Tortelloni con salmone ed asparagi, è festa!

tortelloni con salmone ed asparagi
Commenti: 0 - Stampa

I tortelloni con salmone ed asparagi sono fatti rigorosamente a mano!

La domenica mi piace invitare la famiglia e gli amici per pranzo ma, quello che mi piace fare ancor di più, è sorprenderli con piatti ricercati e realizzati da me, come i tortelloni con salmone ed asparagi!

Un morbido ripieno di bietole e formaggio, avvolto in un sottile strato di pasta fatta in casa. Il tutto, è reso ancora più gustoso da un delicato condimento di salmone ed asparagi, aromatizzato alla salvia. Io ho già l’acquolina in bocca, e voi?

Dato che, a tavola, anche l’occhio vuole la sua parte, ho dato colore a questa ricetta sfruttando il verde brillante degli asparagi. Volete sapere come ho fatto? Seguite la ricetta e lo scoprirete!

Direttamente dai mari del Nord: il salmone

Per questo primo piatto fatto in casa, volevo dei sapori che fossero delicati ma ben definiti. Quale ingrediente migliore del salmone per ottenere questo risultato?

È un pesce buonissimo, che amo particolarmente. Pensate che lo mangerei anche tutti i giorni!

Essendo originario dei mari del Nord e vivendo in acque fredde, la sua carne è ricca di grasso.

Di conseguenza, è ricco di acidi grassi polinsaturi, ma non preoccupatevi: non contengono colesterolo, anzi, i grassi polinsaturi sono importanti perché aumentano il colesterolo buono, abbassando quello cattivo.

Il salmone, è ricco di proteine animali, vitamine B e P, ma anche di sali minerali come il fosforo (importante per incrementare la memoria) ed il selenio (un antiossidante naturale).

Sembra proprio che questo pesce sia, non solo adatto per i nostri tortelloni con salmone ed asparagi, ma anche ricco di sostanze nutritive!

tortelloni con salmone ed asparagi

Parmigiano reggiano e formaggio cremoso da cosa sono accomunati?

È un peccato non condividere con tutti un piatto buono come i tortelloni con salmone ed asparagi, per questo ho scelto di rispettare le esigenze alimentari di tutti, scegliendo ingredienti senza senza lattosio!

Per il ripieno ho scelto una delicatissima farcia di parmigiano reggiano e formaggio cremoso senza lattosio Exquisa.

Cosa li accomuna? Tipico dell’Italiana settentrionale, il parmigiano reggiano, è un formaggio stagionato ricavato dalla lavorazione del latte vaccino parzialmente scremato.Proprio per questo, vanta proprietà nutrizionali interessanti.

Rispetto alla maggior parte dei formaggi stagionati, oltre ad essere meno grasso e più proteico, è ricco di calcio. La particolarità sta nel fatto che contiene poco lattosio.

Proprio questa caratteristica lo rende adatto a chi soffre d’intolleranza al lattosio!Una bella notizia, vero? Questa volta, però, una farcia di solo parmigiano non mi convinceva…aveva bisogno di qualcosa in più. Per questo ho deciso di unirla al formaggio fresco cremoso senza lattosio Exquisa: una certezza per gli intolleranti!

Da anni Exquisa si dedica alla produzione di prodotti pensati ad hoc per chi segue una dieta lactose free. Il formaggio cremoso è realizzato con meno di 0,01 gr. di lattosio per 100 gr. di prodotto, latte dalattosato, senza conservanti e senza glutine.  Il tutto, senza rinunciare alla delicatezza ed alla bontà del formaggio spalmabile!

Provate ad utilizzare i prodotti Exquisa per arricchire le vostre ricette, come i tortelloni con salmone ed asparagi: il risultato è assicurato!

Ingredienti per 4 persone

Per l’impasto dei tortelloni vedi qui la ricetta

Per il ripieno

  • 250 gr. di bietole
  • 150 gr. di formaggio cremoso senza lattosio Exquisa
  • 50 gr. di parmigiano reggiano stagionato 36 mesi
  • 1 pizzico di noce moscata
  • q.b. sale e pepe

Per il condimento

  • 200 gr. di asparagi
  • 200 gr. di salmone affumicato
  • ½ spicchio di aglio
  • qualche fogliolina di salvia
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

La preparazione dei miei tortelloni con salmone ed asparagi è piuttosto lunga ma, seguendo la ricetta, realizzare un piatto così unico sarà un gioco da ragazzi. Per il passaggio più complesso, la preparazione dei tortelloni, scoprite tutti i miei segreti nella ricetta “Tortelloni di pasta fresca all’uovo, tutti i trucchi per realizzarli”.

Ora prepariamo il ripieno. Dopo aver lavato e mondato le bietole, scottatele velocemente in acqua salata. Quando saranno pronte, scolatele e, se necessario, strizzatele per eliminare tutta l’acqua. A questo punto, tritatele finemente.

Mettete le bietole in una terrina ed amalgamatele al formaggio cremoso ed al parmigiano. Aggiungete un pizzico di noce moscata e regolate di sale e pepe.

Passiamo ora al condimento.Per prima cosa, lavate ed asciugate la salvia e sbucciate l’aglio.

Tagliate il salmone a fettine sottili e tenetelo da parte.

A questo punto, pulite gli asparagi aiutandovi con un pelapatate, inseriteli nell’apposito sacchetto da cottura con l’acqua frizzante. Condizionate sottovuoto e cuocete nel bagno termostatico per 40 minuti circa a 82°C.

Ecco svelato il segreto per mantenere i colori brillanti ed i sapori intensi: la cottura sottovuoto!

Una volta che gli asparagi si saranno raffreddati, tagliateli a dadini fino a 2 cm. circa dalla punta.

Una volta che i tortelloni saranno pronti, cuoceteli in abbondante acqua salata.

Infine, in un tegame capiente rosolate lo spicchio d’aglio con le foglioline di salvia ed aggiungete il salmone e gli asparagi che avevate tenuto da parte.

Scolate i tortelloni e versateli nella padella con il condimento. Servite immediatamente.

Finalmente i tortelloni con salmone ed asparagi sono pronti!

Buon appetito!

5/5 (396 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU
Contenuto in collaborazione con Exquisa

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Tagliatelle al sugo di piccione

Tagliatelle al sugo di piccione, un secondo rustico

Tagliatelle al sugo di piccione, un primo diverso dal solito La tagliatelle al sugo di piccione sono un primo dal sapore forte, ma adatto a tutti i palati. Il piatto esula un po’ dalla tradizione...

Pasta di lenticchie con formaggio vegano

Pasta di lenticchie con Ceciotta, un primo unico

Pasta di lenticchie con Ceciotta, una delicata combinazione di sapori La pasta di lenticchie con Ceciotta e funghi è una buona idea per un primo fuori dall’ordinario, sia per gli alimenti in...

pasta con pesto di portulaca

Pasta con pesto di portulaca, un piatto rustico...

Pasta con pesto di portulaca, il segreto sta nel condimento Sono molto affezionata alla ricetta della pasta con pesto di portulaca e l'ho voluta realizzare in occasione della rubrica "Erbe e fiori...

Zuppa con finferli e patate

Zuppa di finferli e patate, abbinamento interessante

Zuppa di finferli e patate, un primo genuino e leggero. La zuppa di finferli e patate è un primo squisito, che riconcilia con quanto di più genuino possa offrire la natura. In effetti è un...

Girelle di pane carasau con prosciutto

Girelle di pane carasau con prosciutto, antipasto unico

Girelle di pane carasau, un antipasto che sa di Sardegna Le girelle di pane carasau con prosciutto e scamorza sono in grado di stupire gli ospiti. Infatti, non si limitano a proporre un impatto...

Ossobuco alla milanese

Ossobuco alla milanese, tre varianti classiche

L’ossobuco alla milanese e i suoi accompagnamenti L’ossobuco alla milanese è un classico della cucina lombarda. E’ conosciuto in tutta Italia e anche all’estero, a testimonianza...


Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


02-05-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti