Lingua di vitello arrosto con verdure: antichi sapori

Lingua di vitello arrosto
Commenti: 0 - Stampa

La lingua di vitello: le ricette della nonna

Con la ricetta della lingua di vitello arrosto con le verdure facciamo un salto indietro nel tempo, quando i tagli di carne di questo tipo erano venduti a poco prezzo nelle macellerie. Nelle case popolari queste leccornie venivano proposte dalle nonne e dalle mamme, principalmente perché economiche. Eppure, con l’abilità delle massaie, la lingua diventava un piatto ricco e goloso da assaporare e condividere con tutta la famiglia.

Attualmente c’è maggiore reticenza verso questi tagli di carne “atipici” eppure ad un primo assaggio è possibile rendersi conto che la lingua ha un sapore piuttosto delicato; inoltre arrostita e con un ricco contorno, non ha per nulla un sapore selvatico o persistente. Superati i pregiudizi, potreste godere di una carne caratterizzata da una consistenza particolare, che ricorda il prosciutto o il maiale sfilacciato. La carne della lingua di vitello è molto tenera e si predispone bene ad assorbire il sapore dei sughetti di cottura, quindi essenziale è il suo accompagnamento.

Come scegliere e trattare la lingua di vitello

La carne della lingua di vitello si riconosce per la forma peculiare ed il colore rosa chiaro. Può essere venduta intera o a pezzi, prima del consumo è tuttavia necessario che subisca un processo di frollatura (a cura del macellaio o del suo distributore). La carne di qualità presenta una consistenza morbida ed elastica ed un colore vivace.

Per pulirla va strofinata con il sale e lavata sotto l’acqua fredda corrente. L’ideale, dopo l’acquisto, è conservarla a mollo in acqua fredda (dalle 2 alle 12 ore) e poi in frigo, avvolta da carta forno per massimo 3 giorni.

Lingua di vitello arrosto

Un piatto ricco di valori nutrizionali

La preparazione della lingua di vitello arrosto con le verdure tiene conto con attenzione anche dei valori nutrizionali di questo taglio di carne. Oltre ai lavaggi accurati ed alla frollatura, anche la cottura lenta serve a conferire alla lingua la giusta consistenza e, al tempo stesso, contribuisce alla rimozione delle eventuali impurità. La lingua a livello nutrizionale è molto energetica, ma anche molto grassa e ricca di colesterolo, per questo non adatta ad un regime nutrizionale ipocalorico e di ipocolesterolemia. I vantaggi sono una carne particolarmente ricca di ferro e vitamine.

Una curiosità interessante per l’accompagnamento della lingua riguarda i peperoni. Possiamo, infatti, sottolineare che il consumo di peperoni è particolarmente utile per ridurre l’invecchiamento cellulare del cervello, fatto che aiuta concretamente a stimolare la memoria e a rimanere più giovani.

I peperoni sono un ottimo ingrediente per diverse e salutari ricette, fresche e gustose. Appartengono alla famiglia delle Solonaceae, una pianta originaria dell’America meridionale la cui coltivazione è diffusa in tutto il mondo. La caratteristica principale che rende i peperoni così importanti sul piano nutrizionale è la presenza di vitamina C. Considera che soli 100 grammi di peperoni apportano la quantità necessaria al fabbisogno quotidiano. A ciò occorre aggiungere anche la presenza di vitamina A, potassio e luteina che completano le caratteristiche nutrizionali di un alimento che si rivela un vero e proprio toccasana.

Inoltre sono costituiti per il 90% d’acqua, ciò permette di avere una perfetta idratazione specie nei periodi di maggior caldo. I peperoni sono indicati anche come diuretici e disintossicanti per eliminare con facilità scorie e tossine in eccesso. Un ulteriore beneficio è dato a coloro che sono a dieta in quanto contengono un bassissimo contenuto calorico. E’ questa una proprietà importante che evidenzia come i peperoni possano essere in grado di soddisfare il senso di fame senza che l’ago della bilancia si sposti dal peso forma.

Ed ecco la ricetta della lingua di vitello arrosto con le verdure:

Ingredienti:

  • 1 lingua di vitello cotta in bassa temperatura
  • 2 peperoni e 2 gambi di sedano
  • 2 carote e 1 cipolla
  • 2 foglie di alloro
  • 1 mazzetto di rosmarino
  • 1 bicchiere di brodo vegetale
  • 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • q.b. di sale e pepe

Preparazione:

Seguite la procedura della lingua cotta a basse temperatura, disponibile tra le ricette di questo sito. Tagliate a pezzi la lingua e ponetela a risolare in una pentola con un giro d’olio, della cipolla tagliata a fettine sottili e 1 mazzetto di rosmarino. Lavate e tagliate nel frattempo i peperoni a pezzetti, rimuovendo le parti interne bianche ed i semini.

Grattate le carote, lavatele e tagliatele a rondelle. Tagliate anche il sedano, a fettine. Aggiungete le verdure alla padella con la lingua, unendo le foglie d’alloro. Unite poi il brodo vegetale e portate il tutto a bollore. Man manco che si asciuga, potrete aggiungerne dell’altro. Quando sarete soddisfatti della cottura delle verdure, il piatto ancora caldo sarà pronto per essere servito a tavola.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di puntarelle con avocado

Insalata di puntarelle con avocado, un piatto leggero

I tanti colori dell’insalata di puntarelle con avocado e gamberi L’insalata di puntarelle con avocado e gamberi è un'ottima idea per un piatto leggero, che riesca a soddisfare la vista e il...

Coscia di oca al bergamotto

Coscia di oca al bergamotto, un secondo agrodolce

Coscia di oca al bergamotto, un secondo gourmet per tutti i palati La coscia di oca a bassa temperatura profumata al bergamotto è un secondo elegante e dal sapore particolare, in grado di...

Coscia di carre di agnello aromatizzato al rosmarino con mirepoix di fagiolin

Coscia di agnello al rosmarino alla provenzale 

La Coscia di agnello è un piatto da leccarsi i baffi. Un taglio di carne davvero prelibato è la coscia di agnello. Quando la trovo dal macellaio non riesco a resistere alla tentazione di comprarla....

petto di anatra leggermente affumicato

Stupire con il petto di anatra leggermente affumicato!

Un menu speciale con il petto di anatra leggermente affumicato Noi italiani siamo abituati per lo più a consumare pollo, tacchino, carne di manzo o di maiale. Ogni tanto, però, dobbiamo...

Stinco di maiale laccato al miele

Stinco di maiale laccato al miele… una vera...

Avete mai assaggiato lo stinco di maiale laccato al miele? Se ancora non avete assaporato un buon piatto di stinco di maiale laccato al miele e senape, con indivia, uvetta e pinoli, oggi vi dirò...

coniglio farcito con le verdure

Il coniglio farcito con le verdure: una vera...

Per la preparazione della ricetta del coniglio farcito alle verdure , ho utilizzato alcuni macchinari ed accessori che non dovrebbero mai mancare in una cucina che si rispetti. Su tutti, si è...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-06-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti