bg header
logo_print

Gnocchi vongole e pesto, un primo piatto ricco

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

gnocchi vongole e pesto
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (3 Recensioni)

Gli gnocchi con vongole, gamberi e pesto sono un primo davvero ricco, che valorizza i frutti della terra e del mare. Gli ingredienti creano abbinamenti suggestivi, pur ponendosi agli antipodi, interagendo molto bene tra di loro. Si tratta di un primo a base di gnocchi condito con un pesto ai pomodorini, ma allo stesso tempo arricchito da vongole e gamberi. L’effetto è straordinario dal punto di vista estetico, grazie ad un bel contrasto tra il bianco, il verde e il rosso. Dal punto di vista del gusto l’aroma del pesto viene esaltato dal sapore delle vongole e dei gamberi.

Ricetta gnocchi vongole e pesto

Preparazione gnocchi vongole e pesto

Per preparare gli gnocchi con vongole, gamberi e pesto iniziate proprio dalle vongole. Immergetele in acqua fredda salata per circa tre ore affinché spurghino. Poi spadellate le vongole con un po’ di olio e uno spicchio di aglio, in modo che si aprano. Infine unite il prezzemolo tritato, il vino bianco e coprite con il coperchio per portare a cottura. Terminata la cottura, sgusciate le vongole, mettendone da parte qualcuna col guscio intatto per la decorazione finale. Inoltre filtrate il liquido di cottura e conservate anch’esso.

Ora occupatevi dei gamberi. Sgusciateli, rimuovete il budello e saltateli in padella con un po’ di olio e uno spicchio d’aglio per qualche minuto. Infine mettete da parte anch’essi. Poi lavate i pomodorini sotto l’acqua corrente, tagliateli a tocchetti e mescolateli con il pesto all’interno di una ciotola. Intanto cuocete gli gnocchi in abbondante acqua salata finché non salgono in superficie. Poi scolateli e aggiungete il pesto con i pomodorini, i gamberetti e le vongole. Se necessario, aggiungete un po’ di acqua di cottura della pasta e un po’ di liquido di cottura delle vongole. Infine guarnite con vongole intere e voilà, il piatto è pronto.

Ingredienti gnocchi vongole e pesto

  • 1 confezione doppia di gnocchi De Angelis pari a 400 gr
  • 300 gr. di vongole
  • 120 gr. di pesto di basilico
  • 160 gr. di code di gamberi
  • 150 gr. di pomodori datterini
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • un pizzico di sale e pepe.

Gnocchetti vongole e pesto, un primo tra terra e mare

Per quanto concerne gli gnocchi vanno cotti nel modo classico, ossia in acqua bollente salata. Essendo per definizione freschi, la cottura richiede pochi minuti, o meglio il tempo necessario affinché vengano a galla. Per questa ricetta consiglio di utilizzare gli gnocchi De Angelis, preparati con materie prime di assoluta qualità e con un processo di produzione tradizionale, tipico del pastificio modenese. Tra l’altro, sono anche gluten-free in quanto realizzati con le patate e con la farina di mais. Il sapore è un po’ più corposo rispetto agli gnocchi standard, ma molto gradevole. Sempre per consigliare l’abbinamento terra e mare si possono preparare i gnocchetti vongole e porcini.

Tutta la bontà e il valore nutrizionale dei gamberi

Gli gnocchi pesto e vongole sono un primo sia di mare che di terra. La componente  di mare è data ovviamente dai gamberi e dalle vongole. I gamberi sono tra le specie ittiche più amate, in quanto facili da preparare (basta una semplice spadellata) e in grado di esprimere un sapore gustoso e delicato. Spiccano per le loro proprietà nutrizionali, tra cui un notevole apporto di proteine, degno delle migliori carne rosse. Stesso discorso per le vitamine e per i sali minerali. Inoltre nei gamberi vi sono abbondanti quantità di fosforo, che sostiene le facoltà mentali e in particolare la memoria. Infine l’apporto calorico è davvero minimo, pari a 80 kcal per 100 grammi.

In occasione di questa ricetta i gamberi vanno passati in padella con un po’ di olio e di aglio, dopo essere stati puliti. In particolare va rimosso il filino nero al loro interno, che non è altro che il budello. Se si lascia questa parte le carni dei gamberi diventano sgradevolmente amare. Anche le vongole vengono cotte in olio e aglio, sebbene lo scopo principale sia quello di aprirle. Alcune però vanno lasciate con il guscio in quanto fungono da decorazione finale. Le vongole si fanno apprezzare per il sapore intenso, che richiama il mare. Pur essendo poco caloriche, apportano un po’ di grassi benefici. Tuttavia non abusatene in quanto contengono anche molto colesterolo, oltre ad un ottimo apporto di ferro e di magnesio.

gnocchi vongole e pesto

Il ruolo dei pomodori datterini

I pomodori datterini giocano un ruolo di primo piano in questa ricetta a base di gnocchi con vongole e pesto. In particolare hanno lo scopo di smorzare l’aroma del pesto, rendendolo più equilibrato e in grado di interagire efficacemente con i frutti di mare. Non a caso sono tra le varietà di pomodoro più dolce, inoltre vengono impiegati per conferire una nota delicata a piatti altrimenti troppo aromatici. In occasione di questa ricetta i pomodori datterini non vanno cotti. Vanno semplicemente lavati, tagliati e aggiunti al pesto.

Per quanto concerne le proprietà nutrizionali non si segnalano differenze con le altre varietà di pomodoro. Si contano ottime dosi di vitamina A, che fa bene alla vista, e di vitamina C, che fa bene al sistema immunitario. La buccia, poi, è ricca di licopene, un formidabile antiossidante responsabile anche del loro colore rosso.

Come preparare un buon pesto di basilico?

Tra i protagonisti di questi gnocchi con le vongole spicca il pesto di basilico, che a tutti gli effetti funge da legante. Il pesto di basilico va preparato con cura, magari ispirandosi alla vera ricetta del pesto alla genovese. Sul sito trovate la ricetta del pesto alla genovese, ma ci tengo comunque a fornirvi qualche consiglio. Il più importante consiste nel non avere fretta, quindi piuttosto che frullare gli ingredienti, optate per il classico pestello. In tal modo si otterrà una buona amalgama, e i liquidi si uniranno con maggiore efficacia alle parti solide.

Come sicuramente saprete, la versione originale del pesto vede tra gli ingredienti il basilico, i pinoli, il Parmigiano Reggiano, l’aglio, l’olio e il sale. All’occorrenza, se gradite un pesto davvero sapido, sostituite il Parmigiano con il Pecorino. Un altro trucco è nella scelta delle foglie di basilico, che devono essere particolarmente brillanti e di grandezza media.

Ricette gnocchi ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (3 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pici all’aglione

Pici all’aglione, un piatto contadino della cucina toscana

Come si prepara il sugo all’aglione Preparare il sugo per i pici all'aglione è davvero semplice, basta ricavare dal bulbo dell’aglio una certa quantità di spicchi (almeno uno a persona) e...

Zuppa di legumi con funghi e castagne

Zuppa di legumi con funghi e castagne, una...

Come scegliere i legumi La ricetta della zuppa di legumi con funghi e castagne è pensata per garantire ampia flessibilità nella scelta degli ingredienti. Di base potete utilizzare i legumi che...

Ravioli con sugo di pesce

Ravioli con sugo di pesce, un primo piatto...

Come preparare il sugo di pesce Il pezzo forte di questo primo piatto di pasta a base di ravioli è il sugo di pesce. Potremmo considerarlo come una sorta di ragù “ittico”, specie se si guarda...