Dal Giappone: lo Yuba di soia e le sue applicazioni

Che cos’è lo Yuba?

Scopriamo anche quest’oggi un ingrediente lontano dalle nostre tradizioni occidentali. Come sapete, di ritorno dal viaggio in Giappone, una parte di noi è decisamente rimasta lì. Eccoci dunque ad esplorare con i ricordi e l’acquolina in bocca, alcuni degli alimenti che abbiamo conosciuto ed apprezzato durante il nostro soggiorno. Desideriamo, in questo caso, farvi conoscere lo Yuba e le sue possibili applicazioni.

Lo Yuba è un alimento derivato dalla soia, noto anche col nome di “pelle di Tofu”. Con la diffusione in occidente del culto per la cucina giapponese e cinese, i derivati della soia vengono sempre più conosciuti ed apprezzati anche nel Bel Paese. Ricordiamo, intanto, che lo Yuba è tipico del Giappone ma presente anche in Cina e Corea.

Come si prepara lo Yuba?

Per preparare lo Yuba il latte di soia viene portato ad ebollizione. Sulla superficie del latte, alla giusta temperatura (ossia tra 80° e 85°), si forma una specie di pellicola, una membrana ricca di proteine. Questa membrana viene raccolta dalla superficie del latte di soia e messa ad essiccare fino a formare dei fogli giallognoli. Prima di essere utilizzati, questi fogli vanno reidratati con dell’acqua. Questa membrana, così semplicemente ottenuta, viene utilizzata per formare delle crepelle, degli involtini o come elemento da inserire nelle zuppe.

Yuba

Il sapore dello Yuba è tendenzialmente dolce e, come abbiamo detto, si presta a diversi possibili utilizzi. Considerando che si tratta di un’alternativa pratica e particolare, lo Yuba è stato presto assorbito e valorizzato anche per l’alimentazione vegetariana e vegana. Oltre ad un uso come alimento da arrotolare attorno ad a dei ripieni, lo Yuba può essere consumato anche a freddo. In questa versione si può notare come il sapore sia piuttosto simile al tofu. Infatti, come il tofu, mangiato da solo tende ad essere poco soddisfacente ma diventa ben più interessante se abbinato ad altri ingredienti.

Un alimento sostitutivo della carne?

Lo Yuba, come abbiamo detto pocanzi, contiene molte proteine. Questa caratteristica ha fatto si che venga talvolta inteso come un sostituto della carne. Il sapore, tuttavia, è chiaramente ben distante e non paragonabile nemmeno in consistenza.

Dal gusto dolciastro, nocciolato e poco marcato, generalmente lo Yuba si adatta al suo ripieno. A seconda del tipo di consumo cui sarà destinato, può essere servito fresco, fritto, al vapore o semplicemente arrotolato.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *