protagonista di questa insalata è ovviamente il pane zichi, anche noto come “su zichi” (dove per “su” si intende l’articolo “il/lo”). Lo zichi è un...