bg header
logo_print

Ricette giapponesi: Hayashi, un piatto orientale di carne con riso

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Hayashi
Ricette per intolleranti, Cucina giapponese
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 00 ore 25 min
cottura
Cottura: 00 ore 35 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
4.2/5 (16 Recensioni)

Il Hayashi Rice, un piatto che incarna l’essenza della fusione culturale tra la cucina occidentale e quella orientale, è una pietra miliare della gastronomia giapponese moderna.

Seducendo con la sua salsa vellutata e profonda e la carne stufata al punto giusto, questo piatto yōshoku (stile occidentale) offre un viaggio sensoriale attraverso la storia e l’innovazione culinaria giapponese.

Partendo da una base di riso caldo e confortante, ogni boccone del Hayashi Rice è un’esplorazione di sapori armonici e contrastanti che promettono di deliziare il palato di buongustai e novizi della cucina nipponica.

Nell’articolo che segue, scopriamo le origini di questo piatto amato, come si è evoluto nel tempo e come ognuno può ricrearne la magia nella propria cucina.

Ricetta hayashi

Preparazione hayashi

Per la preparazione dell’Hayashi iniziate sciacquando il riso sotto l’acqua corrente. Poi scolatelo e sgranatelo accuratamente per eliminare le impurità, dopodiché copritelo con l’acqua. Il rapporto deve essere di 2 a 1, ovvero 200 millilitri di acqua per 100 grammi di riso, dunque, in questo caso, dovrete versarne un litro.

Accendete a fiamma alta e portate ad ebollizione con il coperchio appoggiato (la pentola non deve essere completamente chiusa). Appena l’acqua bolle, aggiungete il sale e un goccio di olio di sesamo. Dopo 5 minuti, togliete il coperchio e proseguite la cottura per altri cinque minuti con la pentola scoperta. Trascorso questo lasso di tempo, se il riso ha realmente assorbito tutta l’acqua, rimettete il coperchio e spegnete la fiamma lasciandolo per circa 10 minuti. Poi sgranate il riso con la forchetta e lasciate che si raffreddi.

Ora immergete i funghi secchi nell’acqua calda e aspettate che si ammorbidiscano (per i porcini è necessaria una mezz’oretta). Sbucciate le carote e fatele a tocchetti, invece realizzate un trito con le cipolle. Soffriggete leggermente le verdure con un po’ di olio, poi unite lo spezzatino di manzo e fatelo rosolare. Ora integrate la salsa di soia, un po’ di zenzero grattugiato, i funghi e la salsa di pomodoro. Cuocete il tutto aggiungendo un po’ di acqua, se vedete che il contenuto della padella è troppo asciutto. Infine, impiattate sistemando il riso in una parte del piatto (circa la metà) e lo spezzatino nella parte rimanente.

Ingredienti hayashi

  • 500 gr. di riso Basmati
  • 400 gr. di spezzatino di manzo
  • 100 gr. di funghi secchi Shiitake
  • 150 ml. di salsa di pomodoro
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • un pezzettino di zenzero fresco
  • 2 cucchiai di olio di sesamo
  • 3 cucchiai di salsa di soia.

Le origini e l’evoluzione dell’Hayashi

Il Hayashi Rice, conosciuto anche come Hashed Beef, ha origini nell’era Meiji (1868-1912), quando il Giappone aprì le sue porte all’Occidente. Gli chef giapponesi iniziarono a sperimentare ingredienti e tecniche straniere, adattandole ai gusti locali. La salsa demi-glace, portata in Giappone dai cuochi francesi, divenne la base per questo piatto, con l’aggiunta di salsa di soia e altri ingredienti locali per una fusione perfetta.

Oggi, il Hayashi Rice viene spesso personalizzato con l’aggiunta di funghi, piselli e altre verdure. Alcuni chef giocano con spezie diverse o aggiungono ingredienti come il cioccolato amaro per una complessità aggiuntiva. Il riso stesso può variare, con alcuni che preferiscono basmati o integrale per una nota diversa.

Il Hayashi Rice rappresenta la convergenza tra la tradizione giapponese e gli influssi occidentali, un piatto che è riuscito a mantenere la propria identità pur adattandosi al cambiamento dei palati. La sua capacità di confortare l’animo e soddisfare il gusto lo rende un classico senza tempo, un punto fermo nei menu dei ristoranti yōshoku e nelle case in tutto il Giappone. Provarlo significa non solo gustare un piatto ricco di storia, ma anche immergersi in una cultura che non smette mai di sorprendere.

Hayashi, un piatto completo ma leggero

La cucina giapponese regala spesso sorprese anche quando propone piatti all’apparenza semplici come l’Hayashi, tecnicamente un secondo piatto di carne accompagnato dal riso (che nelle culture orientali fa le veci del nostro pane). Nella sostanza si tratta di un piatto unico che, fenomeno più unico che raro quando si parla di carne, unisce nutrimento e leggerezza. D’altronde, la leggerezza è un po’ la cifra della cucina giapponese, che non a caso viene considerata una delle più salutari al mondo. Un altro elemento caratterizzante è la presenza, frequente e in contemporanea, della carne e delle verdure.

L’Hayashi, d’altronde, contiene la cipolla e la carote, che vengono gestite secondo un approccio che va oltre la preparazione del soffritto. Altri ingredienti caratterizzanti sono i funghi e la salsa di soia. Per quanto riguarda il riso, il consiglio è di utilizzare il Basmati, che è migliore quando la cottura è “a secco”, ovvero non prevede l’impiego di altri ingredienti. Il Basmati, inoltre, è una delle varietà più cariche di sapore e profumate. Per inciso, il riso va preparato “alla giapponese”, ossia non va tostato, bensì lavato accuratamente, asciugato e bollito nell’acqua, prima a pentola scoperta e poi con il coperchio.

Quali funghi utilizzare per l’Hayashi?

Molti piatti di carne prevedono l’impiego dei funghi, e l’Hayashi non fa differenza. La domanda da porsi però è: quali funghi utilizzare? Il consiglio è di adottare un approccio “giapponese” e optare per i funghi tipici della cucina nipponica, ossia gli shiitake. Essi si caratterizzano per la regolarità delle forme, colori brillanti e per una morbidezza spiccata accompagnata da un sapore delicato e aromatico. Allo stesso tempo, però, sono davvero nutrienti, infatti sono ricchi di ferro, magnesio, potassio, calcio, fosforo e zinco. Contengono anche tante vitamine, e in particolare la vitamina D e quelle del gruppo B.

Hayashi

Sono consapevole, però, di quanto sia difficile reperire degli shiitake freschi in Italia, dunque vi presento una comoda alternativa, il fungo porcino. E’ uno dei funghi preferiti dagli italiani, spicca per la sua versatilità, sebbene dia il meglio di sé nella preparazione di primi e secondi. A dire il vero, il suo sapore è più corposo e rustico rispetto a quello degli shiitake, tuttavia si rivela un valido sostituto. Ovviamente il piatto perderà una po’ del suo spirito nipponico.

Il fondamentale ruolo dello zenzero

Lo zenzero fa la sua comparsa a fine preparazione dell’Hayashi, quando la cottura dello spezzatino è già a buon punto. Tuttavia, genera un impatto significativo sul risultato finale. Lo zenzero è realmente in grado di incidere dal punto di vista organolettico. Il merito va al suo intenso sapore, basta una manciata per caratterizzare fortemente un piatto, a prescindere dai sentori in gioco, che in questo caso sono delicati fino ad un certo punto.

Lo zenzero è una spezia nel vero senso della parola, sicché le sue proprietà nutrizionali sono così nobili da sfociare nel terapeutico. Oltre ad esercitare una funzione digestiva e carminativa, lo zenzero si impone come antinfiammatorio naturale. Alcuni lo associano addirittura ai FANS in virtù di questa caratteristica. Di certo, agisce anche sull’apparato cardiocircolatorio in una prospettiva di anti-ipotensione. Dunque, lo zenzero può essere considerato un efficace stimolante.

L’idea originale di questa ricetta l’ho trovata su Japan Centre

Ricette giapponesi ne abbiamo? Certo che si!

4.2/5 (16 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Barfi di anacardi

Barfi di anacardi, una variante del celebre dolce...

Barfi di anacardi, una delizia da gustare I barfi di anacardi sono più buoni dei barfi classici, in quanto sono più ricchi di sapore. Gli anacardi sono infatti tra la frutta a guscio più...

Rose Soan Papdi

Ricetta Rose Soan Papdi: un dolce indiano colorato...

Rose Soan Papdi: una ricetta per chi soffre di intolleranze alimentari Tra i tanti pregi della ricetta del Rose Soan Papdi spicca la piena compatibilità con chi soffre di celiachia e con gli...

Chebakia

Chebakia, dal Marocco un delizioso dolce alle mandorle

Quale miele utilizzare? Una volta modellati, i chebakia vanno fritti in olio di semi, ma la ricetta non si conclude con la cottura. Arrivati a questo punto, infatti, si prepara un composto di miele...