Cubotto di stinco: una ricetta originale e ottima per stupire gli ospiti!

Aspettate ospiti a cena? Stupiteli con la ricetta del cubotto di stinco!

La ricetta del cubotto di stinco si rivela un secondo piatto corposo e ricco di gusto, dal sapore rustico ed intenso, in grado di catturare cuore e palato di ogni tipo di ospite. Servita con un contorno di ravanelli, piselli ed altri ingredienti freschi, questa pietanza è l’ideale in qualunque momento dell’anno e saprà soddisfare pienamente tutti gli amanti della carne!

La preparazione del piatto di oggi è davvero semplice e potrà donarvi come risultato un secondo piatto saporito e nutriente! Se seguirete con cura la ricetta, otterrete una cottura perfetta, che comporterà a sua volta una straordinaria morbidezza della carne. Ma vediamo quali sono le caratteristiche di questo secondo piatto dal gusto superlativo e sostanzioso, e come prepararlo in pochi e semplici gesti.

Tanta originalità e tradizione da portare in tavola!

Lo stinco di maiale è un taglio di carne economico e al contempo molto apprezzato, da sempre parte della tradizione culinaria italiana e, più in generale, europea. Questa carne è infatti largamente consumata in tutto il mondo ed è la protagonista indiscussa di numerose ricette, italiane e straniere. È composta dai muscoli e dal campanello della tibia del maiale, ovvero dalla parte del suino compresa tra la coscia e la zampa.

La ricetta del cubotto di stinco che vi proponiamo, oltre alla carne, prevede l’utilizzo di altri ingredienti, tra cui ravanelli freschi, cipollotti con la barba e piselli sgusciati, ideali per donare al piatto un tocco di gusto in più. Questi elementi vegetali, accompagnati anche da olio extravergine di oliva ed aceto di riso, saranno in grado di arricchire ed esaltare il sapore dello stinco.

È utile sottolineare che quest’ultimo è un alimento interessante non solo dal punto di vista culinario, ma anche da quello nutrizionale: oltre ad essere estremamente gustoso, contiene grandi quantità di vitamina B e di proteine. Contrariamente a quanto si possa pensare, l’apporto calorico dello stinco non è così elevato: sono solo 150 le calorie per 100 grammi di prodotto. Insomma, anche se con moderazione, si può gustare senza troppi rimorsi.

Cubotto di stinco: quando e come gustarlo…

Sappiate che per ottenere una pietanza ottima da un punto di vista nutrizionale e per quanto riguarda il sapore, è opportuno scegliere uno stinco di qualità e, in questo caso, vi consiglio di affidarvi ad una azienda che sceglie la carne e i tagli migliori, e che presta molta attenzione anche alla tradizione in ogni singola fase di produzione.

Scegliendo gli ingredienti giusti, la ricetta del cubotto di stinco si presenterà come un’idea vincente da gustare in tutte le occasioni, in grado di stupire gli ospiti con il suo gusto intenso. Essendo un piatto che vede come protagonista lo stinco di maiale, è consigliabile accompagnarlo con un buon vino rosso. È perfetto da servire durante il weekend e non solo, ma ecco come preparare questo piatto saporito e sfizioso passo dopo passo!

Ecco la voi la ricetta del Cubotto di stinco

Ingredienti per 4 persone

  • 2 stinchi medi precotti
  • 1 mazzetto di ravanelli freschi
  • 1 mazzo cipollotti freschi con la barba
  • 100 gr di piselli freschi sgusciati
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • 2 cucchiai di brodo vegetale
  • q.b. aceto di riso
  • q.b. sale e pepe
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva

Preparazione

Mettete a scaldare l’acqua e, quando sarà bollente, unite lo stinco nella confezione sigillata per circa 5 minuti (ovvero il tempo necessario per far sciogliere il suo liquido di cottura).Fatelo intiepidire e separate la carne dal liquido.

Affettate sottilmente i ravanelli a lamelle e metteteli in acqua e ghiaccio per far in modo che diventino belli croccanti. Poi sbollentate a parte in abbondante acqua salata i piselli per circa 8 minuti e teneteli da parte in una ciotola con un filo di olio.

Tagliate la carne separando dei pezzi grossi dall’osso centrale; ricavate dei cubettoni anche irregolari e metteteli a rosolare in una padella antiaderente per circa 5 minuti. In seguito, aggiungete il loro liquido tenuto da parte e fate insaporire per alcuni minuti.

Lavate, mondate e tagliate a metà per il lungo i cipollotti e fateli rosolare con olio sale e pepe in una padella antiaderente, dopo circa 5 minuti sfumateli con un cucchiaio di aceto di riso e aggiungete lo zucchero.

Quando il fondo di cottura comincia a caramellare, aggiungete 2 cucchiai di  brodo e coprite la padella. Devono appassire ma non disfarsi.

Servite i cubotti con le fettine di ravanello croccante, i piselli e i cipollotti caramellati.

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *