Hummus di ceci profumato al tè Lapsang

Hummus di ceci profumato al te Lapsang
Commenti: 0 - Stampa

Hummus di ceci profumato al tè Lapsang Souchong: semplicità e gusto.

L’ hummus di ceci profumato al tè Lapsang Souchong rappresenta una splendida idea per l’antipasto. In primis, dal punto di vista visivo: questa piccola pietanza appare come una vera e propria sinfonia cromatica. Lo è anche sotto il profilo nutrizionale e del gusto. Il merito va alla scelta degli ingredienti e al modo in cui vengono trattati. Si tratta, tra l’altro, di una ricetta semplicissima e rapida, pronta in pochi minuti.

L’hummus di ceci profumato al tè Lapsang Souchong, nonostante possa essere classificato come antipasto, è una pietanza completa. La melanzana e il pomodoro offrono vitamine, minerali, antiossidanti, fibre. L’hummus di ceci offre carboidrati e proteine. Alla luce di tutto ciò, potrebbe essere persino considerato come un primo piatto veloce!

L’hummus di ceci Noa

Il segreto di questo interessante antipasto è l’Hummus di ceci di Noa Food. Si tratta di una cremina, di una specie di patè a base di ceci, con l’aggiunta di sesamo. E’ un ingrediente molto versatile, che può essere impiegato come condimento per la pasta o anche come salsina per bruschette e antipasti vari (come in questo caso).

Hummus di ceci profumato al te Lapsang

E’ un prodotto molto energetico. L’apporto calorico non è trascurabile, è vero, ma viene bilanciato dal contenuto di proteine, carboidrati e grassi “buoni”. E’ un prodotto 100% biologico, che ovviamente può essere consumato anche dai celiaci e da chi, in generale, soffre di problemi dell’assorbimento del glutine. Infatti, è del tutto privo di questa sostanza.

Due parole per conoscere l’ hummus di ceci

L’ hummus di ceci è una preparazione di origine araba dalle origini antichissime che oggi è molto in uso nella cucina del Medio Oriente, ma che approda sempre più spesso anche sulle nostre tavole.

E’ una preparazione molto saporita e ottima da gustare con il pane o con le verdure crude. L’ingrediente di base dell’hummus di ceci sono questi piccoli legumi che vengono lessati e schiacciati o frullati fino ad ottenere una crema omogenea, facile da spalmare.

I ceci che sono molto ricchi di fibre aiutano quindi a regolarizzare l’intestino e grazie al loro contenuto di acidi grassi omega 3 sono ottimi alleati del sistema cardiovascolare: aiutano a controllare la pressione arteriosa e ad aumentare i valori del colesterolo HDL, quello cosiddetto buono, riducendo i livelli di LDL, il colesterolo cattivo.

Contengono, inoltre, il folato, te tende a diminuire il rischio dell’insorgenza di eventi cardiovascolari quali ictus e infarto, e molti sali minerali, quali magnesio, calcio, fosforo e potassio e una buona quota di vitamine C e vitamine del gruppo B.

Non contengono glutine e sono quindi indicati anche per chi soffre di celiachia. I ceci, come altri legumi sono ricchi di sostanze che hanno  la proprietà di non fare salire troppo velocemente  la glicemia,  quindi sono un ottimo alleato di  chi è affetto da diabete.

Il tè Lapsang Souchong

Questa interessante ricetta ha un altro segreto: il tè Lapsang Souchong. E’ una varietà di tè che da qualche anno si sta diffondendo in Italia. Come suggerisce il nome, però, è originario della Cina. E’ sostanzialmente un tè nero, che si caratterizza per un particolare processo di preparazione. Infatti, le foglie vengono fatte ossidare, essiccare e infine vengono affumicate con legno di pino o di cedro. E’ proprio l’affumicatura che rende questo tè adatto alle composizioni complesse, e lo trasformano in un vero e proprio ingrediente per primi, secondi e antipasti. Si abbina in particolar modo con il pesce e le verdure grigliate.

Per il resto, il Lapsang Souchong vanta le proprietà tipiche di tutti i tè neri. Il contenuto di caffeina è elevato ma non eccessivo (allo stesso livello del caffè espresso o di poco inferiore). Ottimo l’apporto di tannini e polifenoli, che aiutano a combattere l’effetto dei radicali liberi e agiscono in funzione antiossidante e antinfiammatoria.

Ecco la ricetta dell’Hummus di ceci profumato al tè Lapsang Souchong

Ingredienti:

  • 3 gr. di Lapsang Souchong
  • 200 gr. di Hummus di ceci NOA
  • 1 melanzana
  • 10 pomodorini

Preparazione:

Dopo averla lavata, sbucciate la melanzana con una mandolina, poi tagliatela a fette poco sottili per corto. Grigliate per un paio di minuti. Nel frattempo lavate i pomodorini e ricavatene dadini piccoli. Versate in una ciotola l’hummus e un cucchiaio di foglie di tè, mescolate e infine frullate.

Adesso è ora di comporre il piatto. Adagiate le fette di melanzane su un tagliere, spalmate su ogni melanzana un po’ di crema all’hummus e tè, infine aggiungete i pomodorini e guarnite con foglie di basilico.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sformatini di formaggio di capra

Sformatini di formaggio di capra, per un Halloween...

Sformatini di formaggio di capra, un’idea gustosa e creativa Gli sformatini di formaggio di capra sono un’ottima idea per un Halloween all’insegna del gusto e della creatività. Sono...

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

Camembert al forno con timo e miele

Camembert al forno con timo e miele, ricetta...

Camembert al forno con timo e miele, un gradevole mix di sapori Il camembert al forno con timo, miele e noci è una ricetta della tradizione francese, nonché un’ottima idea per valorizzare uno...

Camembert con aglio e rosmarino

Camembert al forno con aglio e rosmarino, una...

Camembert al forno con aglio e rosmarino, un antipasto suggestivo Il Camembert al forno con aglio e rosmarino può essere definito un antipasto fuori dall’ordinario. A suo modo, il metodo di...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Focaccia con filetto di maiale tonnato

Focaccia con filetto di maiale tonnato per intenditori

Focaccia con filetto di maiale tonnato, una sofisticata combinazione di sapori La focaccia con filetto di maiale tonnato, pomodorini gialli e puntarelle può essere considerata, a secondo degli usi,...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


31-03-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti