Pranzo al sacco completo per gite fuori porta

Club sandwich
Commenti: 0 - Stampa

Club sandwich, chips di frutta e mela: il pranzo al sacco è servito

Gita scolastica in vista? Non sapete cosa preparare per i piccoli di casa? Nessun problema con questo pranzo al sacco, ricco e goloso. Abbiamo pensato proprio a tutto, dalla portata principale con club sandwich, allo spezza-appetito con le chips ed infine alla frutta con una succosa mela. Ogni fase della giornata avrà il suo accompagnamento culinario! Per altro, diciamocelo, con davanti agli occhi un club sandwich così ricco e goloso, vien da chiedersi… perché aspettare una gita scolastica e non mangiarlo per cena, comodamente a casa? Ovviamente, questa ricetta potrà dar spunto ad un panino golosissimo per ogni occasione.

Per la schiscetta da lavoro, per una gita fuori-porta, per una cena sfiziosa e veloce, per un attacco di golosità… insomma, davvero quando volete! Una curiosità cui forse non avete fatto caso: il club sandwich, originariamente detto clubhouse sandwich, è traducibile letteralmente come “panino-condominio”. Questo nome deriva proprio dal fatto che questo panino a più strati ricorda i diversi piani di un palazzo, come in un condominio appunto. Ed ogni piano di questo delizioso panino ha il suo intenso carico di sapori. Una bontà cui è impossibile resistere!

Non appena il sole inizia a riscaldare un po’, torna la voglia di stare all’aperto. Non c’è bisogno di fare un lungo viaggio, basta una gita  per ritornare in contatto con la natura. Una regola fondamentale di ogni picnic che si rispetti è che le pietanze siano facili da mangiare, preferibilmente senza l’uso di posate.

Per questo, via libera a sandwiches e, in generale, ai cosiddetti “finger food”, ossia piccole porzioni di cibo da assaporare solamente usando le mani. Un’ottima opzione, ad esempio, sono le crocchette di patate o gli arancini di riso.

In presenza di persone con intolleranza al glutine o al lattosio, sarà opportuno controllare accuratamente la lista degli ingredienti. Per questo, scegliete pietanze semplici preparate con ingredienti gluten free o senza lattosio.

Nutrimento e gusto per il pranzo al sacco

Bacon, uova, maionese, ecc. Siamo di fronte ad un panino senz’altro molto nutriente ed energetico. Sicuramente la carica di calorie sarà smaltibile nel corso della giornata, considerate le energie che può richiedere una gita scolastica.

Club sandwich

A mitigare l’apporto proteico, la fesa di tacchino (che è piuttosto leggera e digeribile), la lattuga ed i pomodori che costituiscono la parte fresca di questo club sandwich. In più, come nutrimento light e salutare, abbiamo previsto la frutta essiccata e la mela!

Gita scolastica e comodità

Per evitare che il picnic si trasformi in una corsa a ostacoli, dovete far attenzione all’attrezzatura necessaria da portare con voi. Innanzitutto, sapete se ci sono tavoli nel luogo in cui andrete? Per sicurezza, portate una tovaglia e avrete l’opportunità di sedervi comodamente su un prato, senza sporcarvi. Portate anche posate, bicchieri, piatti, possibilmente biodegradabili o riutilizzabili. Non dimenticate assolutamente di portarvi una o più buste per l’immondizia in modo tale da rispettare l’ambiente.

Per quanto riguarda il cibo, è preferibile usare almeno una borsa frigo e thermos per mantenere gli alimenti e i liquidi in condizioni ottimali. Valutate attentamente, infatti, le condizioni climatiche del luogo del picnic. Se andate in spiaggia in estate, la possibilità che gli alimenti possano deteriorarsi è molto alta. In più, le portate del vostro picnic devono essere facili da trasportare ma anche da mangiareper ciò mi raccomando scegliete il tutto con un occhio di riguardo.

La spensieratezza delle gite scolastiche, che nostalgia! Nelle ore di pullman magari necessarie per raggiungere la destinazione, i chips di frutta essiccata saranno uno spuntino praticissimo e nutriente per i piccoli di casa (ed anche per i genitori!). Con l’ausilio di un essiccatore o, con un po’ più di pazienza, col il forno, potrete preparare chips di frutta di ogni genere e tipo.

Inoltre, la portata principale di questo pranzo al sacco per una gita scolastica è davvero un trionfo di sapori su pane in cassetta. Le origini di questo club sandwich sono da ricercarsi nel mondo anglosassone, a fine ‘800. Da un locale, dedito al gioco d’azzardo per gli uomini di New York, questo panino multistrato si diffuse nel mondo, raggiungendo la corte di Enrico VIII che, si narra, ne era molto ghiotto.

Ed ecco la ricetta del club sandwich per il pranzo al sacco:

Ingredienti (per due club sandwich):

  • 120 gr. di lattuga
  • 2 fette di fesa di tacchino
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di maionese consentita
  • 6 fette di bacon
  • 6 fette di pomodori ramati
  • 6 fette di pane in cassetta
  • q. b. di sale
  • q. b. di pepe

Preparazione:

Spaccate due uova e cuocetele al tegamino, con un pizzico di sale, pepe ed un goccio d’olio. Cuocete sulla piastra le fettine di fesa di tacchino, tagliandole poi a striscette. Nella padella delle uova, tostate il bacon piuttosto velocemente. Lavate la lattuga, eliminate le eventuali foglie guaste e tagliate il tutto a listarelle. Lavate infine i pomodori e tagliateli a fettine. In una coppa da insalata, unite la lattuga, la fesa, la maionese e condite con sale e pepe, mescolando fino ad ottenere un composto spalmabile.

Tostate il pane in cassetta. A questo punto componete il club sandwich, alternando pane, spalmate di crema di lattuga e fesa di tacchino, uova, pomodori e di nuovo pane. Ripetete l’operazione, unendo il bacon al posto dell’uovo e componete così fino alla terza fetta di pane. Ottenuti gli strati desiderati, richiudete il panino e reggendolo con cura, tagliatelo in diagonale.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Schiscetta della studentessa

Schiscetta della studentessa, un pasto sano e veloce

Le pietanze della schiscetta della studentessa Oggi vi presento la schiscetta della studentessa, un vero e proprio menù, più che una pietanza. Una proposta gastronomica per chi, per un motivo o...

petto di anatra ed insalata

Pranzo in ufficio con petto di anatra ed...

Pranzo al volo con petto di anatra ed insalata. Se sei alla ricerca di un’idea golosa e pratica per l’ufficio, nutriente e particolare, questa ricetta del petto d’anatra ed insalata con mix di...

schiscetta pollo al curry

Schiscetta orientale con spiedini di pollo al curry

Una schiscetta ai profumi d’oriente. Oggi la schiscetta orientale con spiedini di pollo al curry. Un'idea molto golosa composta principalmente da due pietanze: gli spiedini di pollo al curry...

focaccia al rosmarino con tartare di salmone

La focaccia al rosmarino con tartare di salmone

Picnic con la focaccia al rosmarino, tartare di salmone. La focaccia al rosmarino con tartare di salmone per la tua gita!. Avete in programma un’uscita fuori porta o un picnic con tanto di...

cake salato alla zucca e olive

Cake salato alla zucca e olive verdi per...

Cosa mi porto a lavoro per pranzo? Ecco il cake salato che fa per te! Il cake salato alla zucca e olive verdi è uno dei piatti che vi consiglio di portare a lavoro. Sana e nutritiva, questa...

schiscetta con roastbeef e melanzane

La bontà della schiscetta con roastbeef e melanzane

La schiscetta con roastbeef e melanzane ripiene Questa schiscetta con roastbeef e melanzane ripiene è una meravigliosa composizione, ricca di sapore e proprietà nutrizionali: una buona base di...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-06-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti