Preparare la lingua di vitello a bassa temperatura

lingua di vitello a bassa temperatura
Commenti: 0 - Stampa

Una cottura lenta per un grande risultato

Sicuramente la lingua di vitello cotta a bassa temperatura richiede impegnativi tempi di preparazione e non può essere certo improvvisata. Tuttavia, l’assaggio ripagherà l’attesa!

Se avete da preparare un pranzo o una cena senza troppe pretese, lasciate perdere per questa volta. La lingua richiede attenzioni, tempo ed attrezzature per poter essere preparata e resa al suo meglio. I numerosi lavaggi, la frollatura e la cottura lenta e continuativa per diverse ore, sono passaggi fondamentali per raggiungere la giusta consistenza e purificare la carne dalle impurità naturali.

La lingua di vitello come specialità della casa

Che cuciniamo di buono oggi? La lingua di vitello cotta a bassa temperatura è un piatto dalla lunga preparazione che richiede una certa pazienza ed abilità culinaria. Riuscire a trattare e cucinare questa carne così peculiare sarà uno dei nostri segreti in cucina, perché una volta superati i pregiudizi questa carne regala un sapore davvero unico e delicato.

La lingua di vitello, da piatto popolare, può essere rivalutata e portata a pietanza da grandi occasioni. Ed è per questo che potrà diventare una delle nostre specialità, perfetta per le festività o la domenica.

lingua di vitello a bassa temperatura

Una base personalizzabile per tante ricette

La lingua di vitello cotta a bassa temperatura è una preparazione essenziale per poter consumare una carne così peculiare. Questo taglio di carne, infatti, richiede particolari attenzioni per poter essere liberato dai batteri e dalle impurità tipici del cavo orale. Come negli esseri umani, anche negli animali e quindi anche nel vitello, la lingua è un crocevia di batteri che, ovviamente, devono essere abbattuti prima del consumo.
In particolare, spetta alla filiera del macellaio o al macellaio stesso il compito di frollare la carne così da venderla controllata ed ammorbidita.

Ma ciò non basta. La carne di lingua richiede attenzioni anche a casa, lunghi lavaggi e sfregamenti col sale per poter essere purificata. Il nostro consiglio è quello di lavarla più volte in acqua fredda e di tenerla a mollo per diverse ore nel frigo in un recipiente con dell’acqua. Dopo circa 12 ore in ammollo, potremo procedere con la cottura a bassa temperatura, seguendo il procedimento con il bagno termostatico che prevede 16 ulteriori ore di cottura a temperatura stabile di 70°. Tutte queste fasi sono da considerarsi preliminari, per poter disporre di una base utile ad ulteriori preparazioni, condendo di volta in volta la lingua come si preferisce.

Ed ecco la ricetta della lingua di vitello cotta a bassa temperatura:

Ingredienti:

  • 1 lingua di vitello (circa 800 gr.)

Preparazione:

Lavate bene la lingua di vitello con acqua fresca. Ponetela in un sacchetto per il sottovuoto ed estraete l’aria con l’apposito apparecchio. Ponete il sacchetto sottovuoto con il vitello in una vaschetta d’acqua o nella pentola in cui andrete a fissare l’apparecchio per il bagno termostatico, impostandolo ad una temperatura di 70° per 16 ore.

Trascorse le ore indicate, aprite con attenzione il sacchetto ed estraete la lingua. Su di un tagliere, eliminate la pelle e tagliate la lingua a fettine sottili. Potrete servire la lingua condita con una salsa verde o una a piacere. In alternativa, con un taglio a tocchetti, la lingua così bollita potrà essere usata per altre ricette, come ad esempio la lingua di vitello arrosto con le verdure.

5/5 (468 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di puntarelle con avocado

Insalata di puntarelle con avocado, un piatto leggero

I tanti colori dell’insalata di puntarelle con avocado e gamberi L’insalata di puntarelle con avocado e gamberi è un'ottima idea per un piatto leggero, che riesca a soddisfare la vista e il...

Coscia di oca al bergamotto

Coscia di oca al bergamotto, un secondo agrodolce

Coscia di oca al bergamotto, un secondo gourmet per tutti i palati La coscia di oca a bassa temperatura profumata al bergamotto è un secondo elegante e dal sapore particolare, in grado di...

Coscia di carre di agnello aromatizzato al rosmarino con mirepoix di fagiolin

Coscia di agnello al rosmarino alla provenzale 

La Coscia di agnello è un piatto da leccarsi i baffi. Un taglio di carne davvero prelibato è la coscia di agnello. Quando la trovo dal macellaio non riesco a resistere alla tentazione di comprarla....

petto di anatra leggermente affumicato

Stupire con il petto di anatra leggermente affumicato!

Un menu speciale con il petto di anatra leggermente affumicato Noi italiani siamo abituati per lo più a consumare pollo, tacchino, carne di manzo o di maiale. Ogni tanto, però, dobbiamo...

Stinco di maiale laccato al miele

Stinco di maiale laccato al miele… una vera...

Avete mai assaggiato lo stinco di maiale laccato al miele? Se ancora non avete assaporato un buon piatto di stinco di maiale laccato al miele e senape, con indivia, uvetta e pinoli, oggi vi dirò...

coniglio farcito con le verdure

Il coniglio farcito con le verdure: una vera...

Per la preparazione della ricetta del coniglio farcito alle verdure , ho utilizzato alcuni macchinari ed accessori che non dovrebbero mai mancare in una cucina che si rispetti. Su tutti, si è...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


05-10-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti