Zuppetta di formaggio fresco cremoso, salsicce e fave

Zuppetta di formaggio con salsiccia fave e crostini
Commenti: 0 - Stampa

Semplice, gustosa ed adatta agli intolleranti

Per un primo piatto goloso e saporito perché non provare la zuppetta di formaggio fresco cremoso con salsiccia e fave? Quello che io trovo realmente accattivante di questa ricetta così particolare è che, innanzitutto è pensata anche per gli intolleranti al lattosio, in secondo luogo tutti gli ingredienti si sposano alla perfezione.

I crostini di pane integrale aggiungono croccantezza, mentre il sapore pieno della salsiccia è smorzato dalla delicatezza della crema di formaggio cremoso e latte . Cosa aspettate? Non resta che provare questa zuppetta di formaggio così intrigante!

Un prodotto diverso dal solito per la mia zuppetta!

Chiaramente, essendo intollerante al lattosio, ma anche una blogger che ama la buona cucina, mi sono ritrovata a provare numerosi prodotti come il Formaggio Fresco Cremoso Exquisa. La maggior parte delle volte, ciò che manca negli alimenti proposti dai vari marchi è appunto la naturalità: non riusciamo a trovare quel sapore autentico, che invece dovrebbe rivelarsi parte integrante di ogni latticino. Il prodotto di Exquisa vanta invece una consistenza e un gusto delicato, che permette di fare una palese distinzione da altri alimenti similari.

Certamente, tutto sta nella scelta del latte fresco, proveniente da allevamenti selezionati (filiere OGM-free) che operano nel rispetto dell’ambiente e degli animali stessi, ma anche nelle modalità di produzione, che ci consentono di portare in tavola un formaggio cremoso, buono e genuino. Il prodotto di Exquisa è reperibile nella versione classica e in quella senza lattosio, nonché in numerose varianti saporite che, però, non perdono mai di vista il concetto di Vera Bontà, che assicura ogni volta notevoli standard di qualità.

Zuppetta di formaggio fresco cremoso, gustosa e adatta a tutti

Per alleggerire un piatto così gustoso ma anche calorico, ho deciso di creare una crema di formaggio usando il formaggio fresco cremoso senza lattosio Exquisa ed il latte intero delattosato.

Mi affido sempre più spesso alla marca Exquisa, perché i suoi prodotti sono fatti con ingredienti sani e di alta qualità. È una linea che pensa proprio a tutti, intolleranti e non, grazie alla versione senza lattosio. Contiene meno di 0,01 gr. di lattosio per 100 gr. di prodotto, è altamente digeribile, ed è senza conservanti e senza glutine!

Ovviamente, per creare una crema, dobbiamo sciogliere il formaggio spalmabile in un liquido, quale ingrediente migliore del latte delattosato? La delattosazione è un procedimento che rende digeribile il latte vaccino o un suo derivato, aggiungendo l’enzima lattasi, che non è prodotto dagli intolleranti.

Nonostante ciò, il latte non perde le sue sostanze nutritive come sali minerali, tra cui calcio e ferro, ma anche vitamine A, D ed E.

Zuppetta di formaggio cremoso con salsicce e fave

Un legume particolare di cui è bene conoscere le proprietà nutrizionali

Le fave, che danno una nota particolare alla nostra zuppetta di formaggio, sono un alimento molto particolare, perché, oltre a contenere numerose proprietà nutrizionali, possono essere molto pericolose per alcune persone.

Non se ne sente molto parlare, ma esiste una malattia genetica, chiamata favismo, che ha a che fare proprio con questo legume.

Chi ne soffre, ha carenza di un enzima essenziale per i globuli rossi, ingerendo anche un solo seme, si può andare incontro ad una crisi emolitica, e necessitare quindi di immediate cure mediche.

Le fave sono propriamente i semi di un legume molto nutriente e poco calorico, infatti, in circa 100 gr. ci sono solo 80 kcal.

Per di più, sono ricche di fibre, di proteine, di vitamina C e di ferro, quest’ultimo le rende ideali per chi soffre di anemia. Contengono un amminoacido, la lavodopa, che aiuta a migliorare la concentrazione di dopamina nel cervello, e sembra che questo fattore possa contrastare l’insorgenza del Parkinson. Prima di servire questa zuppetta di formaggio con salsicce e fave, assicuratevi che tutti la possano gustare.

Ed ecco la ricetta della zuppetta di formaggio fresco cremoso

Ingredienti per 4 persone

Preparazione

Iniziate preparando le fave. Sgranatele e lavatele bene, quindi lessatele in acqua leggermente salata per circa 15 minuti. Scolatele sotto l’acqua fredda per mantenere il bel colore vivo e una volta pronte, lasciatele intiepidire prima di sbucciarle.

Nel frattempo, in un pentolino, fate scaldare il latte a fuoco basso. Quando sarà caldo, aggiungetevi il formaggio spalmabile Exquisa e mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo.

Tagliate il pane il pane integrale a cubetti spessi circa 2 cm., cospargeteli d’olio, sale, pepe e, dopo averli disposti su una teglia foderata con carta forno, abbrustoliteli in forno ventilato a 200°C per circa 5-6 minuti.

Procedete con la preparazione delle polpettine di salsiccia. Se volete, per dare la forma potete aiutarvi con la pellicola trasparente. Quando le avrete composte, fatele cuocere in una padella con un filo d’olio.

Impiattate, disponendo sul fondo la crema di formaggio, ed adagiatevi sopra le fave e le polpettine di salsiccia.

Guarnite la vostra zuppetta di formaggio con salsicce e fave con i crostini e servite.

Buon appetito!

5/5 (421 Recensioni)
CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Fregola con le vongole

Fregola con le vongole, un primo tra mare...

Fregola con le vongole, un piatto dal sapore rustico La fregola con le vongole è un primo dal sapore particolare, che valorizza le vongole proponendo una soluzione alternativa. In questo caso non...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un...

Maccheroncini con scampi e fiori di zucca, un delicato mix di ingredienti I maccheroncini con scampi e fiori di zucca sono un primo fuori dall’ordinario. In primo luogo perché sono conditi con...

Calamarata con merluzzo e datterini

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo estivo

Calamarata con merluzzo e datterini, un primo leggero La calamarata con merluzzo, carciofi e datterini, lascia intendere un piatto a base di calamari, o magari un secondo di pesce. Invece si tratta...

Spaghetti con sarde e bottarga

Spaghetti con sarde e bottarga, un primo che...

Spaghetti con sarde e bottarga, colore e gusto per un ottimo primo di pesce Gli spaghetti con sarde e bottarga sono un piatto che incarna il rapporto tra la cucina italiana e il mare. D’altronde,...

Fettuccine Alfredo

Fettuccine Alfredo, una celebre ricetta italoamericana

La singolare storia delle fettuccine Alfredo Le fettuccine Alfredo sono una delle ricette più famose al mondo. Benché un po’ dappertutto siano considerate “italiane”, in realtà fanno parte...

Riso rosso con zucchine e menta

Riso rosso con zucchine e menta, un primo...

Riso rosso con zucchine e mente, altro che risotto Il riso rosso con zucchine e menta è una suggestiva alternativa al risotto. Anche perché rispetto a quest’ultimo porta spunti differenti. E’...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


26-04-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti