Spaghetti con pesto di carote viola e pinoli

spaghetti con pesto di carote viola e pinoli
Commenti: 0 - Stampa

Spaghetti con pesto di carote: il potere del viola!

Avete anche voi un’amica fissatissima con questo colore? Il viola è uno di quei colori che o si amano o si odiano. Una tonalità che inevitabilmente rievoca qualcosa. Se siete appassionati di telefilm, il viola vi farà pensare a Mary’ di Braking Bad, la moglie dell’agente della DEA, la quale ha una grandissima passione per questo colore tanto da avere qualsiasi cosa in casa nelle possibili tonalità di viola. E se qualcuno ha pentole, forchette, tende, divani, mobili e stoviglie in viola, questi spaghetti con pesto di carote viola saranno sicuramente indicati!

Una passione cromatica che, in questo caso, cela anche importanti proprietà nutrizionali.  Le carote viola, infatti, sono ancor più nutritive delle “cugine” arancioni. Le carote viola sono dotate di uno straordinario potere anti-ossidante, utile contro l’invecchiamento e per la salute di occhi, cuore e latte materno. La luteina, contenuta in queste carote, ha significative capacità anti-tumorali, soprattutto per quanto riguarda la prevenzione dei tumori legati agli ormoni o alla prostata. L’assunzione di questo tipo di carote riesce, inoltre, ad avere proprietà anti-infiammatorie che possono essere sfruttabili per diverse patologie tra cui artrite reumatoide ed asma. 

La carota viola combatte l’artrite in maniera naturale, Le carote viola sono un ingrediente ormai conosciuto al pubblico italiano. Si tratta di un ortaggio noto a chi vive nella nostra penisola, anche se la variante arancione è senza dubbio quella più diffusa. Da noi è comunque possibile trovare la varietà viola che è coltivata nella zona di Polignano.

Tuttavia la storia della carota non è legata all’Italia. Originariamente era coltivata nella regione dell’Afghanistan e gli esemplari iniziali erano di colore giallo e viola.

Da questa area la carota è poi stata esportata a est e ovest dove ha incontrato climi molto differenti. Proprio a causa di temperature diverse, questo alimento si è evoluto in modo autonomo. Così, verso oriente abbiamo incontrato la carota rossa in India prima e successivamente in Giappone, mentre nel nostro continente questo alimento ha assunto una colorazione prima sul giallo e poi tendente all’odierno arancione.

Spaghetti con pesto di carote viola: un elisir di benessere

Le proprietà naturali delle carote viola sono tali che dovremmo inventarci 10, 100, 1000 ricette per assaporarle con piacere tutti i giorni! Lo sapevate che hanno anche importanti effetti benefici sulla salute vascolare? Ma non finisce qui. Le carote viola hanno anche proprietà antimicotiche, antisettiche ed antivirali.

spaghetti con pesto di carote viola e pinoli

Quindi un bel piatto caldo come questi spaghetti con pesto di carote viola può essere davvero l’ideale per riscaldarci e nutrirci a fondo. Proprio a partire dall’autunno, quando i capelli tendono a cadere copiosi e le unghie a sfaldarsi, l’apporto dato da queste carote può essere essenziale per stare bene e rafforzarli. 

Un primo diverso e sorprendente

Gli spaghetti con pesto di carote viola sono un piatto che non può lasciare indifferenti. Il sapore della carota viene valorizzato ed arrotondato dalla presenza della cipolla di Tropea, dai pinoli, dallo yogurt e dal Parmigiano Reggiano. Questo pesto è una cremina saporita, avvolgente, profumata e calda.

In questa ricetta abbiamo usato i pinoli di cedro per un motivo ben preciso. La ragione è da ricondurre all’elevatissimo apporto di vitamine del gruppo E, nonché del gruppo B che questi piccolissimi ma potenti frutti sono in grado di garantire al nostro organismo.

Non stupisce dunque che essi abbiamo acquisito cotanta fama, basti pensare alla grande quantità di potassio di cui essi si fanno naturali portatori, pari a ben 600 mg per 100 g di prodotto.

Oggi tutti siamo interessati alla presenza di questi nutrienti, che definire preziosi è davvero dire poco. La vitamina E è imprescindibile per la salute della nostra pelle e per contrastare il processo di ossidazione del corpo, la B è indispensabile per il corretto funzionamento del sistema nervoso, il potassio non deve mai mancare al nostro organismo, in quanto in grado di regolarizzarne molte funzioni fisiologiche, tra le quali la reazione muscolare.

Sapori e profumi si uniscono così in una meravigliosa sinfonia tutta da gustare. Un primo che, per queste ragioni, non potrà far altro che essere un successo. Conquistate i vostri commensali con qualcosa di diverso dagli schemi e super nutriente, ve ne saranno grati! 

Ed ecco la ricetta degli spaghetti con pesto di carote viola:

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 gr. di spaghetti consentiti
  • 5 carote viola
  • 1/2 cipolla rossa di Tropea
  • 3 cucchiai di pinoli di cedro
  • 4 cucchiai di Parmigiano Reggiano 36 mesi
  • 2 cucchiai di yogurt greco autentico colato senza lattosio
  • qualche fogliolina di maggiorana fresca
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q. b. di sale

Preparazione:

Raschiate la superficie delle carote viola, lavatele e riducetele a rondelle. In una padella stufate le carote con olio e cipolla a fettine. Aiutate la cottura, aggiungendo a necessità un po’ d’acqua.  Non appena le carote si saranno ammorbidite, frullate tutto aggiungendo pinoli, pesto e yogurt. Qualora non vi interessi che il piatto sia particolarmente light, potrete sostituire lo yogurt con della panna da cucina.

Mettete gli spaghetti a lessare in abbondante acqua, lievemente salata. Scolate gli spaghetti al dente e passateli in padella con qualche mestolo di acqua di cottura. Impiattate decorando con foglioline di maggiorana, pinoli e – se gradito – ulteriore Parmigiano Reggiano.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...

Risotto al pino mugo

Risotto al pino mugo, un primo dal sapore...

Risotto al pino mugo, non un semplice risotto Il risotto al pino mugo è un risotto diverso dal solito. I motivi sono diversi e non si limitano a una lista di ingredienti “particolare”. Per...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-02-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti