Pasta di zucchero da fare invidia al pasticciere

Pasta di zucchero
Commenti: 0 - Stampa

Pasta di zucchero fatta in casa, il cake design a portata di tutti

La pasta di zucchero è una delle preparazioni intermedie più importanti di tutta la pasticceria. E’ un ingrediente trasversale a tutte le tradizioni dolciarie, a tal punto che la ritroviamo nei dolci tipici di molti continenti. Insomma, la pasta di zucchero è internazionale. Ciò non significa che non abbia una origine ben specifica, è stata infatti inventata in Francia a cavallo tra XVII e il XVIII secolo, da uno chef di alto livello. Lo scopo, ieri come allora, era duplice: da un lato aumentare il grado di dolcezza della preparazione, dall’altro consentire di approcciarsi “esteticamente” al dolce stesso, e persino in maniera creativa.

La pasta di zucchero è infatti un elemento fondamentale del cake design, in quanto permette di realizzare effetti e disegni sulla superficie della torta, trasformandola potenzialmente in una piccola opera d’arte. Come tutti sanno, la pasta di zucchero è “modellabile”. E’ difficile fare la pasta di zucchero in casa? In realtà no, anche perché gli ingredienti sono in genere reperibili, e anzi spesso sono anche alimenti di prima necessità, come lo zucchero e il miele. Questa ricetta, però, è un po’ più complessa della forma base. Ho infatti previsto l’uso non solo dello zucchero e del miele, ma anche del glucosio (facoltativo) e dell’agar-agar.

E’ meglio utilizzare il glucosio o il miele?

In genere, la pasta di zucchero prevede l’impiego di glucosio. Il motivo risiede nella necessità di addolcire ulteriormente la preparazione, senza per questo conferire una maggiore carica di sapore. La pasta di zucchero tradizione è generalmente realizzata con il glucosio. In questa ricetta, però, prevedo, in sua sostituzione anche l’impiego del miele. Questo prodotto, infatti, ricopre la stessa funzione, ovvero quella di addolcire.

Pasta di zucchero

Allo stesso tempo, però, è molto più nutriente e conferisce un sapore diverso. Ebbene, lo scopo è proprio di aggiungere un po’ del gusto del miele a questa pasta di zucchero. E’ una scelta, o una preferenza, che siete liberi di fare vostra o meno. Reputo, però, che il sentore di miele sia adatto a qualsiasi tipo di preparazione e lo considero un valore aggiunto.

L’agar-agar, una gradevole aggiunta dal tocco esotico

In genere, per realizzare la pasta di zucchero si utilizza la gelatina, spesso di origine animale. Essa è assolutamente necessaria per dare al prodotto finale la giusta consistenza, dunque una malleabilità spiccata, tale da rendere onore allo scopo ultimo della pasta da zucchero: creare effetti decorativi sulla superficie dei dolci, e in particolare delle torte. In linea di principio, però, può essere utilizzato un qualsiasi prodotto gelificante. Ebbene, l’agar-agar è uno di questi. Si tratta di un’aggiunta, anzi di una sostituzione, che procede dalla volontà di conferire un tocco esotico alla preparazione.

L’agar-agar si ottiene dalle alghe rosse malesi. E’ anche un alimento salutare, dal momento che è ricchissima di sali minerali. Il sapore è tenue, in modo da non compromettere né tantomeno coprire quello dello zucchero. Inoltre, è ricco di galattosio, che è uno degli zuccheri che compone il lattosio. Ci tengo a precisare, però, che questa variante di pasta di zucchero può essere consumata anche dagli intolleranti al lattosio. Il disturbo, infatti, è scatenato non tanto dalle componenti del lattosio, quanto dall’incapacità di scinderlo, ovvero di ricavarne il galattosio e il glucosio.

Ecco la ricetta della pasta di zucchero fatta in casa:

Ingredienti:

  • 500 gr. di zucchero a velo Eridania;
  • 50 ml. di miele d’acacia o sciroppo di glucosio puro;
  • 30 ml. di acqua naturale;
  • 10 gr. di agar agar in polvere;
  • coloranti alimentari naturali;
  • q.b. zucchero a velo.

Preparazione

Versate il miele e l’agar-agar in un pentolino, accendete la fiamma bassa e fate scaldare fino a quando il composto non si sarà completamente sciolto. Trasferite questo composto in un robot da cucina e aggiungete anche lo zucchero a velo. Azionate per pochi secondi, fino a quando questo nuovo composto non sarà diventato simile a una palla. Posizionate il composto sul piano di lavoro e cominciate a lavorarlo, aggiungendo al bisogno un po’ di zucchero a velo.

Potete considerare l’impasto pronto quando non si attaccherà più alle mani. In questa fase potete aggiungere i coloranti che più preferite. Badate bene, possono essere utilizzati solo quelli alimentari, e che siano in gel o in polvere. I coloranti liquidi, infatti, tendono ad ammorbidire eccessivamente l’impasto. Per applicare meglio il colorante vi consiglio di bucherellare la superficie con uno stuzzicadenti imbevuto. Una volta raggiunta la consistenza desiderata e una uniformità nell’applicazione del colore, la pasta da zucchero è pronta.

Se non la utilizzate subito, potete conservarla in un sacchetto da congelatore, o avvolgerla nella pellicola trasparente. La pasta di zucchero non va in frigorifero, ma in un ambiente asciutto e fresco. Le dosi che vi ho dato sono sufficienti per coprire una torta dal diametro di 20 centimetri. Se al momento dell’utilizzo la pasta sembra troppo dura, scaldatela per pochi secondi vicino una fonte di calore, o al microonde. Preciso, infine, che l’acqua va usata se optate per l’utilizzo del glucosio al posto del miele.

5/5 (785 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

crackers ai semi

Crackers ai semi misti, uno snack salutare

Crackers ai semi, uno spuntino ricco di antiossidanti I crackers ai semi misti sono una variante dei classici crackers. Rispetto a quelli industriali, però, si distinguono per un impasto più...

pesto

Il pesto, come conservarlo al meglio

Le peculiarità del pesto classico Come si conserva il pesto? La risposta è meno scontata di quanto si possa immaginare. Anche perché, al netto della semplicità della ricetta, presenta dei tratti...

Idli

Idli, dall’India un pane diverso dal solito

Le particolarità del pane indiano idli Gli idli sono una specie di tortini di pane originari dell’India. Sono realizzati con il riso e una particolare varietà di lenticchie. L’impasto è molto...

Pasta fillo senza glutine

Pasta fillo senza glutine, una variante davvero ottima

Pasta fillo senza glutine, un variante con i fiocchi Oggi vi presento la pasta fillo senza glutine, una ricetta base completamente gluten-free. La pasta fillo è un impasto di origine greco-turca,...

Glassa a specchio

Glassa a specchio senza glutine e lattosio

Cos'è la glassa a specchio? La glassa a specchio è una copertura per dolci molto particolare, dal grande impatto visivo e squisita. Il suo nome dice tutto, ossia è talmente lucida che ci si può...

Brodo di gallina

Brodo di gallina, una ricetta versatile e leggera

Brodo di gallina, una preparazione molto utile Il brodo di gallina è leggero, salutare e nutriente. E’ una preparazione della cucina più tradizionale e vanta molti utilizzi, per esempio può...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-09-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti