Burger con lenticchie , riso integrale e formaggio Exquisa

Burger con lenticchie
Commenti: 0 - Stampa

Burger con lenticchie: la golosità alla portata di tutti!

Burger con lenticchie , riso integrale e formaggio spalmabile. Per tutti, vegetariani e non, questo è certamente un pasto capace di svegliare le papille gustative! Quando si decide di passare al regime vegetariano o vegano si sente la mancanza di alcuni piatti e, molto spesso, si tratta proprio di un bell’hamburger. Ma il Burger con lenticchie è un’esplosione di sapore e vi farà dimenticare –o quasi- i normali hamburger.

È una combinazione delicata e stuzzicante di ingredienti, così particolare che non sono pochi i “non-vegetariani” che apprezzano il burger veg.Non vi ho ancora convinto? Vi sfido: scommettiamo che una volta assaggiati non ve li dimenticherete facilmente?

Un burger vegetariano da fare invidia al fast food

Chi ama il cibo dei fast food non può fare a meno di una serata casalinga a tema, questa volta però  provate a sostituire all’hamburger classico quello veg con lenticchie, patate, riso integrale, erbe provenzali e un po’ di farina di mais. È un mix a dir poco sorprendente!

BURGER VEG con lenticchie riso integrale e spalmabili

Proprio perché tutti gli ingredienti si sposano alla perfezione è delicato e deciso allo stesso tempo, e anche dal punto di vista nutrizionale risulta stupefacente: abbiamo una buona dose di proteine, tutto merito delle lenticchie, è un pasto completo, facilmente digeribile , energizzante e rimineralizzante, e senza colesterolo! Unito a pane, formaggio spalmabile, pomodoro, insalata e maionese senza glutine e lattosio avremo a che fare con un panino di tutto rispetto !

Due parole sulle lenticchie

Lenticchie: Il loro nome botanico (Lens esculenta) deriva dalla forma a lente del seme. Le lenticchie sono state tra i primi legumi coltivati e consumati dall’uomo, e loro tracce sono state rinvenute in scavi in Turchia risalenti al 5500 a. C.

Erano tenute in gran conto anche dagli antichi Egizi, infatti sono state trovate in tombe del 2500 a.C. Inoltre, le lenticchie sono il primo legume a essere menzionato nella Bibbia, nella storia di Giacobbe ed Esaù raccontata nel Genesi.

Esistono varietà di lenticchie a semi più grandi (6-9 mm), gialli o verdi, coltivate soprattutto negli Stati Uniti e nell’America del Sud. Altre varietà a semi più piccoli (2-6 mm), arancioni, neri, rossi o marroni, vengono coltivate nel bacino del Mediterraneo, nel Medio Oriente e in India.

Rispetto agli altri legumi hanno il maggiore contenuto in proteine, non richiedono periodi di ammollo prima della cottura e, allo stesso modo dei piselli, hanno tempi di cottura più brevi. Le lenticchie sono consumate come zuppe, passati, o contorno di insaccati cotti (zampone, cotechino).

Una ricetta adatta proprio a tutti

Per chi non riesce a fare a meno dei burger e specialmente per gli scettici, questa è certamente una ricetta da provare! Semplice e di sicuro effetto. L’attesa per la preparazione verrà ampiamente ripagata una volta che lo avrete assaggiato.

La caratteristica di questa ricetta è la grande varietà di ingredienti, è infatti adatta proprio a tutti: vegetariani, intolleranti, curiosi e anche bambini. Pronti per una serata fast food casalinga?

Ed ecco la ricetta del Burger con lenticchie, riso integrale

Ingredienti per 4 persone

  • 100 gr. di riso integrale
  • 50 gr. di lenticchie
  • 1 patata
  • erbe provenzali a piacere
  • 2 cucchiai circa di farina di mais
  • 4 panini per burger
  • 1 pomodoro
  • 100 gr. di insalata verde
  • 80 gr. di maionese vegetale
  • 1 confezione di formaggio spalmabile Exquisa
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • q.b. sale

Pulite accuratamente le patate, facendo attenzione a rimuovere ogni eventuale traccia di terra. Lessatele, con ancora la buccia, in abbondante acqua salata finché non risulteranno morbide.  Scolatele e dopo averle sbucciate, schiacciatele fino a ottenere un composto omogeneo.

Mettete a bollire il riso in 250 ml di acqua salata, finché non avrà assorbito tutta l’acqua.

In un’altra pentola fate cuocere le lenticchie, precedentemente ammorbidite in acqua.

Quando tutti gli ingredienti saranno pronti frulla teli insieme aggiungendo olio, sale e pepe. Se l’impasto non risultasse abbastanza amalgamabile, aggiungete farina di mais fino ad ottenere la consistenza desiderata.

Aiutandovi con un coppa pasta, formate dei medaglioni di circa 2 cm di altezza, facendo attenzione che il composto sia ben pressato.

A questo punto i vostri burger saranno pronti per essere cotti sia in forno che in padella, a vostro piacimento.

-Cottura in forno: disponete i burger su una teglia foderata di carta da forno e cuoceteli in forno ventilato a 200° per circa 10 minuti.

-Cottura in padella: fate rosolare i burger in padella con un filo d’olio caldo fin quando non saranno dorati

5/5 (385 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

samosa

I samosa, un gradevole esempio di rosticceria indiana

I samosa, la cucina indiana che non ti aspetti I samosa sono degli antipasti tipici della cucina indiana, assimilabili ai nostri pezzi di rosticceria. Sono esponenti di un volto poco conosciuto...

Falafel con lupini

Falafel con lupini, un delizioso spuntino vegetariano

Falafel con lupini, a metà strada tra la cucina araba e mediterranea I falafel con lupini sono uno spuntino vegetariano, molto leggero e nutrienti. Si tratta, di base, di polpettine realizzate con...

Panino con lampredotto

Panino con lampredotto, uno snack di altri tempi

Panino con lampredotto, un fast-food in versione popolare Il panino con lampredotto è un magnifico esemplare di street food (cibo di strada). E' un cibo “rustico”, con secoli di storia alle...

Tacos vegetariani

Tacos vegetariani, variante per chi non ama la...

Tacos vegetariani, una lista di ingredienti perfetta Il concetto stesso di tacos vegetariani potrebbe far storcere il naso a molti, soprattutto agli amanti della cucina messicana. D’altronde, i...

Millefoglie di tortillas con pollo

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, una...

Millefoglie di tortillas con pollo e peperoni, un’idea geniale e gustosa La millefoglie di tortillas è un modo alternativo per valorizzare le celebri tortillas messicane. D’altronde, lo si...

Quesadillas con pico de gallo

Quesadillas con pico de gallo, un delizioso street...

Quesadillas con pico de gallo, uno spuntino proteico e gustoso Le quesadillas con pico de gallo sono un tipo di tortilla che rispetta fedelmente la cultura gastronomica messicana, una cultura che...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


27-06-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti