Insalata di riso con hummus di ceci e avocado Noa

Insalata di riso con hummus di ceci e avocado
Commenti: 0 - Stampa

Insalata di riso con hummus di ceci e avocado Noa, perfetta!

L’insalata di riso con hummus di ceci e avocado Noa è una insalata di riso diversa dalle altre. Lo è per svariati motivi. In primis, per la scelta degli ingredienti, che va oltre i classici mais, prosciutto, olive e sottoli, anzi è basata su una ricerca di sapori particolari e raffinati in grado di stuzzicare il palato. Un altro elemento di differenziazione è il seguente: nelle insalate di riso classiche si tende ad abbondare con la varietà, con il risultato che i sapori si coprono a vicenda e nessuno ne esce veramente valorizzato. Per realizzare questa ricetta, invece, bastano a malapena tre ingredienti, oltre al riso, ma il risultato è davvero eccezionale.

L’insalata di riso con hummus di ceci e avocado Noa è “diversa” anche e soprattutto per la presenza dell’hummus, che è un prodotto davvero particolare, ma del quale parlerò nel prossimo paragrafo. In questo, ci tengo a precisare, che questa ricetta per quanto sui generis non stravolge il concetto dell’insalata di riso, né tantomeno sfida l’immaginario collettivo di questa pietanza. Anche perché uno dei principi di una buona insalata di riso è la scelta degli ingredienti, nonché il margine di libertà concesso a chi la prepara. Ebbene, posso affermare che questo margine di libertà è stato sfruttato in pieno.

Un ottima crema: hummus di ceci e avocado Noa

Il vero segreto di questa insalata di riso, nonché condimento principale, è l’hummus di ceci e avocado Noa. Si tratta di un hummus squisito, dalla texture vellutata, che potrebbe essere considerata anche come una crema spalmabile (anzi è stata pensata con questo intento). Il prodotto fa parte della gamma Noa ma è realizzato da Exquisa, un’azienda italianissima specializzata in preparazioni cremose, ma soprattutto salutari, genuine e gustose. La scelta delle materie prime è certosina, i processi di produzione rispettano quanto più possibile la tradizione. Allo stesso tempo l’azienda cerca di offrire soluzioni originali al consumatore, l’hummus di ceci e avocado Noa ne è la dimostrazione.

Insalata di riso con hummus di ceci e avocado

Alcuni potrebbero storcere il naso per l’unione di ceci e avocado. In realtà, per quanto siano effettivamente due alimenti molto diversi, si sposano meravigliosamente a vicenda e si valorizzano l’un l’altro. L’hummus di ceci e avocado è l’unione di due forze, di due alimenti preziosi, nutrienti e salutari. Nonostante la presenza dell’avocado, che è notoriamente un frutto grasso, l’apporto calorico del prodotto nel suo complesso non è affatto elevato. In definitiva, è un vero valore aggiunto per questa ricetta, in quanto conferisce gusto e salubrità all’intera preparazione, nonché un tocco di originalità.

I pregi e le capacità nutritive dell’anacardo

Gli anacardi, utilizzati nella nostra insalata di riso con hummus, non figurano certamente tra gli alimenti più consumati in Italia (d’altronde sono originali del Brasile). Assomigliano, almeno considerando la forma e – parzialmente – anche il gusto, alla nostra frutta secca. Possono essere impiegati sia per le preparazioni dolciarie che per quelle salate, ma onestamente li preferisco in queste ultime. Giocano un ruolo importante nella ricetta dell’insalata di riso con hummus di ceci e avocado, in quanto vengono aggiunti proprio prima di servire, per dare un ultimo tocco di sapore e originalità. Mi raccomando, anche se sembrano commestibili già crudi, è bene tostarli e tritarli (anche grossolanamente).

Degli anacardi non stupisce solo il gusto, ma anche le capacità nutritive. Sia chiaro, si tratta di un elemento grasso, e infatti contiene ben 600 kcal per 100 grammi, ma si tratta di grassi principalmente buoni, che fanno del gran bene all’organismo. Il riferimento è alle elevate concentrazioni di acidi grassi omega tre, sostanze benefiche che contribuiscono, tra le altre cose, a prevenire le patologie cardiache e a rallentare l’invecchiamento. Gli anacardi contengono molte proteine (quasi come la carne) e molti oligoelementi come il potassio e il ferro. Sono anche una fonte di acido oleico, che è un vero toccasana per cuore e vasi sanguigni.

Ecco la ricetta dell’insalata di riso con hummus di ceci e avocado Noa:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di riso;
  • una confezione di hummus di avocado e ceci Noa;
  • 250 gr. di spinacini novelli;
  • 60 gr. di anacardi;
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per la preparazione dell’insalata di riso con hummus di ceci e avocado Noa iniziante cuocendo il riso in una casseruola piena d’acqua, poi scolatelo. Non gettate tutta l’acqua di cottura, ma conservatene circa un quarto di bicchiere. Una raccomandazione per il riso: appena cotto, passatelo sotto l’acqua fredda per interrompere immediatamente la cottura. Versate gli spinacini in una padella su cui avrete già riscaldate un filo d’olio, aggiustate con un po’ di sale e cuoceteli a fiamma media per 2-3 minuti (dovranno semplicemente appassire).

In una grande ciotola versate il riso, un po’ di acqua di cottura e l’hummus, poi mescolate. Aggiungete infine anche gli spinacini, mescolate di nuovo e fate intiepidire. Servite completando ciascun piatto con un cucchiaio di anacardi tostati e tritati. Buon appetito!

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Cetrioli allo Skyr

Cetrioli allo Skyr, un’insalatona gustosa

Cetrioli allo Skyr, colore e gusto per un’insalata corposa I cetrioli allo Skyr sono un'insalata molto corposa, che si caratterizza per un sapore composito e per la presenza di molti alimenti...

Insalata di fiori ed erbe con Skyr

Insalata di fiori ed erbe con Skyr, un...

Insalata di fiori, un’idea davvero particolare L’insalata di fiori ed erbe con Skyr è un’idea particolare e solo a primo acchito bizzarra, per un contorno fuori dal comune che premia gusto e...

Insalata di spinaci

Insalata di spinaci, un contorno completo

Insalata di spinaci, una particolare selezione di ingredienti Oggi vi presento una particolare variante dell’insalata agli spinaci, una ricetta che si completa con un'emulsione squisita e...

Bowl con avocado e fiocchi di latte

Poke Bowl con avocado e fiocchi di latte,...

Poke Bowl con avocado e fiocchi di latte, una lista creativa di ingredienti La poke bowl con avocado, edamame e fiocchi di latte è un'insalata molto corposa, che spicca per l’abbondanza di colori...

Insalata estiva con uova sode

Insalata estiva con uova sode, un contorno iper-proteico

Insalata estiva con uova sode, un contorno tra il dolce e il salato L’insalata estiva con uova sode è un contorno che spicca in primis per l’impatto visivo. La lista degli ingredienti,...

Insalata di mele e sedano

Insalata di mele e sedano, una meraviglia agrodolce

Insalata di mele e sedano, l’abbinamento che non ti aspetti L’insalata di mele e sedano si inserisce sul solco delle insalate “agrodolci”, che si caratterizzano per degli abbinamenti...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-03-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti