bg header
logo_print

Il sarma, una specialità turca con le foglie di vite

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

sarma
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana, ricette dal Mondo
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
4.7/5 (30 Recensioni)

Il sarma, un piatto tipico turco che stupisce

Se siete alla ricerca di nuove esperienze culinarie che vi portino lontano dalla tradizione italiana, il sarma turco potrebbe essere la risposta che state cercando. Questo piatto, apparentemente distante dalla cucina italiana, è uno dei tesori culinari della Turchia ed è realizzato con ingredienti sorprendenti come le foglie di vite. Se vi state chiedendo cosa siano, siete nel posto giusto per scoprirlo.

Il sarma è un piatto tipico turco che si distingue per la sua combinazione di sapori e la sua preparazione unica. Sebbene le foglie di vite possano sembrare un ingrediente insolito, il risultato finale è sorprendentemente interessante e delizioso.

Il sarma può essere servito come antipasto freddo, ma attenzione: è un piatto abbastanza ricco grazie alla presenza di riso. Tuttavia, non è eccessivamente pesante o calorico. La cucina turca è nota per la sua abilità nel bilanciare sapori e ingredienti, e il sarma ne è un perfetto esempio. La quantità di grassi utilizzata in questo piatto tipico turco è limitata, così come quella di condimenti, il che lo rende una scelta piacevole per coloro che vogliono gustare qualcosa di diverso ma leggero.

 

Ricetta sarma turco:

Preparazione sarma

Per preparare il sarma partite dalle verdure. Pelate la cipolla e riducetela a fette sottili. Poi lavate le erbe e realizzate un trito con la menta. Ora versate l’olio d’oliva in una pentola antiaderente e soffriggete la cipolla a fuoco basso. Unite il riso e tostatelo per pochi minuti, poi integrate l’acqua, la menta, l’aneto, un pizzico di sale e di pepe. Applicate il coperchio e fate cuocere per 10 minuti, senza alzare troppo la fiamma. Lavate con cura le foglie di vite e fatele asciugare, poi bollitele in acqua per 5 minuti. Infine, scolate le foglie, prestando attenzione a non spezzarle, e asciugatele con delicatezza con uno straccio pulito. Adagiate le foglie su un tagliere e su ciascuna sistemate un po’ di riso cotto nella parte centrale.

Piegate sul riso i lembi esterni di ciascuna foglia, poi arrotolatele in modo da assicurare il ripieno, formando una specie di involtino. Adagiate gli involtini di foglie di vite e riso in una pentola molto larga, senza sovrapporli. Irrorate il tutto con abbondante succo di limone e versate tanta acqua fredda in modo da coprire gli involtini. Lasciate cuocere il tutto con un coperchio, fino a quando l’acqua non si sarà assorbita. Prima di consumare questi involtini di foglie di vite alla turca, fateli raffreddare. I sarma vengono accompagmati solitamente con del buon yogurt greco e si mangiano freddi.

Ingredienti sarma

  • 30 foglie di vite commestibili
  • 250 gr. di riso lungo
  • succo di un limone
  • qualche foglia di menta e un ciuffo di aneto
  • 1 cipolla
  • 1 bicchiere di acqua
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 pizzico di sale e di pepe.

Il cuore del sarma sono le foglie di vite. Queste foglie sottili e leggere vengono utilizzate per avvolgere un ripieno ricco di sapore. Il ripieno può variare a seconda delle preferenze personali, ma spesso include carne macinata, riso, cipolle e una combinazione di spezie e aromi. Questo mix crea una sinfonia di sapori che si mescolano perfettamente quando il piatto viene cucinato.

Una delle caratteristiche più sorprendenti del sarma è la sua versatilità. Può essere consumato da solo o accompagnato da un generoso cucchiaio di yogurt greco. La freschezza e l’acidità dello yogurt si sposano perfettamente con la ricchezza del piatto, creando una combinazione di sapori che vi farà venire l’acquolina in bocca.

Quindi, se state cercando un’avventura culinaria che vi porti in un viaggio gastronomico attraverso la Turchia, il sarma è una scelta eccellente. Non lasciatevi intimidire dalle foglie di vite; scoprirete che sono l’involucro perfetto per un’esperienza di gusto indimenticabile. Preparatevi a scoprire la cucina turca e a deliziare il vostro palato con questa prelibatezza culinaria. Buon appetito!

In genere, non è considerato un ingrediente dalla cucina italiana, sebbene la coltura della pianta sia radicata nel dna del nostro comparto produttivo. Eppure le foglie di vite commestibili possono regalare molte soddisfazioni anche ai fornelli. I dolma turchi sono buonissimi. Si può provare a mangiare turco in alcuni rinomati ristoranti in Italia.

Alla scoperta delle foglie di vite: Storia, utilizzo e tradizioni culinarie

Le foglie di vite, spesso sottovalutate, sono un tesoro culinario che merita un’attenzione speciale. Queste foglie sottili e verdi, estratte dalla vite, sono ampiamente utilizzate in cucine di tutto il mondo per creare piatti deliziosi e appaganti. In questo articolo, esploreremo la storia, l’utilizzo e le tradizioni culinarie legate alle foglie di vite.

Le foglie di vite hanno una lunga storia di utilizzo in cucina che risale a migliaia di anni fa. Le prime tracce della loro utilizzazione si trovano nelle antiche culture del Mediterraneo e del Medio Oriente, dove le foglie di vite venivano coltivate e utilizzate come parte essenziale della dieta.

Le foglie di vite sono ampiamente utilizzate in diverse cucine di tutto il mondo:

  • Cucina Mediterranea: In Grecia, le foglie di vite sono l’ingrediente principale dei dolmades, involtini ripieni di riso e carne aromatizzati con erbe aromatiche. In Turchia, il piatto simile è chiamato “sarma” e può contenere una varietà di ripieni, tra cui carne macinata o noci.
  • Cucina Araba: Le foglie di vite sono utilizzate per preparare il “waraq enab,” che sono involtini ripieni simili ai dolmades greci. Sono spesso serviti con una salsa di pomodoro e limone.
  • Cucina Armena: In Armenia, le foglie di vite vengono utilizzate per preparare il “dolma,” un piatto di carne o riso avvolto nelle foglie di vite e cotto lentamente con brodo.
  • Cucina Iraniana: In Iran, le foglie di vite sono utilizzate per preparare il “dolmeh,” che spesso contiene carne di agnello, riso, e una miscela di erbe e spezie.

La preparazione delle foglie di vite

Prima di essere utilizzate, le foglie di vite richiedono una preparazione speciale. Spesso vengono immerse in acqua bollente per renderle più flessibili e rimuovere eventuali amarezze. In alcune cucine, vengono anche conservate sott’aceto o sott’olio per scopi di conservazione.

Le foglie di vite hanno un sapore delicato e leggermente erbaceo che si sposa perfettamente con una varietà di ripieni e condimenti. Assorbono i sapori degli ingredienti circostanti durante la cottura, aggiungendo una nota fresca e leggermente acida ai piatti.

Le foglie di vite non sono solo un ingrediente, ma anche un veicolo per esplorare la ricca cultura e le tradizioni culinarie di diverse regioni del mondo. Il loro utilizzo nelle cucine mediterranee e mediorientali è un esempio di come il cibo possa connettere le persone attraverso le generazioni.

In conclusione, le foglie di vite sono un elemento affascinante della cucina mondiale. Oltre a offrire un’esperienza gustativa unica, sono un tributo alle antiche tradizioni culinarie e alla diversità culturale. La prossima volta che vi trovate a tavola di fronte a un piatto di dolmades o sarma, saprete che state assaporando una parte della storia culinaria che attraversa il tempo e le frontiere

Quale riso usare per il sarma?

In fin dei conti i sarma non sono altro che involtini di riso raccolti nelle foglie di vite. Un’idea semplice, che riflette un approccio comune a molte tradizioni popolari: nutrire e allietare con pochi ingredienti. L’unico elemento di difficoltà, se così si può chiamare, risiede nella scelta del riso. La ricetta, infatti, suggerisce la necessità di utilizzare un generico riso “lungo”. Le varietà lunghe abbondano, quindi quale è opportuno scegliere? Tutto dipende dal risultato che intendete ottenere. Potreste optare per il riso basmati, e in questo modo otterreste un sarma dal sapore più aromatico e delicato, in cui emerge più chiaramente il sapore delle foglie. Potreste optare anche per il Thai, un riso speziato del sudest asiatico. In questo caso questo cibo tipico turco sarebbe molto saporito, e i sentori delle foglie risulterebbero meno preponderanti.

sarma

Per un sarma davvero particolare, e dal sapore forte, optate per il riso Red. E’ un riso lungo piuttosto raro, originario del Borneo, ma in grado di regalare molte soddisfazioni. A prescindere dalla varietà, vale la pena sottolineare le proprietà nutrizionali del riso, che è considerato un alimento base per molte diete. Il riso è ricco di carboidrati, vitamine e sali minerali, inoltre è equilibrato dal punto di vista calorico ed è quasi del tutto privo di grassi.

Gli aromi utilizzati nei sarma turchi

Il sarma turco è una ricetta semplice, popolare e tradizionale, dunque non stupisce il numero relativamente esiguo di ingredienti. Questa tendenza all’equilibrio si ha anche sul fronte degli aromi, che sono pochi ma validi. Il riferimento è soprattutto alla menta e all’aneto, che vengono utilizzati per cuocere il riso; per il resto si procede con la semplice cottura in bianco su un leggero soffritto di cipolle. Sul sapore della menta c’è poco da dire, nel senso che tutti la conoscono. Ad ogni modo dona freschezza e leggerezza alla preparazione. Il sapore dell’aneto, invece, è più complesso, in quanto si posiziona a metà strada tra l’anice stellato e il timo.

Sia l’aneto che la menta esercitano anche un impatto nutrizionale sulla ricetta. Sono ricchi di vitamine e sali minerali, come si addice alle specie aromatiche. Tuttavia, sono ricchi anche di sostanze che riducono l’incidenza del cancro e giovano alla circolazione sanguigna. Nondimeno, favoriscono la digestione e agiscono in funzione depurativa. Per il resto, troviamo il succo di limone che interviene in una fase un po’ più avanzata della ricetta, ovvero quando si cuociono gli involtini. Il limone va irrorato sugli involtini prima di ricoprirli di acqua e procedere con la normale lessatura. Il succo di limone non si limita a insaporire, ma funge anche da ingrediente che dona equilibrio alla ricetta.

Se proprio non trovate le foglie di vite potete preparare gli involtini con il cavolo cappuccio. Non sarà proprio la stessa cosa ma si avvicina molto. Sono buonissimi anche il giorno dopo. Tra le ricette di cucina turca e armena che trovate sul sito vi consiglio Il ghapama, la zucca ripiena della tradizione armena

Ricette tipiche turche ne abbiamo? Certo che si!

4.7/5 (30 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

tacos con baccala

Tacos farciti con baccalà, una ricetta tra Messico...

Qualche curiosità sui tacos farciti I tacos farciti sono un alimento base per la cucina messicana. Traggono origine nell’America precolombiana quando gli impasti venivano realizzati...

Spezzatino di alce

Spezzatino di alce, un gustoso secondo di selvaggina

Cosa sapere sulla carne di alce Al netto degli ingredienti a supporto, che pure non mancano, la vera protagonista di questo spezzatino è la carne di alce. Si tratta di una carne particolare per...

Jalapenos Ripieni

Jalapenos ripieni, un delizioso piatto messicano

Il jalapeno, un peperoncino da scoprire La ricetta dei jalapeno ripieni ci danno modo di parlare di questo tipo di peperoncini di media grandezza e di colore rosso o verde, inoltre sono abbastanza...