Patate al forno, un grande classico della cucina

Patate al forno
Commenti: 1 - Stampa

Le patate al forno, un grande classico semplice da preparare. Le patate, assieme ai cereali, sono alla base dell’alimentazione umana a livello mondiale. Presentano un apporto energetico modesto rispetto a molti altri alimenti, ma sicuramente superiore, anche se non di molto, rispetto ad altre verdure o ortaggi.

La patata è caratterizzata da una notevole quantità di amido, ma a parità di calorie fornisce una maggiore sazietà rispetto a pane e pasta. E questo è un aspetto da non sottovalutare. Le patate dal punto di vista nutrizionale forniscono energia essendo carboidrati. Ma il loro apporto calorico è minore rispetto a quello del pollo o del pesce. Stiamo parlando comunque di un alimento ricco di fosforo e potassio. Oltre che molto digeribile. Inoltre favorisce le funzioni intestinali. Ha una quantità di vitamina C simile a quella contenuta nei pomodori e contiene pochissimo sodio.

Le tante varietà di patate, differenti per forma, consistenza e colore, consentono mille interpretazioni in cucina, dall’antipasto al dolce. È quindi importante scegliere quella più adatta per la ricetta che si vuole eseguire.

La patata è una pianta erbacea appartenente alle Solanacee, genere Solanum tuberosum. È quasi sicuramente originaria dell’America del Sud. Apparve per la prima volta verso il 1560 alla corte di Spagna, dopo l’in­vasione del Cile e del Perù a opera degli Spagnoli, ma non ri­scosse subito molta fortuna. Fu infatti soltanto verso la fine dell’Ottocento che incominciò a godere di maggior diffusione. In pochi decenni, però, guadagnò il tempo perduto e, oggi, è cer­tamente uno dei tuberi più uti­lizzati nella nostra cucina.

Comprende ben 600 varietà de­stinate sicuramente ad aumen­tare grazie alle ibridazioni e alle ricerche in corso. Una prima sommaria distinzione è quella data dal tipo di polpa.

Vi sono così due tipi di patate: quelle bianche e quelle gialle. Le prime, è bene saperlo, cuociono più rapidamente delle seconde.

Per comperare delle buone pa­tate occorre fare attenzione ad alcune regole generali. Anzitutto si deve controllare che la buccia non si presenti grinzosa e molle. Non devono essere visi­bili i germogli e, soprattutto, non devono esserci macchie verda­stre.

Queste ultime indicano la presenza di solanina, una sostan­za velenosa che si forma a causa di un’eccessiva esposizione alla luce. Non devono neppure es­serci macchie nerastre e ammac­cature, indici di una prima fase di deperimento. La patata, infine, deve essere ben compatta e so­da al tatto. t consigliabile acqui­stare patate della medesima di­mensione, poiché solo in questo modo potranno giungere a cot­tura contemporaneamente.

Patate al forno, la rivincita

A volte un alimento non è solo “cibo” fine a se stesso, ma un cibo che diventa storia. La patata, considerata in passato “cibo dei poveri”, è diventata col passare del tempo un alimento celebrato un po’ ovunque. E questa è stata la sua rivincita.

Patate al forno

Da pietanza sottovalutata, quasi guardata con sufficienza, a protagonista di piatti straordinari. Come le patate al forno, ormai uno dei “must” della cucina mondiali. Se parliamo di contorni, ecco che il prodotto in questione assurge ai primi posti della classifica quanto a diffusione e gradimento. Le patate al forno sono diventate glamour, vengono cucinate con passione e trovano posto nelle realizzazioni degli chef più quotati a livello internazionale.

Una dimensione riscoperta solo di recente, dato che il pregiudizio delle patere al forno come “piatto dei poveri” è prevalso a lungo. Ciò ha impedito a questa pietanza di ottenere la considerazione che merita. In questo caso le patate al forno, come vi dicevo, hanno anche la caratteristica di configurarsi come pietanza semplice da preparare. E adatta praticamente ad ogni occasione, da quella più informale a quella particolarmente speciale.

Ingredienti per 6 persone

  • 6 patate abbastanza grandi
  • 4 cucchiai olio extravergine d’oliva
  • 1 spicchio aglio
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Lavate molto bene le patate e passatele con una spugna ruvida in modo da eliminare ogni residuo terroso senza pelarle. Fate lessare le patate in acqua bollente e per soli 20 minuti quindi scolatele e lasciatele raffreddare.

Tagliate ogni patata a fette, disponetele in una teglia con l’olio già caldo aggiungete l’aglio e insaporitele con sale e pepe. Fate cuocere in forno caldo a 250° finché le patate non assumono un bel colore dorato e servitele.

5/5 (1 Recensione)
CONDIVIDI SU

1 commento su “Patate al forno, un grande classico della cucina

  • Dom 1 Lug 2012 | Antonella ha detto:

    Uhh che buone le tue patate al forno, anche io amo l’glio con le patate e ci aggiungo anche l’origano

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di zucchine crude

Insalata di zucchine crude, un’idea singolare e squisita

Insalata di zucchine crude, un contorno sfizioso La ricetta dell’insalata di zucchine crude è una ricetta sui generis, anche perché è realizzata con le zucchine “al naturale”, non...

Caprese con melanzane e zucchine

Caprese con melanzane e zucchine, un contorno gourmet

Caprese con melanzane e zucchine, una variante gustosa La caprese con melanzane e zucchine è una variante sfiziosa della classica caprese, che è un contorno tra i più conosciuti ed apprezzati....

Nidi di agretti con le uova

Nidi di agretti con le uova, un contorno...

Nidi di agretti con le uova, una ricetta semplice e sostanziosa I nidi di agretti con le uova sono un contorno delizioso, semplice e nutriente. Gli ingredienti si contano sulle dite di una mano, ma...

verdure ripiene

Verdure ripiene, una risorsa per qualsiasi tipo di...

Perché utilizzare le verdure ripiene? Oggi vi voglio parlare delle verdure ripiene, una classe di ricette che merita considerazione. Alcune cucine locali, principalmente mediterranee, presentano...

Teglia con patate e zucchine

Teglia con patate e zucchine, un contorno corposo

Teglia con patate, zucchine e cipolle al forno La teglia con patate, zucchine e cipolle è un’idea semplice, ma geniale, per un contorno all’insegna del colore e del gusto. E’ un piatto...

Agretti alla moda asiatica

Agretti alla moda asiatica, un contorno aromatico

Agretti alla moda asiatica, facili da preparare e squisiti Gli agretti alla moda asiatica sono un contorno molto gradevole e allo stesso tempo leggero e saporito. I condimenti proposti dalla ricetta...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


12-12-2009
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti