Cavolfiori gratinati per un contorno semplice e nutriente

Cavolfiori gratinati
Commenti: 0 - Stampa

Un tocco di colore per la nostra tavola

Questa pirofila con i cavolfiori misti gratinati è una pietanza così bella che potrebbe essere scambiata per un centrotavola! I cavolfiori portano dei colori vivaci ed intensi alla nostra tavola, in particolare il cavolfiore viola che spicca su tutti. Nel caso di questi ortaggi la bellezza corrisponde alla sostanza, essendo fondamentali per la nostra salute.

Secondo gli studiosi sarebbe opportuno consumare questi cavolfiori, preparati così o come preferite, almeno due o tre volte alla settimana per poter godere a pieno delle loro proprietà nutrizionali.

In ogni possibile dieta il cavolfiore è ben accetto in quanto poco calorico e molto saziante. I diabetici in particolare dovrebbero consumarne molto giacché utile per regolare i livelli di zucchero nel sangue. Remineralizzati e depurativi, i cavolfiori si distinguono anche come alleati per la salute della prostata.

Cavolfiori gratinati per un contorno super nutriente

L’assortimento di colori previsto per questi cavolfiori misti gratinati è indice di un alimento davvero ricco di elementi nutritivi essenziali. Possiamo segnalare la presenza di potassio, ferro, calcio, fosforo, acido folico e vitamina C, in particolare.

Secondo quanto dimostrato dai ricercatori, una dieta comprensiva stabilmente di cavoli, cavoletti e cavolfiori, potrebbe essere il segreto di buona salute e lunga vita, allontanando del 49% la possibilità di ammalarsi di cancro.

Cavolfiori gratinati

Questa piccola magia dipenderebbe dalla ricchezza di antiossidanti, utili per allontanare l’invecchiamento e l’azione degenerativa dei radicali liberi. Tutti questi motivi ci sembrano già sufficienti per mangiare il cavolfiore a partire da questo contorno o magari in una frittata aromatica o, perché no, come ingrediente di un buon cous cous. 

Bontà e genuinità si incontrano nel cavolfiore

Un contorno come questi cavolfiori misti gratinati è di una semplicità disarmante, eppure straordinariamente buono e d’effetto. Per garantirci al meglio le proprietà di questo ortaggio ed in particolare di questo piatto, dobbiamo assicurarci di scegliere sempre prodotti freschi.

Il cavolfiore è tendenzialmente delicato e tende a deperirsi facilmente per cui occorre prestare molta attenzione al momento dell’acquisto, per non disporre poi di ingredienti che all’indomani siano da gettare via.

L’annerimento, seppur leggero, del cavolo denota una prolungata conservazione in cattive condizioni. I cavoli migliori sono quelli chiusi dalle foglie e protetti, con infiorescenza compatta e voluminosa, omogenea e senza macchie.

Se siete sempre insicuri di quel che acquistate, non temete, è solo questione d’esperienza! In ogni caso vi consigliamo di trovare sempre un fruttivendolo di fiducia e di non lasciarlo più! Gli ingredienti di qualità sono sempre importanti per produrre pietanze davvero buone e genuine.

Ed ecco la ricetta dei cavolfiori misti gratinati:

Ingredienti:

  • 600 gr. di cavolfiori colorati misti
  • 40 gr. di burro chiarificato
  • q. b. di noce moscata
  • 60 gr. di parmigiano reggiano 36 mesi
  • q. b. di pepe di timut e sale

Preparazione:

Per preparare i cavolfiori gratinati iniziate lavandoli e tagliandoli grossolanamente. Metteteli a lessare in abbondante acqua lievemente salata per circa 10 minuti. Trascorso il tempo indicato, scolate i cavolfiori e conditeli in una coppa con burro, sale, pepe e noce moscata.

Imburrate una pirofila e trasferite qui i cavolfiori, lessati e conditi. Spolverizzate i cavolfiori con del parmigiano a pioggia e mettete il tutto in forno a 200° per 10 minuti. Servite ancora caldi e buon appetito!

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Curry di verdure al forno

Curry di verdure al forno, un contorno speziato

Curry di verdure al forno, un contorno esotico Il curry di verdure al forno è un piatto che si ispira alla cucina indiana. Può essere considerato come un contorno molto speziato, o come un primo...

Polenta fritta

Polenta fritta, un eccellente piatto di recupero

Polenta fritta, un’idea semplice da fast food La polenta fritta è uno splendido esempio di cucina di recupero, infatti si prepara con gli avanzi della polenta, che vanno tagliati a fette o a...

colazione per gli studenti

Melanzane e zucchine alla scapece, un piatto napoletano

Melanzane e zucchine alla scapece, un contorno semplice e gustoso Le melanzane e zucchine alla scapece sono due piatti tipici della cucina napoletana. Sono famosi in tutta Italia, soprattutto...

Patate rosse con pancetta

Patate rosse con pancetta, un piatto equilibrato

Patate rosse con pancetta, uno splendido abbinamento Le patate rosse con pancetta sono il classico contorno sfizioso, molto gustoso, ricco di sapore e nutrimento. Ovviamente, non stiamo parlando di...

cianfotta

La cianfotta, una versione vegetariana

La cianfotta, una pietanza che unisce mezza Italia La cianfotta o ciambotta è un piatto della tradizione italiana. E’ preparata soprattutto al Sud, dalla Campania alla Sicilia, tuttavia le...

Melanzane a funghetto

Melanzane a funghetto, un contorno anti intolleranze

Melanzane a funghetto, semplicità e versatilità per un contorno speciale Oggi vi presento le melanzane a funghetto, un delizioso contorno tipico campano facile da preparare e salutare, realizzato...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


17-01-2020
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti