Red Velvet al mais bianco, torta per grandi occasioni

Red Velvet al mais bianco
Commenti: 0 - Stampa

Perché questa Red Velvet al mais bianco è diversa dalle altre?

La Red Velvet al mais bianco e polvere di ibisco non è una torta come le altre, lo potete intuire dal nome. Certo conserva alcune delle caratteristiche di questa interessante torta anglosassone, come la presenza di un delizioso frosting al formaggio e panna, e la decorazione con frutti rossi (da scegliere a piacere); tuttavia presenta anche tanti elementi di differenziazione. Per esempio la farina, la versione che vi presento oggi non è realizzata con la farina di grano, bensì con la farina di mais bianco. E’ una farina speciale, soprattutto perché non contiene glutine e quindi può essere consumata anche dai celiaci e dagli intolleranti a questa sostanza.

 Il mais bianco è una vera panacea per chi ama la cucina fai da te sana e genuina. Il suo essere estremamente versatile ne fa un ingrediente ideale con cui preparare dolci, frittelle, ma anche tante preparazioni salate. Il mais è povero di sodio, mentre è ricco di minerali quali: magnesio, calcio e fosforo, ferro, potassio. Esso è altresì ricco di vitamina A e di vitamine del gruppo B (vitamina B1, B2, B3).

Con la farina di mais è possibile preparare di tutto, ma quel che è più bello è che, trattandosi di una farina naturalmente senza glutine rappresenta un ingrediente da prediligere quando si intende preparare per tante persone, tra le quali può esserci anche qualche celiaco. Non è facile trovare un ingrediente così versatile e al tempo stesso adatto proprio a tutti, senza distinzioni.

A parte questo, la farina di mais bianco presenta alcune caratteristiche molto interessanti. Infatti è davvero ricca di fibre, persino più della farina di grano integrale. Inoltre contiene dosi elevatissime di ferro: 100 grammi di farina di mais bianco apportano il 30% del fabbisogno giornaliero di ferro. Discorso simile per il fosforo, un altro sale minerale fondamentale. Il mais bianco è anche ricco di vitamine, il riferimento è in particolare alla vitamina B6.

La farina di mais bianco è di per sé senza glutine, senza lattosio e a basso contenuto di nichel. Il mais bianco ha una bassissima presenza di nichel: 0,07mg/kg, una quantità trascurabile; farina 00, integrale e mais giallo ne hanno da 6 a 30 volte di più. Allo scopo di assicurare un prodotto sicuro a tavola, il nostro consiglio è però quello di assicurarvi che sia composta al 100% da mais e che non contenga altri ingredienti che ne possano alterare questa importante caratteristica. Per averne la garanzia, basta leggere attentamente le etichette che per legge devono essere chiare e comprensibili.. Per quanto riguarda l’apporto calorico siamo nella media delle altre farine.

L’ingrediente segreto di questa Red Velvet

Questa Red Velvet al mais bianco ha tre elementi davvero unici. Il primo è il mais bianco, di cui ho già parlato, il secondo è la polvere di ibisco, che approfondirò nel prossimo paragrafo. Qui però vorrei trattare quello che è il vero valore aggiunto della ricetta, ossia il Formaggio Exquisa Fresco Cremoso senza Lattosio, l’ingrediente base del frosting. Anche perché non si tratta di un semplice formaggio cremoso, bensì di quello di Exquisa. E’ un formaggio cremoso di qualità eccellente, realizzato con la migliore materia prima. Si fa apprezzare per la texture omogenea, che ne migliora la versatilità, e per il ridotto contenuto di grassi.

Red Velvet al mais bianco

Exquisa mette a disposizione tanti prodotti simili che sono privi di lattosio. Tra l’altro, la rimozione del lattosio è frutto di un processo naturale e non chimico. Molto banalmente si sottopone il latte all’enzima lattasi, il quale scinde il lattosio in glucosio e galattosio, sostanze digeribili anche da chi soffre di intolleranza. Questo procedimento non inficia minimamente il sapore, sicché i prodotti Exquisa lactose-free sono buoni come i prodotti che contengono questa sostanza.

Cos’è l’ibisco e quale è il suo ruolo nella nostra ricetta

Tra gli ingredienti più “strani” di questa innovativa Red Velvet al mais bianco spicca la polvere di ibisco. Come molti di voi sapranno, l’ibisco è un fiore, e ciò dovrebbe rappresentare un primo motivo di stupore, visto che stiamo comunque parlando di una preparazione dolciaria. Se poi si aggiunge il fatto che l’ibisco è utilizzato quasi esclusivamente nella cosmetica, la sua presenza potrebbe suonare ancora più strana. In realtà l’ibisco, se opportunamente trattato, può fungere anche da ingrediente per i dolci, e può esercitare quindi una funzionalità diversa. E’ proprio questo il ruolo che gioca nella Red Velvet che vi presento oggi.

La lista degli ingredienti comprende, infatti, la polvere di ibisco, ovvero petali di ibisco essiccati e opportunamente macinati. Nello specifico vengono inseriti in una fase precoce del procedimento, in occasione della preparazione della montata di albume e di zucchero, dunque molto prima di inserire la farina. Benché le dosi richieste siano minime, l’ibisco impatta molto sul sapore della torta (ovviamente in modo positivo).

Ecco la ricetta della Red Velvet al mais bianco e polvere di ibisco:

Ingredienti:

  • 300 gr. di burro chiarificato,
  • 300 gr. di zucchero,
  • 200 gr. di uova,
  • 100 gr. di yogurt bianco,
  • 200 gr. di farina di mais bianco,
  • 100 gr. di amido di mais,
  • 5 gr. di lievito,
  • 10 gr. di guar,
  • 40 gr. di polvere di ibisco.

Per il frosting:

  • 200 gr. di Formaggio Exquisa Fresco Cremoso senza Lattosio,
  • 100 gr. di panna consentita.

Per la decorazione:

  • frutti rossi a piacere.

Preparazione:

Per la preparazione della Red Velvet al mais bianco procuratevi una planetaria e montate assieme il burro (già ammorbidito), lo zucchero e la povere di ibisco (lasciatene un po’ da parte per la decorazione).

Fate andare la planetaria fino a quando non avrete ottenuto un composto dalla texture spumosa.

A questo punto unite le uova e lo yogurt bianco.

Poi setacciate la farina e l’amido di mais insieme al lievito e al guar.

Servendovi di un leccapentole inserite le farine nel composto, poi versatelo in uno stampo già imburrato e cosparso di farina.

A questo punto cuocete per circa 30 minuti a 180 gradi.

Quando è pronta, tagliate la torta in due per lungo e farcitela con il frosting. Per realizzare quest’ultimo semplicemente montate la panna e il formaggio fino a ricavare una crema dalla consistenza solida.

Infine decorate con panna, polvere di ibisco e frutti rossi a piacere.

5/5 (490 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


10-02-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti