La macedonia di mango: un dessert nutriente

Macedonia di mango
Commenti: 0 - Stampa

Il dolce veloce da preparare? La macedonia di mango

La macedonia di mango: un dessert nutriente. La macedonia è una preparazione molto semplice, con origini antiche e con ricette sempre diverse. Tutto dipende dai nostri gusti, dalle nostre esigenze e, soprattutto, dal periodo dell’anno in cui decidiamo di prepararla. Infatti, questo mix di frutta non è poi così buono e nutriente se gli ingredienti non sono freschi di stagione! Grazie alla versatilità di questa preparazione, possiamo preparare ogni volta una combinazione di gusti diversi.

Questo dessert ci permette di giocare con i colori e con i sapori, con i nutrienti e con i benefici degli ingredienti… Possiamo decidere di preparare una macedonia multicolor oppure monocolore, estiva oppure invernale, primaverile o autunnale… Di certo abbiamo a che fare con diversi frutti reperibili in tutte le stagioni, ma molti non lo sono e generalmente sono proprio quelli che ci fanno più gola! Perciò, tutte le macedonie che decideremo di preparare avranno sapori diversi e non ci deluderanno praticamente mai!

Benefici e nutrimento in un fresco dessert

Come ho detto prima, possiamo anche giocare con i benefici e i nutrienti della frutta e realizzare una macedonia personalizzata in base alle nostre esigenze. Ad esempio, in inverno possiamo portare in tavola un mix di agrumi (le clementine sono perfette per questa preparazione!), contenenti vitamine utili per allontanare i malanni di stagione, mentre d’estate possiamo puntare sui frutti rossi e sui frutti di bosco come i mirtilli, apportando validi benefici alla circolazione sanguigna e a tutto il sistema cardiovascolare.

Potremo anche preparare una macedonia carica di frutti esotici, puntando su quelli ricchi di grassi sani, come ad esempio l’avocado, e poi dare al mix quel “tocco di giovinezza” in più usando le bacche di Goji o altri superfood e, perché no, anche un po’ di zenzero! Insomma, le macedonie di frutta non sono solo colori e bontà: sono anche elisir di benessere e fonti di nutrimento da non sottovalutare. In base, alle nostre esigenze e ai benefici che vogliamo constatare, possiamo scegliere tanta frutta e tanti nutrienti differenti minerali, che ameranno sia gli adulti che i bambini!

Un dessert a base di macedonia di mango

macedonia di mango e zenzero

Chi l’avrebbe mai detto che un dessert così semplice potesse rivelarsi anche così gustoso e salutare? Infatti, la macedonia di mango e zenzero si prepara in pochi minuti e propone un gusto delizioso, fresco e coinvolgente. Gli amanti dei sapori esotici, accompagnati da un retrogusto un po’ piccantino, dovrebbero certamente provare questa ricetta… e non se ne pentiranno! Si tratta di una scelta capace di soddisfare il palato, che propone persino ottimi nutrienti, perfetti per promuovere il nostro benessere e per rinforzare l’organismo.

Perciò, è chiaro, una bella macedonia di mango e zenzero va provata al più presto. Non siete d’accordo? Sicuramente sì, ma per incentivarvi ancor più, ho deciso di parlarvi delle principali caratteristiche degli ingredienti. In seguito, vi dirò nel dettaglio come preparare questo gustoso dessert. Pertanto, partiamo dall’ingrediente principale: il mango! Si tratta di un alimento che dovremmo portare più spesso sulle nostre tavole. Ecco tutti i perché…

Oltre alla bontà, c’è di più!

Questo dolce frutto esotico è molto conosciuto e usato in tutto il mondo, non solo per il suo sapore… ma anche per le sue proprietà nutrizionali e terapeutiche. Perciò, ogni qualvolta vi capita di vederlo al supermercato o dal fruttivendolo, compratelo e gustatevelo con soddisfazione! Potrete assaporarlo portando in tavola la ricetta di oggi, quella della macedonia di mango e zenzero, ma anche prediligendo la preparazione di altre pietanze dolci o semplicemente mangiandolo come fareste per qualunque altro frutto.

In ogni caso, potrete avvalervi di un concentrato di vitamine (in particolare A, C e del gruppo B) e di minerali (come magnesio, potassio e calcio). Con la nostra macedonia di mango e zenzero, assimilerete anche notevoli quantità di antiossidanti e, proprio come dicono molte ricerche, potrete assicurarvi ottimi effetti antitumorali, anti-stanchezza e anti-age. Il mango è ricco di fibre e acqua, e per questo si rivela perfetto per garantire un miglior funzionamento dell’intestino. È inoltre un valido alleato contro la ritenzione idrica, le infiammazioni e il colesterolo!

Le altre potenzialità della macedonia di mango

Fortunatamente, le buone qualità del mango non finiscono qui. Tuttavia, prima di passare alla preparazione, è importante spendere un po’ di tempo per conoscere meglio lo zenzero. Questa radice piccantina potrà avvalorare le proprietà nutrizionali della nostra macedonia di mango, ma potrà persino diventare un potente amico del nostro organismo. Infatti, è perfetto per rinforzare e depurare il corpo e per tenere alla larga le malattie.

In particolare, è in grado di favorire la digestione, calmare la nausea e aiutarci a tenere sotto controllo la glicemia e il colesterolo. In più, i ricercatori affermano che si tratta di un valido rimedio per dolori e infiammazioni… Insomma, questa macedonia di mango e zenzero è proprio un toccasana fatto di bontà e importanti sostanze nutritive! Che ne dite di prepararla insieme? Continuando a leggere, troverete tutte le indicazioni necessarie per portare in tavola un dessert perfetto sotto ogni punto di vista. Cominciamo subito a darci da fare… Non ve ne pentirete!

Ingredienti per 4 persone

  • 2 manghi ben maturi
  • 50 gr. di zucchero di canna
  • Il succo di 2 lime
  • 1 pezzettino di zenzero fresco
  • Qualche mora

Preparazione

Pelate e tagliate il mango a cubetti. Versatelo in una ciotola con il succo di lime e lo zucchero. Lasciate marinare per circa un’ora in frigorifero.

Pelate e tritate finemente lo zenzero.

Al momento di servire, scolate dal liquido e aggiungete lo zenzero. Mescolate, versate la macedonia nei bicchieri e aggiungete qualche mora.

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

I migliori piatti italiani

I migliori piatti italiani, apprezzati in tutto il...

Alla riscoperta della cucina italiana Quali sono i migliori piatti italiani più famosi e apprezzati in patria e all’estero? Sembra una domanda superflua, se posta da un italiano. Eppure può...

colazione per i bambini

La colazione per i bambini che rientrano a...

Il rientro a scuola dalle vacanze, un momento stressante Il rientro a scuola dopo le vacanze estive prevede una sana colazione adeguata per i bambini, soprattutto dopo un periodo di vacanze molto...

verbena

La verbena, una pianta officinale dalle mille proprietà

Le principali caratteristiche della verbena La verbena è una pianta perenne appartenente alla categoria delle verbenacee, che si trova spesso allo stato selvatico ed ha dimensioni contenute (in...

carne di coniglio

La carne di coniglio, un’alternativa a pollo e...

Un approfondimento sulla carne di coniglio La carne di coniglio fa da sempre parte della tradizione culinaria italiana. Se ben trattata, è un' ottima carne squisita, morbida e adatta alle...

La colazione per gli studenti, alcune idee nutrienti

La colazione per gli studenti, il pasto più importante della giornata La colazione per gli studenti (e non) è il primo e il più importante pasto della giornata, secondo gli esperti. In Italia si...

insalata con melissa

Tornare in forma dopo l’estate, alcuni consigli utili

Perché si tende ad ingrassare in estate? Tornare in forma dopo le vacanze estive è un obiettivo di molti, proprio perché sono in tanti a “ingrassare” durate i momenti di relax. Ma perché...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


15-04-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti