bg header
logo_print

Tartare di melanzane su crema di fave, un secondo squisito

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Tartara di melanzane su crema di fave con polpo
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 01 ore 00 min
cottura
Cottura: 01 ore 00 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
5/5 (8 Recensioni)

Tartare di melanzane su crema di fave, un piatto delizioso

Tartara di melanzane su crema di fave con polpo. Ho frequentato una cooking class  a Milano con una cuoca molto nota e sono rimasta folgorata dalla crema di fave che abbiamo visto preparare e dalle tartare di pesce.

Proprio per questo, ho quindi reinventato la tartara invertendo gli ingredienti e ponendo la verdura come punto forte del piatto in cui si dà colore grazie a un ottimo polpo fresco abbattuto e cotto alla piastra. Il piatto è colorato, salutare, poco calorico e di sapore inimitabile.

Inutile parlarne, va solo assaggiato!

Ricetta tartare di melanzane

Preparazione tartare di melanzane

Preparate la crema mettendo a cuocere per 20 minuti le fave decorticate, una volta pronte passatele al mixer con un po’ di acqua di cottura, un filo d’olio evo e aggiustate di sale in modo da ottenere un composto fluido e senza grumi.

Nel frattempo tagliate a piccoli cubetti le melanzane e cuocetele in padella qualche minuto, giusto il tempo che diventino dorate ma facendo attenzione che rimangano croccanti.

Infine tagliate i tentacoli del polpo fresco abbattuto e passateli qualche minuto su una piastra molto calda, la parte esterna deve essere cotta ma non bruciata e la parte interna deve rimanere tenera.

Impiattate iniziando dalla tartara, mettete i pezzi di melanzana all’interno di un coppapasta rotondo e pressate un poco in modo che la struttura resti stabile, continuate poi aggiungendo un fondo di crema alle fave, infine adagiate qualche tentacolo di polpo alla piastra e guarnite a piacere con una fogliolina di basilico.

Buon appetito.

Ingredienti tartare di melanzane

  • 1 polpo fresco abbattuto
  • 600 gr. di fave decorticate
  • 2 melanzane grosse
  • 3 cucchiai di olio evo
  • q. b. di sale
  • qualche fogliolina di basilico.

Tartare di melanzane su crema di fave con polpo, un secondo elegante e squisito

La tartare di melanzane su crema di fave con polpo è il classico piatto dall’aspetto gourmet ma facile da preparare, che delizia occhi e palato utilizzando ingredienti reperibili e metodi di cottura comuni. Specifico che la ricetta non è mia, bensì di Soniat (è un nickname ovviamente), che l’ha elaborata per “Le intolleranze? Le cuciniamo”.

E’ un contest di mia ideazione, il cui scopo è divertire in cucina e trasmettere un importante messaggio: le intolleranze alimentari possono essere gestite senza grossi problemi, ovvero cucinando con creatività.

Tornando alla ricetta, si compone di un letto di crema di fave che ospita delle melanzane in padella, guarnito con dei tentacoletti di polpo arrostito. Stiamo parlando di un secondo completo dal punto di vista nutrizionale, valorizzato da un’ampia dose di verdure.

Una soffice letto di fave per la tartare di melanzane

Tra i protagonisti di questa tartare di melanzana spiccano le fave. Le fave sono dei legumi dal carattere popolare, che si prestano in virtù della loro versatilità anche alle preparazioni più eleganti.

In questo caso vanno utilizzate quelle decorticate, in grado di trasmettere sentori più delicati e una texture più regolare. Le fave vanno cotte in padella e frullate insieme a un po’ di olio extravergine, fino a produrre una purea soffice e dal colore verde brillante.

Le fave si fanno apprezzare anche per le loro proprietà nutrizionali. Oltre al classico bagaglio di vitamina C e potassio, utili al sistema immunitario e alla pressione sanguigna, apportano ferro, un minerale non comune negli alimenti di origine vegetale. Il ferro è utile per mantenere il sangue ben ossigenato e per contrastare le sindromi anemiche. L’apporto calorico è molto basso, almeno rispetto agli altri legumi, infatti viaggia sulle 70-80 kcal per 100 grammi.

Le interessanti proprietà del polpo

L’ingrediente che trasforma questa tartare di melanzane in un secondo è il polpo. Per l’occasione viene abbattuto e privato dei tentacoli. Questi vengono poi cotti in una piastra molto calda, in modo che l’esterno diventi croccante e l’interno rimanga morbido. Infine, vengono posti quasi a mo’ di guarnizione, poco prima del servizio.

Il polpo offre molte soddisfazioni al palato, ma in realtà può dire la sua anche dal punto di vista nutrizionale. A differenza di altre specialità ittiche non contiene la vitamina D, ma in compenso è ricco di vitamina A, che fa bene alla vista e alla pelle.

Contiene poi il fosforo, che giova alla memoria. Infine non difetta di proteine, poiché esse pesano sulla sua struttura per il 10%. Inoltre contiene pochi grassi e per giunta benefici, soprattutto per il cuore e per la circolazione.

La melanzana, un ortaggio sottovalutato

Ovviamente, le protagoniste di questa tartare sono le melanzane. Si utilizzano ben due melanzane di grandi dimensioni. Quale varietà di melanzane è bene scegliere? Soniat non offre precisazioni in merito, sicché avete ampio margine di discrezione.

Consiglio però di utilizzare le melanzane viola in quanto sono più inclini alla cottura in padella. A prescindere dalla varietà, le melanzane non sono solo buone, ma anche valide dal punto di vista nutrizionale. Anzi, da questo punto di vista sono molto sottovalutate.

Il riferimento è soprattutto all’abbondanza e alla varietà di vitamine, come la vitamina A e la vitamina C. Inoltre, non mancano i sali minerali, e in particolare modo il potassio e il magnesio.

Le melanzane, inoltre, sono ricche di antocianine, delle sostanze responsabili del colore viola ed in grado di esercitare una formidabile azione antiossidante. In virtù di ciò, aiutano a prevenire il cancro, rallentano l’invecchiamento e mettono fuori gioco i pericolosi radicali liberi. Infine, l’apporto calorico è molto contenuto, ossia inferiore alle 30 kcal per 100 grammi.

Come preparare la tartare di melanzane

E’ difficile preparare la tartare di melanzane? Assolutamente no. Abbiamo già visto i procedimenti per due delle componenti principali del piatto: la crema di fave, frutto di un ampio passaggio al mixer e i tentacoli di polpo, che vanno cotti alla piastra dopo una lunga fase di abbattimento.

E le melanzane? Beh, Soniat suggerisce in merito una cottura semplice e rapida, che non passa per la spurgatura. Le melanzane vanno tagliate a cubetti e cotte in padella con un filo di olio per ammorbidirle. La cottura è anche sufficiente ad eliminare i liquidi di vegetazione, che potrebbero causare qualche sentore amaro di troppo.

Per quanto concerne gli aromi, basta qualche foglia di basilico. Il basilico è la pianta aromatica perfetta tanto per le melanzane quanto per il polpo, inoltre è molto reperibile. Anzi, molti la coltivano in casa, sul terrazzo o anche sul balcone.

Contest – Le intolleranze? Le cuciniamo

Ricetta di Soniat

tartara di melanzana su crema di fave con polpo alla piastra

Ricette polpo ne abbiamo? Certo che si!

5/5 (8 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Pollo al lime e elicriso

Pollo al lime e elicriso, un secondo raffinato...

Come cuocere il petto di pollo in modo perfetto? Cuocere il petto di pollo al lime è semplice, ma se volete ottenere un risultato perfetto dovrete prendere alcuni accorgimenti. Il primo riguarda il...

Brandade de Morue à la Nimoise

Brandade de Morue à la Nimoise: lo snack...

Tutto il sapore del baccalà Il protagonista di questa ricetta è il baccalà, che qui viene sottoposto a un trattamento particolare. Tanto per cominciare viene dissalato, ossia viene lasciato in...

Insalata con arrosto di alce

Insalata con arrosto di alce, un secondo intenso...

Cosa sapere sulla carne di alce La ricetta dell'insalata con arrosto di alce ci permette di spendere qualche parola sulla carne di alce, così poco diffusa dalle nostre parti eppure così buona. Il...