Stinco di maiale laccato al miele… una vera delizia!

Stinco di maiale laccato al miele
Commenti: 0 - Stampa

Avete mai assaggiato lo stinco di maiale laccato al miele?

Se ancora non avete assaporato un buon piatto di stinco di maiale laccato al miele e senape, con indivia, uvetta e pinoli, oggi vi dirò come fare per gustare al più presto questa pietanza. Tra l’altro, vi consiglierò un metodo di cottura sensazionale: la cottura sottovuoto a bassa temperatura. Sapete di cosa si tratta? Lo scopriremo tra poco e potrete trovare tante informazioni aggiuntive all’interno dell’apposita sezione della scuola di cucina di NonnaPaperina.it.

Ad ogni modo, non dimenticate che non è solamente il metodo di cottura a fare la differenza. Anche gli alimenti utilizzati possono migliorare i sapori, le consistenze e il valore nutrizionale di ogni piatto! Pertanto, persino per la preparazione dello stinco di maiale laccato al miele e senape, non scordatevi di selezionare gli ingredienti con cura, prediligendo la freschezza, la qualità e le etichette “pulite”! Detto questo, andiamo a vedere cosa dovreste sapere riguardo a questa ricetta!

Due righe sul miele di Manuka. Si tratta di scoperte piuttosto recenti, tant’è che solo negli ultimi anni il miele di manuka ha conosciuto una diffusione planetaria. In precedenza era utilizzato solo nelle zone d’origine della piante, che in Nuova Zelanda cresce spontanea in grandi distese dove non serve nemmeno l’intervento dell’uomo.

Secondo alcuni esperti, il miele di manuka è uno dei nettari più salutari prodotti grazie al lavoro delle api. Possiede infatti proprietà tonificanti, con particolari effetti benefici per la milza, organo fondamentale per il buon funzionamento di tutto il corpo. Non solo. Il miele di manuka svolge una funzione di antibatterico naturale, rafforzando il sistema immunitario.

L’azione positiva esercitata sulla milza inoltre genera una sorta di effetto domino. Nel senso che una milza che lavora meglio rigenera il sangue, “riciclando” proteine e ferro. Ideale da assumere nella bella stagione con una tisana fredda o un infuso di verbena.

E ora veniamo al gusto. Gli amanti del miele, che sono un po’ come i sommelier per quanto riguarda i vini, non possono farsi sfuggire l’assaggio di questa variante esotica. Il sapore è forte e corposo, molto consistente. Insomma da provare, non solo per togliersi uno sfizio culinario.

Amate la carne di maiale? Non avete tutti i torti!

Chi ama la carne, adora sicuramente anche quella di maiale. Infatti, si tratta di una delle più diffuse che, tra l’altro, propone vari tagli che di certo possono fare la differenza a tavola. Ognuno ha il suo sapore e, soprattutto, la sua consistenza. Alcuni sono più teneri e altri più duri, altri sono più magri e altri più grassi. Lo stinco è una delle parti più amate, ed è costituita dal garretto dell’animale, ovvero la parte sopra la zampa, che di solito viene bollita. Nel caso della ricetta dello stinco di maiale laccato al miele useremo invece la cottura sottovuoto. Cosa cambia?

La bollitura rende la carne morbida e gustosa. Tuttavia, gran parte del sapore, dei suoi succhi e dei nutrienti si perdono nel fondo di cottura. Non sempre riusciamo a recuperare quest’ultimo in maniera completa e, anche se fosse, è chiaro che non è la stessa cosa. Infatti, tutto quel gusto si trovava all’interno dello stinco di maiale… ma, dopo la cottura, purtroppo non sarà più così. La carne sarà meno saporita. Con la cottura sottovuoto, invece, l’alimento cuoce lentamente e non perde le sue proprietà organolettiche e nutrizionali.

Stinco di maiale laccato al miele

Stinco di maiale laccato al miele e senape, un mix di sapori unici!

La senape è un alimento che sorprende per le sue numerose proprietà, alcune delle quali sono sconosciute ai più. Per esempio, la senape è di per sé un conservante, dunque viene impiegata per mantenere i cibi integri per un periodo di tempo più lungo. Secondariamente, i semi di senape vantano interessanti proprietà diuretiche, come tra l’altro fanno molti semi delle piante “crocifere” (famiglia a cui la senape appartiene). Un’altra caratteristica importante, e che ha reso la senape famosa in antichità, è la funzione stimolante. Secondo la tradizione, ma anche secondo recenti studi, la senape è in grado di generare effetti positivi anche sul sistema cardiocircolatorio e sul sistema nervoso. Infine, contribuisce ad alleviare i dolori reumatici. Potete anche prepararla in casa!

Nello specifico, dovreste sapere che la cottura sottovuoto prevede l’uso di un sacchetto apposito, dove andranno inseriti gli alimenti. In seguito, verrà tolta l’aria al suo interno e si procederà con la cottura a bagnomaria. Trattandosi di un sacchetto chiuso e condizionato sottovuoto, si preservano al massimo le potenzialità e le caratteristiche dell’alimento. È proprio per questo che il vostro stinco di maiale laccato al miele sarà delizioso! Il resto lo faranno poi gli altri ingredienti…

Il miele dona già un prezioso valore aggiunto a questo secondo piatto… Ve lo potete immaginare! Se poi pensiamo al sostanzioso contorno, le cose cambiano ulteriormente: i sapori aumentano e lo stesso vale anche per l’apporto di vitamine, minerali, proteine e altri nutrienti. Ottimo, non siete d’accordo? In poche parole, la ricetta dello stinco di maiale laccato al miele e senape, con indivia, uvetta e pinoli è favolosa e la cottura sottovuoto a bassa temperatura non farà altro che migliorare la vostra esperienza culinaria e la vostra avventura ai fornelli!

Ed ecco la ricetta dello stinco di maiale laccato al miele

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 stinchi posteriori di maiale
  • 1 mazzetto di timo
  • 2 dl. di birra Peroni senza glutine
  • 100 gr. di Calvé Senape Top Down
  • 90 gr. di miele di manuka o miele di acacia
  • 400 gr. di indivia belga
  • 50 gr. di uvetta
  • 50 gr. di pinoli
  • 2 dl. di fondo di maiale
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Preparazione

Insaporite gli stinchi con sale e pepe, e fateli rosolare in padella con olio e timo. Sfumateli con la birra. Lasciate evaporare quest’ultima e poi fate raffreddare.

Spalmate gli stinchi con la senape e il miele, inseriteli in un sacchetto da cottura, condizionateli sottovuoto e fateli cuocere nel bagno termostatato a 72°C per 16 ore. Lasciate raffreddare.

Tagliate l’indivia a spicchi, conditela con sale, pepe e olio, condizionatela sottovuoto con l’uvetta e i pinoli tostati. Fate cuocere nel bagno termostatato a 82°C per un’ora.

Rigenerate la carne, tagliatela a fette e servitela con il suo fondo di cottura, fatto ridurre e unito al fondo di maiale. Accompagnate con l’indivia.

5/5 (3 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di puntarelle con avocado

Insalata di puntarelle con avocado, un piatto leggero

I tanti colori dell’insalata di puntarelle con avocado e gamberi L’insalata di puntarelle con avocado e gamberi è un'ottima idea per un piatto leggero, che riesca a soddisfare la vista e il...

Coscia di oca al bergamotto

Coscia di oca al bergamotto, un secondo agrodolce

Coscia di oca al bergamotto, un secondo gourmet per tutti i palati La coscia di oca a bassa temperatura profumata al bergamotto è un secondo elegante e dal sapore particolare, in grado di...

Coscia di carre di agnello aromatizzato al rosmarino con mirepoix di fagiolin

Coscia di agnello al rosmarino alla provenzale 

La Coscia di agnello è un piatto da leccarsi i baffi. Un taglio di carne davvero prelibato è la coscia di agnello. Quando la trovo dal macellaio non riesco a resistere alla tentazione di comprarla....

petto di anatra leggermente affumicato

Stupire con il petto di anatra leggermente affumicato!

Un menu speciale con il petto di anatra leggermente affumicato Noi italiani siamo abituati per lo più a consumare pollo, tacchino, carne di manzo o di maiale. Ogni tanto, però, dobbiamo...

coniglio farcito con le verdure

Il coniglio farcito con le verdure: una vera...

Per la preparazione della ricetta del coniglio farcito alle verdure , ho utilizzato alcuni macchinari ed accessori che non dovrebbero mai mancare in una cucina che si rispetti. Su tutti, si è...

Pancia di maiale in agrodolce

Pancia di maiale in agrodolce con scampi ai...

Tutta la bontà della pancia di maiale in agrodolce con scampi ai pistacchi Siete alla ricerca di un secondo piatto adatto agli intolleranti e perfetto per offrire agli ospiti qualcosa di unico? In...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


01-12-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti