Infuso alla salvia e non solo…

Infuso alla salvia ChiaraZoppei

La salvia è una pianta sempreverde della famiglia della menta. Nel corso della storia è stata sempre usata per le sue proprietà culinarie e medicinali. La sua reputazione come panacea è rappresentata persino dal suo nome scientifico, Salvia officinalis, che deriva dalla parola latina “salvere”, vale a dire: “stare bene”. Vediamo quindi i benefici che offre e alcuni infusi che potete preparare.

i benefici della salvia

  • Antiossidante
  • Antinfiammatoria
  • Antiallergica
  • Antifungina
  • Antivirale
  • Antisettica
  • Utile per la memoria
  • Ricca di vitamine
  • Contro la depressione

Se avete qualche condizione infiammatoria, come l’artrite reumatoide, aggiungetela al cibo. È un toccasana anche in caso di asma bronchiale, malattia di Alzheimer, herpes, infezioni alla gola, febbre tifoide, problemi gastrointestinali. È ricca poi di vitamine del gruppo B, come acido folico, tiamina, piridossina e riboflavina e contiene una buona dose di vitamina A e betacarotene. Le foglie fresche sono una buona fonte di vitamina C. Oltre a migliorare la memoria e la concentrazione aiuta anche in caso di tristezza e depressione.

Evitate di usare la salvia in gravidanza e durante la fase di allattamento, poichè potrebbe bloccare la lattazione.

Acqua vitaminica

Per via delle sue proprietà, fare un infuso con acqua e salvia permette di assumere antiossidanti e vitamine. È buono e vi aiuta a rimanere idratati.

Ingredienti:

  • 1 tazza di frutta pulita e tagliata a pezzi grandi, a scelta fra pesche, anguria, pompelmo o more (queste non affettatele!)
  • ¼ tazza di foglie di salvia fresca
  • 1 caraffa d’acqua filtrata.

Preparazione

Aggiungete la frutta all’acqua. Strofinate la salvia fra le mani per schiacciarla e rilasciare gli oli, poi mettetela nell’acqua. Lasciate riposare a temperatura ambiente per 1-2 ore o in frigo per 3-4 ore. Più lasciate in infusione l’acqua, più forte sarà il sapore. Togliete la frutta e la salvia dopo 48 ore per evitare che si rovini. Conservate l’acqua vitaminica in frigo per massimo tre giorni.

Infuso per il mal di gola

Se avete la gola infiammata, provate quest’infuso. Ecco cosa vi servirà.

Ingredienti:

  • 1 tazza d’acqua bollente
  • 3 cucchiai di salvia fresca (sciacquata e asciugata) o 1 cucchiaio di salvia secca.

Preparazione

Versate l’acqua sulle foglie di salvia e lasciate in infusione per 10 minuti, filtrate e aggiungete miele e limone se volete. Bevete l’infuso o fate dei gargarismi. Se invece lo fate forte, può anche farvi passare il mal di testa.

Infuso per i denti

Potete inserire la salvia nella vostra routine giornaliera come collutorio o per problemi alle gengive, infezioni alla gola e afte. Se queste ultime vi tormentano, fate dei gargarismi con un infuso di salvia forte o congelatela a cubetti. Mettete uno di questi in bocca per avere un po’ di sollievo.

Infuso per i capelli

Un infuso alla salvia per i capelli dona lucentezza alla vostra chioma ed è utile anche se avete la forfora.

Ingredienti:

  • 1 cucchiaio di foglie di salvia secca
  • 1 tazza di acqua.

Preparazione

Bollite la salvia nell’acqua e, una volta raffreddata, versate l’infuso sui capelli.

In sostanza, la salvia è un’erba molto potente che potete usare per diversi problemi. Provate l’infuso che fa al caso vostro e vedrete i benefici che ne derivano. Potete prendere una piantina di salvia e lasciarla crescere in giardino per averla sempre a disposizione o quella secca al supermercato.

 

Condividi!

2 commenti a “Infuso alla salvia e non solo…

    1. Tiziana Autore articolo

      Claudia le dico che la salvia contiene tracce di tujone, un chetone che puo’ essere tossico se viene assunto in forma concentrata o in alte dosi ed è controindicata per chi soffre di patologie nervose. Ci sono precauzioni da prendere solo con l’olio essenziale che non va mai assunto per uso interno. Ma non ho mai sentito nessuno lamentarsi di mal di stomaco. Solitamente decotto, infuso o tisana di salvia vengono consigliate proprio in questi casi o quando abbiamo mal di pancia dovuto agli eccessi nell’alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *