Crostini con uova di quaglia e hummus, un break inedito

Crostini con uova di quaglia e hummus
Stampa

Crostini con uova di quaglia e hummus di ceci Noa, una merenda diversa dall’ordinario

Se state cercando uno spuntino sfizioso da proporre ai vostri ospiti in occasione della Pasqua, vi propongo questi deliziosi crostini con uova di quaglia e hummus ceci Noa di Exquisa. La ricetta è ideale per il vostro pranzo pasquale, non solo per la presenza dell’uovo di quaglia, che rappresenta un forte legame con la Pasqua, ma anche per la particolarità di questo snack, in grado di stupire i vostri ospiti. Lo consiglio anche come spuntino speciale, da preparare per pasquetta e gustarlo magari su un meraviglioso prato in fiore. Ma torniamo a noi, uno degli ingredienti più particolari di questa ricetta è l’hummus ceci Noa di Exquisa, una crema spalmabile che si fa apprezzare da ogni palato. Ne parlerò nel prossimo paragrafo, in questo vorrei invece soffermarmi sugli altri ingredienti. In primis, sulla presenza dell’uovo di quaglia. In alcune regioni d’Italia il consumo di questo alimento è più diffuso che in altre, ma non si può negare che sia una scelta particolare.

Quando c’è da preparare una frittata, da consumare da sola o come accompagnamento (come in questo caso), in genere si opta per le classiche uova di gallina. E invece queste uova di quaglia possono dare tanto in termini di gusto e di valori nutrizionali. Le uova di quaglia hanno un sapore più delicato rispetto alle uova di gallina. Inoltre, sono più piccole, leggere, con pochi grassi e hanno un minore contenuto di colesterolo. In questa specifica ricetta vanno fritte nel burro chiarificato e poste sulle fette di pane, già condite con l’hummus di ceci.

L’hummus di ceci e il suo apporto di sostanze nutritive

L’hummus di ceci, utilizzato nei nostri crostini con uova di quaglia, è una mousse di ceci arricchita da spezie, olio e altri condimenti. Nel caso dell’hummus ceci Noa, prodotto da Exquisa, il composto viene arricchito da olio extravergine di oliva di qualità e dal sesamo. In linea di massima si tratta di una scelta che punta alla semplicità e alla qualità degli ingredienti, ma basata su un’idea originale, ossia trasformare i ceci in un alimento da mousse che può sostituire le normali creme spalmabili. Un’idea che va apprezzata, in quanto responsabile di un prodotto di qualità, buono e dal grande potere nutrizionale. Il riferimento è in particolare alle proteine, che rappresentano l’8% del totale (d’altronde la mousse è composta da ceci cotti per il 60%).

Crostini con uova di quaglia e hummus

Ovviamente l’hummus di ceci Noa di Exquisa non contiene OGM, così come non contiene conservanti. E’ l’ideale per chi soffre di intolleranze, in quanto apporta tanti nutrienti ed è privo di glutine e lattosio. L’apporto calorico è medio, e si aggira sulle 200 kcal per 100 grammi. Può sembrare tanto, ma va detto che il prodotto è piuttosto concentrato e ne basta poco per insaporire le pietanze. Pensate che una confezione da 175 grammi basta per ben otto crostini. Ad ogni modo, almeno in occasione di questa ricetta, l’hummus di ceci Noa di Exquisa non ha bisogno di chissà quale trattamento. Molto banalmente va spalmato sulla fetta di pane, prima ancora di adagiare la frittata all’uovo di quaglia.

Perché abbiamo scelto il burro chiarificato per i nostri crostini?

Non sono in tanti in Italia ad usare il burro chiarificato, presente nei crostini con uova di quaglia. E’ invece diffuso nel nord Europa, dove fa le veci del nostro olio extravergina di oliva e dell’olio di semi. Infatti, il burro chiarificato serve essenzialmente per cuocere i cibi e funge da perfetto grasso aggiunto. Avete notato che il burro classico, in caso di rosolatura o frittura va sempre integrato con l’olio? Il motivo è semplice, non tiene le alte temperature e rischia di bruciarsi.

Discorso diverso per il burro chiarificato, che invece le alte temperature le sopporta benissimo. Infatti, il burro chiarificato non è altro che il burro privato della caseina, che oltre a dargli buona parte del sapore è anche la sostanza che rende la variante “bianca” inadatta alla frittura e alla rosolatura. Il burro chiarificato, però, ha una maggiore incidenza dei grassi. Poco male, in quanto questo tipo di burro non va consumato a crudo come il burro normale, e quindi non va spalmato sul pane. In questa ricetta, non a caso, serve esclusivamente per cuocere le uova.

Ecco la ricetta dei crostini con uova di quaglia e hummus di ceci Noa:

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 fette di pane consentito ai cereali,
  • 1 confezione di hummus ceci Noa di Exquisa,
  • 8 uova di quaglia,
  • 40 gr. di burro chiarificato,
  • q. b. di semi di coriandolo,
  • qualche foglia di maggiorana,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione dei crostini con uova di quaglia iniziate dividendo le fette di pane in due in modo da ottenere 8 crostini dallo spessore di 1 cm.

Poneteli nel forno e fateli dorare (basta una temperatura sui 220 gradi), in alternativa utilizzate il classico tostapane.

In una padella antiaderente versate il burro, accendete la fiamma bassa e fatelo sciogliere.

Aprite le uova di quaglia nella padella e cucinatele per circa 2 minuti, o almeno fino a quando l’albume non apparirà rappreso.

Aggiustate di sale, ma stando attenti a salare solo l’albume.

Distribuite l’hummus sui crostini e ponete su ciascuno un uovo di quaglia fritto.

Sminuzzate i grani del coriandolo con un batticarne e cospargeteli sulle uova. Decorate con delle foglioline di maggiorana e servite.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio Dalla nota ministeriale: E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette


logo_print

TI POTREBBE INTERESSARE

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti