bg header
logo_print

Insalata di tacchino e fagiolini, una ricetta light completa

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Insalata di tacchino e fagiolini
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
Array
5/5 (2 Recensioni)

Insalata di tacchino e fagiolini, una ricetta buona e proteica

L’insalata di tacchino e fagiolini è la soluzione perfetta per chi vuole mangiare con leggerezza e gusto.

Quando qualcuno mi chiede cosa preparare per mantenersi leggeri ma senza rinunciare al sapore io rispondo: una bella insalata! Non un’insalata qualsiasi, bensì una che mixi bene gli ingredienti, che fornisca il giusto apporto di proteine e che quindi possa dirsi completa. Un identikit che questa insalata di tacchino e fagiolini rispecchia alla perfezione.

Il sapore delicato e leggermente dolce del tacchino si sposa bene con le note vagamente rustiche dei fagiolini. A supporto intervengono le uova sode tagliate a spicchi, i porri e le carote. Per quanto concerne il condimento è sufficiente una gustosa emulsione a base di yogurt magro, olio e sale.

Ricetta insalata di tacchino e fagiolini

Preparazione insalata di tacchino e fagiolini

  • Per preparare l’insalata di tacchino e fagiolini iniziate portando ad ebollizione tanta acqua in un pentolino, poi mettete le uova e rassodatele. Dovrebbero bastare 9 minuti se si tratta di uova grandi, mentre 8 minuti se sono più piccole. Terminato il tempo di cottura scolate le uova e raffreddatele subito sotto l’acqua del rubinetto.
  • Poi lavate i fagiolini e tagliate via le punte, infine lessateli in acqua bollente per 7-8 minuti.
  • Su una griglia o su una piastra antiaderente cuocete le fettine di tacchino, girandole alla bisogna. Conditele con sale, un po’ di pepe e fatele raffreddare. Infine, fatele a listarelle.
  • Ora pelate le carote e il sedano, poi fateli a rondelle.
  • Sgusciate le uova sode (facendo attenzione a non rovinare l’albume) e tagliatele a spicchi.
  • Ora preparate la salsa, mescolando lo yogurt con un po’ di olio e di sale.
  • Infine, componete l’insalata unendo il tacchino, le olive, le uova e la salsa. Servite quando è tutto ben freddo e buon appetito.

Ingredienti insalata di tacchino e fagiolini

  • 500 gr. di petto di tacchino
  • 200 gr. carota
  • 200 gr. sedano
  • 200 gr. yogurt magro senza lattosio
  • 200 gr. fagiolini gialli
  • 80 gr. di olive verdi denocciolate
  • 2 uova sode
  • 4 cucchiaini olio extravergine d’oliva
  • un pizzico di sale e q. b. di pepe

Perché preferire il tacchino al pollo?

Spesso preferire il tacchino al pollo è una questione di gusto, ma non di rado la questione è oggettiva. In questa insalata di tacchino e fagiolini la risposta è nel mezzo, infatti sia il pollo che il tacchino sono carni salutari, leggere, ipocaloriche e povere di grassi. Tuttavia, il tacchino è un po’ più leggero ed è ricco di proteine, inoltre propone un sapore un po’ più delicato, che si sposa meglio con i fagiolini, con le carote e con i porri.

Nello specifico del tacchino va utilizzato il petto, che viene affettato e cotto ai ferri, alla piastra o alla griglia, senza aggiungere grassi. Infine va tagliato a listarelle, fatto raffreddare e unito agli altri ingredienti. Abbiate cura di ungere leggermente il supporto di cottura e di girare spesso la carne. L’unico vero difetto del tacchino, infatti, è la tendenza ad attaccarsi, dovuta ad una scarsa concentrazione di liquidi e di grassi.

Questa maggiore secchezza del tacchino rende necessaria la presenza di un’emulsione morbida, come la salsa a base di yogurt, olio e un pizzico di sale.

Tutto il potere nutrizionale dei fagiolini nell’insalata di tacchino

Parliamo ora dei fagiolini, che sono gli altri protagonisti di questa insalata di tacchino. I fagiolini sono tra i legumi più apprezzati in virtù del loro sapore delicato, che non manca di esprimere un carattere rustico. Sono anche morbidi e digeribili, più dei classici fagioli, lenticchie e ceci. Inoltre, sono anche versatili, infatti si possono trovare nei primi di pasta (e quindi nelle minestre), nelle zuppe, nelle vellutate e anche nei contorni. Spesso è sufficiente lessarli e condirli con un po’ di aceto, olio e sale per dare vita a un contorno squisito, che basta a se stesso.

In questo caso i fagiolini vanno semplicemente privati delle estremità, lessati, fatti raffreddare e uniti agli altri ingredienti.

I fagiolini spiccano anche dal punto di vista nutrizionale, infatti sono poco calorici (30 kcal per 100 grammi), ricchi di vitamine e sali minerali, come dimostra il contenuto di vitamina C, vitamina K (fondamentale per mantenere il sangue della giusta densità), potassio, calcio e fosforo. Contribuiscono inoltre a tenere sotto controllo la glicemia e il colesterolo cattivo, un dettaglio non di poco conto per chi soffre di diabete e colesterolemia alta.

Insalata di tacchino e fagiolini

Come rassodare le uova

Tra gli ingredienti di questa insalata di tacchino e fagiolini figurano le uova sode. A questo punto una domanda sorge spontanea: come rassodare bene le uova? Le uova sode figurano tra le preparazioni base, quindi non sono difficili da realizzare. Allo stesso tempo, per ottenere un risultato perfetto è necessario prendere qualche accorgimento.

Tanto per cominciare è bene considerare le misure, solo in questo modo è possibile stabilire il perfetto tempo di cottura. Facendola breve le uova più grandi necessitano di 9 minuti, le uova medie di 8 e le uova piccole di 7 minuti.

Un altro consiglio è di porre le uova sotto l’acqua corrente fredda, o addirittura immergerle in acqua e ghiaccio. E’ grazie a questo espediente che la cottura si interrompe istantaneamente, impedendo alle uova di stracuocere.

Infine, fate attenzione alla fase di rimozione del guscio. Anche se completamente solidificato l’albume rimane debole, dunque è necessario preservarne la sua integrità.

Come condire questa insalata con tacchino

Il giusto condimento per questa insalata di tacchino e fagiolini è l’emulsione a base di yogurt, olio e sale. Essa ha il pregio di insaporire, aggiungendo una nota marcatamente acidula alla ricetta, ma anche di bypassare la naturale secchezza del tacchino, ponendo rimedio in modo efficace e non invasivo. Ovviamente non dovrete esagerare con le quantità, pena la copertura totale degli ingredienti.

Lo yogurt dovrebbe essere magro e bianco, tuttavia potete utilizzare anche lo yogurt greco colato. Questo yogurt ha un sapore più intenso che giova alla ricetta. Tuttavia è anche abbastanza denso, quindi vi consiglio di aggiungere un po’ di acqua e un po’ più di olio.

La ricetta non prevede l’aggiunta di spezie, ma se volete abbondare con i sapori potete aggiungere qualche foglia di basilico per dare un tocco di colore e un sentore ancora più fresco.

FAQ sull’insalata di tacchino e fagiolini

Qual è la differenza tra petto e fesa di tacchino?

Il petto di tacchino è il taglio propriamente detto, mentre la fesa di tacchino è il petto lavorato e trasformato in insaccato. Quest’ultimo è in genere un po’ più dolce e delicato.

Come mangiare il petto di tacchino a dieta?

Il petto di tacchino può essere consumato durante una dieta in tanti modi diversi. Tuttavia, vi consiglio di cuocerlo ai ferri o alla griglia, senza l’aggiunta di olio e altri grassi; in questo modo preserverete tutta la sua leggerezza e il suo sapore.

Che differenza c’è tra petto di pollo e di tacchino?

La differenza tra petto di pollo e di tacchino sta soprattutto nel sapore. Il petto di pollo ha un sapore più corposo e delicato. Il petto di tacchino è in aggiunta un po’ più dolciastro.

Ricette con il tacchino ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Bowl con capesante

Bowl con capesante, come valorizzare il celebre mollusco

Le proprietà del riso venere Il riso gioca un ruolo di fondamentale importanza per la bowl con capesante, infatti funge da base e allo stesso tempo da fonte di carboidrati. Il consiglio è di...

Insalata di abalone

Insalata di abalone, un contorno dal sapore esotico

Un focus sull’abalone Nonostante l’abbondanza di ingredienti, il protagonista di questa insalata rimane l'abalone. E’ un frutto di mare pregiato, in quanto difficile da pescare e situato...

Insalata di noodles croccanti

Insalata di noodles croccanti, un’idea per un pasto...

Insalata di noodles croccanti, un mix sapiente di carne e pesce L’insalata di noodles è una ricetta coraggiosa ed azzeccata, infatti non teme di innovare e di sfatare alcuni tabù culinari, come...