Lasagnette asparagi e salmone: il mare incontra la terra

lasagnette asparagi e salmone
Commenti: 0 - Stampa

Il profumo del mare in tavola: Lasagnette asparagi e salmone

Le lasagnette asparagi e salmone sono un piatto molto prelibato e adatto a chi vuole uscire fuori dalla tradizione Pasquale della carne. Un menù di pesce è sempre molto più accattivante per i commensali più esigenti, quindi questa ricetta sarà molto apprezzata proprio perché unisce due sapori differenti: quello del mare e quello della terra.

È una ricetta che unisce asparagi e salmone in un connubio fatto di eleganti profumi che allietano il palato. Il salmone, rigorosamente naturale, darà un gusto intenso e forte, mentre gli asparagi creeranno quella crema necessaria che darà consistenza ad un piatto molto succulento. Le lasagnette asparagi e salmone sono adatte agli eventi più particolari e raffinati. Si presenta come un piatto unico completo dove fanno capolino carboidrati, proteine e vitamine.

Salmone e asparagi: gli ingredienti principi

Questa ricetta è molto amata da chi predilige il salmone che è un alimento ricco di Omega 3, di vitamina A, C e B12. Oltre al gusto molto forte, il salmone presenta dei grossi benefici in termini di abbassamento del colesterolo cattivo, protezione del sistema cardiovascolare e riduzione delle infiammazioni. Le lasagnette asparagi e salmone prediligono il salmone naturale e non quello affumicato che è molto più grasso (circa il 5% in più di grassi), ricco di sodio (favorisce la ritenzione idrica!) e non semplice da digerire.

lasagnette asparagi e salmone

Le lasagnette asparagi e salmone contengono anche molte vitamine provenienti dagli asparagi che hanno molte proprietà benefiche perché ricchi di vitamina C e di vitamina E, fibre vegetali che contrastano il glucosio e depurano l’organismo. Inoltre, gli asparagi sono degli antiossidanti e migliorano anche le capacità intellettive grazie ad un alto tasso di potassio. Essendo ricchi di fibre e composti da acqua, sono adatti a chi vuole mantenersi in forma o a chi vuole perdere peso.

Segreti e consigli per delle perfette lasagnette asparagi e salmone

Il segreto di questa ricetta sta nell’utilizzare ingredienti freschi, ma anche nel saper abbinare e dosare bene gli ingredienti. Un consiglio molto interessante è quello di preparare in casa la besciamella in modo da avere un gusto ancora più delicato e senza conservanti. Non rinunciate alla noce moscata che darà alle lasagnette asparagi e salmone un sapore diverso. Inoltre, la besciamella fatta in casa regalerà una consistenza molto cremosa rendendo più omogeneo il condimento all’interno della lasagna.

Le lasagnette asparagi e salmone arricchiranno la vostra tavola di un tocco di classe, ma non dimenticate di addolcire il palato dei vostri ospiti con un bel vino bianco leggermente frizzante che renderà i vostri momenti più effervescenti, senza però rinunciare ad una cucina elegante e di gusto.

Ed ecco la ricetta delle Lasagnette asparagi e salmone

Ingredienti per 6 persone

  • 250 gr. di sfoglia di riso Le Celizie
  • 30 gr. di Parmigiano Reggiano grattugiato stagionato 36 mesi
  • un mazzo di asparagi
  • 200 gr. di salmone al naturale
  • 1 noce di burro chiarificato
  • q.b. sale

per la besciamella

  • 1/2 latte intero consentito
  • 20 gr. olio di riso
  • 60 gr. farina di riso
  • una generosa spolverata di noce moscata
  • un pizzico di sale fino

Preparazione:

In  un pentolino versate  il latte di riso  con il sale e una  abbondante spolverata di noce moscata e scaldatelo. In un altro pentolino dai bordi alti mettete l’olio e  sempre mescolando con una frusta aggiungete  piano piano la farina. Fate cuocere, a fiamma bassa e sempre mescolando,  per circa 3-4 minuti, poi versate a filo il latte caldo. Continuate a mescolare con la frusta fino fate addensare la besciamella, a fiamma bassa,  per circa 7-8 minuti. Una volta raggiunta la consistenza desiderata, spegnete la fiamma e tenetela da parte.

Pulite gli asparagi ed eliminate la parte bianca più dura e fibrosa e lavateli bene. Metteteli  un cestello bucherellato e ponetelo sopra  una pentola con 2 dita di acqua leggermente salata all’interno. Coprite con un coperchio e fateli cuocere a vapore per 15 minuti, e comunque fino a quando  saranno morbidi

Una volta cotti tagliateli a pezzetti  gli e mescolandoli bene aggiungeteli  alla besciamella. Lessate la sfoglia di riso per pochissimi minuti. Non si deve ammorbidire molto.

Sul fondo di una teglia o di una pirofila imburrata versate qualche cucchiaio di besciamella con gli asparagi, e sopra mettetevi  uno strato di sfoglia. Versate qualche altro cucchiaio di besciamella  e sopra mettetevi  il salmone sbriciolato finemente. Completate con un nuovo strato di pasta e proseguite, alternando gli strati, fino a terminare le sfoglie.

Coprite l’ultimo strato con abbondante  besciamella, uno strato di salmone sbriciolato e abbondante parmigiano grattugiato. Cuocete in forno già caldo  a 200°C per circa 15-20 minuti.

Togliete la teglia dal forno, fatela riposare qualche minuto e mettetela in tavola.

5/5 (402 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova ripiene light

Uova ripiene light, un antipasto per la Pasqua

Uova ripiene light, un antipasto bello da vedere e buono da gustare Le uova ripiene light sono un ottimo antipasto pasquale. Le uova sono uno degli alimenti simbolo della Pasqua, tanto che molte...

Malloreddus con carciofi e uova

Malloreddus con carciofi e uova, per una Pasqua...

Malloreddus con carciofi e uova, una ricetta che sa di Sardegna I malloreddus con carciofi e uova si inseriscono nel solco della migliore tradizione locale. Sono, infatti, un piatto che parla della...

Cream tart di Pasqua

Cream tart di Pasqua, una versione agrumata

Cream tart di Pasqua, una pasta frolla speciale La cream tart è un classico della cucina francese. Uno dei suoi punti di forza è la versatilità, infatti esistono molte varianti, che giocano sia...

Semifreddo al caffe

Semifreddo al caffè, un dolce ideale per Pasqua

Semifreddo al caffè e anice, un dolce perfetto Il semifreddo al caffè e anice è un dolce elegante, da preparare per le grandi occasioni. Il semifreddo al caffè è un dessert o un dolce al...

Tasca di vitello ripiena

Tasca di vitello ripiena, un buon secondo per...

Tasca di vitello ripiena, secondo corposo ma moderatamente leggero La tasca di vitello ripiena è un secondo ideale per le grandi occasioni. Io consiglio di prepararlo a Pasqua, al posto del...

Uova di Pasqua decorate

Uova di Pasqua decorate, come farle in casa

Uova di Pasqua decorate, fatte in casa sono ancora più buone Chi l’ha detto che le uova di Pasqua decorate vadano necessariamente comprate? In realtà, è possibile farle in casa, con i normali...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


23-03-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti