Lasagne al pesto di cavolo nero: alternativa vegetariana

Lasagne al pesto di cavolo nero
Commenti: 0 - Stampa

Lasagne con pesto di cavolo nero: sana e deliziosa

Le lasagne con pesto di cavolo nero sono un’alternativa vegetariana e più sana della tradizionale lasagna. È uno dei tanti modi che avete, inoltre, per convincere i più piccoli che non amano le “cose verdi” a mangiare un po’ di verdura in più. Questa ricetta, inoltre, è adatta anche agli intolleranti al lattosio, visto che vi propongo di usare la besciamella senza glutine e lattosio, il parmigiano reggiano e il burro chiarificato, tutti ingredienti che non contengono lattosio.

Il protagonista del ripieno, oltre alla besciamella, è il cavolo nero, una verdura dalle tante proprietà e dal gusto deciso. Questa verdura dalle foglie scure è tipica della stagione invernale e quindi è l’ingrediente perfetto per elaborare una lasagna diversa dal solito e dalle ottime proprietà. Vediamo ora, nello specifico, quali sono gli ingredienti principali, la ricetta e le modalità di preparazione delle lasagne con pesto di cavolo nero.

Il cavolo nero sotto forma di pesto

Una delle alternative più conosciute alla classica lasagna è quella che prevede l’utilizzo del pesto genovese. In questa ricetta, però, vi propongo di utilizzare un altro tipo di pesto, quello al cavolo nero. In questo articolo di Nonna Paperina potete scoprire come prepararlo.

Lasagne al pesto di cavolo nero

Senza dubbio il cavolo nero è un alimento dalle tante proprietà benefiche. Oltre a contenere pochissime calorie, è ricco di fibre, vitamine, soprattutto del gruppo B, e di sali minerali. Ha proprietà antiossidanti che combattono gli effetti dei radicali liberi. Il cavolo nero, inoltre, aiuta i processi digestivi e ha proprietà antinfiammatorie. Via libera, dunque, all’uso di questa verdura per diverse ricette come minestre, zuppe, stufati, insalate e ovviamente preparando le lasagne con pesto di cavolo nero.

La lasagna, un dei simboli della gastronomia italiana

La lasagna è uno dei piatti italiani più conosciuti all’estero. Si tratta di una pietanza dalle origini antiche. Sembra che anche i romani preparassero una sorta di lasagna. Tuttavia, non si conoscono esattamente le origini della pietanza odierna. Diverse città, come Bologna o Napoli, affermano di essere il luogo di nascita della lasagna. Indipendentemente dalla sua origine, questo piatto tradizionale è uno dei più amati e preparati dagli italiani.

Ovviamente, nel corso degli anni, sono nate tantissime varianti. Oltre alle nostre lasagne con pesto di cavolo nero, infatti, possiamo trovarne tante altre come le lasagne di farina di lenticchie con verdure, le lasagne con pesto di pistacchi o le lasagne di riso con ragù bianco. Esistono così tante versioni che è avrete l’opportunità di sceglierne sempre una nuova. Quale ricetta di lasagna è la vostra preferita?

Come preparare una besciamella perfetta

Non esistono lasagne senza besciamella, e ciò vale anche per le lasagne con pesto di cavolo nero. C’è chi taglia la testa al toro e preferisce acquistare la besciamella pronta al supermercato. Una scelta, questa, non del tutto sbagliata ma che toglie metà del divertimento e un po’ di soddisfazione. Vale la pena impegnarsi in prima persona nella preparazione della besciamella, d’altronde è una delle preparazioni non solo utili, ma anche semplici. La besciamella si presta a numerose varianti, che non ne inficiano il gusto, ma anzi lo valorizzano con qualche sentore in più.

Qui su Nonnapaperina ho preparato una besciamella alternativa, realizzata con la farina di riso e con la ricotta. La farina di riso ha due pregi principali: è senza glutine, dunque può essere consumata anche dai celiaci, ed è leggera, in quanto contiene meno grassi rispetto alla farina tradizionale. Per quanto concerne la ricotta, la sua presenza è giustificata dalla volontà di insaporire ulteriormente il composto, senza snaturarlo (la ricotta è comunque un derivato del latte).

Il procedimento non differisce da quello classico. L’unico elemento di diversità, da questo punto di vista, è l’integrazione del latte con la ricotta. Per il resto, occorre riscaldare il latte, versarci dentro la farina e cuocere per circa 10 minuti senza smettere di mescolare. ll tutto si conclude con l’olio e la noce moscata, che potete aggiungere se di vostro gradimento. La besciamella perfetta è sempre liscia e omogenea. Inoltre, il segreto per una besciamella perfetta è legato a due importanti accorgimenti da tener presente. Da un lato la farina va inserita molto lentamente, dall’altro occorre mescolare in continuazione. In entrambi i casi, lo scopo essenziale è quello di evitare la formazione dei grumi.

Ed ecco la ricetta delle Lasagne con pesto di cavolo nero

Ingredienti pr 4/6 persone

  • 250 gr. di lasagne all’uovo fresche Armando De Angelis
  • 100 gr. di parmigiano reggiano 36 mesi
  • 150 gr. di pesto di cavolo nero
  • 1 confezione di Besciamella consentita
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 20 gr. di burro chiarificato
  • sale q.b.

Preparazione

In una ciotola mescolare il pesto di cavolo nero con la besciamella fino ad ottenere una crema omogenea. Tenete da parte qualche cucchiaio di besciamella per lo strato finale.

Imburrare una pirofila rettangolare. Sporcarne il fondo con un po’ di crema.

Adagiarvi il primo strato di lasagne e mettervi sopra la crema di cavolo nero e spolverizzare con del formaggio grattugiato.

Proseguire allo stesso modo alternando i vari strati fino ad esaurimento degli ingredienti.

Sull’ultimo strato di pasta, però, mettere solo la besciamella, un po’ di parmigiano Cuocete le lasagne in forno preriscaldato a 180/200 ° per 20/25 min.

5/5 (48 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


28-03-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti