Miele di avocado dalle notevoli proprietà

Miele di avocado
Commenti: 0 - Stampa

Incredibilmente, esiste anche il miele di avocado – un frutto di cui non ci sarebbe mai venuto in mente il fiore! Invece, si chiama così il miele ottenuto proprio dal nettare dei fiori di avocado – ed è piuttosto raro e prezioso, non a caso venduto in vasetti di piccolo formato.

L’avocado è originario del Messico e viene coltivato in diversi paesi centro- e sudamericani come l’Ecuador e stati con clima simile a quello messicano, come Texas, Florida e California. Anzi, la California vanta il 95% del raccolto statunitense di avocado.

Parliamo di un miele unifloreale di colore scuro – per la precisione ambrato, scuro. Al palato lo sentirete liscio e setoso. Il suo profumo, come il gusto, è spiccato: bruciato, affumicato, sciropposo. Infatti ha una consistenza viscosa e c’è chi lo sostituisce allo sciroppo di sorgo o di acero.

Avocado: proprietà e benefici per la salute

È uno dei mieli più notevoli per le proprietà antiossidanti (cioè: contrasta l’invecchiamento delle nostre cellule!) e dei più benefici per la bellezza ed elasticità della pelle. Ed è ricco dei nutrienti propri del frutto; potassio e antiossidanti, vitamine K, B9, B6, B5, C, D ed E; proteine e fibre.

Forse non sapevate che l’avocado, che noi siamo abituati a gustare a crudo o in salse e a trattare come ingrediente di piatti sia dolci che salati, è un frutto generoso che ci dà – oltre al miele – anche un olio alternativo all’olio di oliva.

Miele di avocado : utilizzi in cucina

Andiamo in cucina: il miele di avocado piacerà a chi cerca un sapore persistente, da godere anche in purezza, sul pane fresco. Chi mangia senza glutine lo apprezzerà su pani o su gallette di sapore neutro. Bevande calde e yogurt lo supportano piacevolmente. Idem i formaggi, che sceglierete per contrasto cremosi e freschi. Però anche miele di avocado e un formaggio molto stagionato, come un pecorino, o addirittura un affumicato, potrebbe essere una bella sorpresa.

Ho trovato un’altra idea che mi piace molto: metterlo a gocce, sulla pancetta croccante, preparando una grigliata. Se amate la frutta secca, sappiate che sta bene su noci, noccioline salate, mandorle, pinoli. E potete anche usarlo per preparare croccanti e torroni. Un’altra idea è usarlo sulla macedonia di stagione.

Provatelo nella buddha bowl con quinoa

La buddha bowl con quinoa tricolore è un esponente della categoria “salad bowl”. Con questo termine si intende un tipo di “insalatona”, molto in voga negli Stati Uniti, ma parte di una tradizione tutto sommato recente. Una tradizione che punta a rappresentare, in una prospettiva fusion, le culture presenti sul suolo americano. Non si tratta dunque della solita insalatona americana, ma di un tentativo, ovviamente riuscito, di integrare più aspetti culturali offrendo un’insalata nutriente e completa.

La buddha bowl con quinoa tricolore è infatti una pietanza equilibrata. Grazie alla quinoa apporta le proteine (e non solo), mentre i carboidrati vengono garantiti dalle patate viola. Sono presenti, poi, tanti altri ingredienti dall’alto valore nutrizionale, come il miele di avocado, il mango e la curcuma. E’ presenta anche lo yogurt, ma nella sua variante delattosata. La mancanza di lattosio non è un dettaglio da poco, dal momento che consente il consumo della pietanza anche a chi soffre di intolleranza a questa sostanza. La buddah bowl con quinoa tricolore, come suggerisce il nome, vuole richiamare ai sapori orientali. Questi sono dati, per esempio, dalla curcuma, una spezia che è un po’ il baluardo della tradizione gastronomica indiana, per quanto sia comunque diffusa e apprezzata in ogni parte del globo.

Tutte le proprietà della buddha bowl

La quinoa è uno degli alimenti principale di questa buddha bowl, come tra l’altro suggerisce il nome. In questo caso vengono utilizzate le varianti bianche, rosse e nere, in modo da conferire al piatto un impatto visivo notevole. Le differenze tra queste varianti si giocano sul gusto, piuttosto che sulle proprietà nutrizionali. La quinoa bianca è infatti più delicata, la rossa ha un sapore più deciso, la nera ha un sapore leggermente più aspro. Ovviamente sono tutte buonissime!

Buddha bowl con quinoa

La quinoa è soprattutto un alimento che fa bene alla salute. E’ considerata un’alternativa ai cereali, ma dal punto di vista biologico è più simile agli spinaci e alla barbabietola. Si caratterizza per uno spiccato equilibrio di nutrienti dal momento che non contiene solo proteine, ma anche carboidrati, vitamine e sali minerali. La quinoa, poi, è ricca di antiossidanti, i quali proteggono dalle malattie cardiovascolari, contribuiscono a prevenire i tumori e ritardano l’invecchiamento.

Le proprietà antiossidanti delle patate viola

Uno degli alimenti più strani della buddha bowl con quinoa è senz’altro la patata viola. E’ una variante abbastanza rara, o comunque non molto consumata nel nostro paese. Dal punto di vista gustativo assomiglia vagamente a una patata dolce, ma abbastanza farinosa (nel complesso potrebbe ricordare le castagne). Ovviamente a stupire è il colore, che certamente non è nell’immaginario collettivo associato a quello delle patate.

Da cosa è causato lo strano colorito di questa patata? Semplice, dalle antocianine che rendono viola le melanzane e rossastro il radicchio. Si tratta di antiossidanti molto utili per l’organismo che, proprio come gli analoghi della quinoa, prevengono le malattie cardiovascolari, ritardano l’invecchiamento e riducono la probabilità di insorgenza dei tumori. In quanto a proprietà nutritive, le patate viola non differiscono molto dalla variante classica, anche se si segnala una concentrazione più elevata di vitamina C.

Ecco la ricetta della buddah bowl con quinoa:

Ingredienti per 4 bowl:

  • 200 gr. di patate viola,
  • 1/2 cespo di lattuga,
  • 100 gr. di lamponi,
  • 1/2 mango a fette,
  • 1 uovo sodo,
  • 10 pomodorini.

Per la citronette:

  • succo di 1/2 limone,
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • 2 cucchiai di yogurt delattosato,
  • 1 cucchiaio di miele di avocado,
  • una punta di un cucchiaino di curcuma,
  • q. b. di sale,
  • q. b. di pepe.

Per la quinoa:

  • 400 ml. di brodo vegetale,
  • 200 gr. di quinoa bianca, rossa e nera,
  • q. b. di sale.

Preparazione:

Per preparare la vostra buddha bowl con quinoa iniziate dalla citronette: versate tutti gli ingredienti in una ciotola e mettete nel frigorifero. Sbucciate le patate viola, lavatele e riducetele a fette, poi passatele in acqua bollente salata per 10-15 minuti; infine scolatele e fatele raffreddare. Pulite per bene la lattuga e tagliatela a piccole strisce. Pulite anche i lamponi sotto l’acqua fredda e fate lo stesso con il mango, poi sbucciate quest’ultimo e fatelo a fettine. Lavate i pomodorini e tagliateli a spicchi. Ora lavate per bene le uova con il guscio e mettetele in una pentola, versate poi dell’acqua fino a coprirle e cuocete per 8 minuti dopo l’ebollizione. Scolatele, passatele sotto l’acqua fredda e sgusciatele per bene.

Passate ora alla quinoa, lavatela più volte fino a quando l’acqua non sarà pulita. Versate il brodo vegetale in una pentola e mettete a bollire, una volta raggiunta l’ebollizione versate la quinoa e cuocete a fuoco lento applicando il coperchio per circa un quarto d’ora. Spegnete il fuoco e aspettate che venga assorbita in parte l’acqua, poi aiutandovi con una forchetta sgranatela per bene. Mettete la quinoa nelle ciotole e versate gli ingredienti che avete preparato per comporre la vostra bowl. Irrorate con l’emulsione che avete fatto (la citronette) e servite. Buon appetito

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Miele di ulmo

Miele di ulmo, il dolce nettare del Cile

Un focus su un miele davvero particolare Il miele di ulmo non è un miele come tutti gli altri. In primis perché è legato strettamente a una specifica cultura agroalimentare, ossia quella cilena....

zucchero di dattero

Lo zucchero di dattero è il dolcificante più...

La storia dello zucchero di dattero Lo zucchero di dattero è un alimento decisamente esotico, almeno per gli standard europei. Eppure si sta lentamente diffondendo anche in questa parte del mondo,...

zucchero di sciroppo di acero

Alla scoperta dello zucchero di sciroppo di acero!

State cercando un ottimo dolcificante?. Alla scoperta dello zucchero di sciroppo di acero!. Al giorno d’oggi, grazie a una maggiore consapevolezza, sono moltissime le persone che decidono di...

Miele di timo

Miele di timo : proprietà e benefici e...

Si fa presto a dire timo: questo piccolo, resistente arbusto conta numerose specie, non solo aromatiche e virtuose in erboristeria, ma anche ornamentali in orti, terrazze e giardini. Ricordiamo il...

Miele di coriandolo

Raro e insolito: Miele di coriandolo

Eccome un altro dei rari e insoliti: il miele di coriandolo è tra questi perché il polline da cui proviene è quello di una pianta annuale di popolarità recente e di disponibilità tuttora non...

sciroppo di acero

Sciroppo d’acero, una guarnizione gustosa e depurante

Lo sciroppo d’acero non è così popolare da noi come lo può essere oltreoceano, dove è il condimento prediletto per i famosi pancake. Sicuramente avrete visto almeno una volta una scena di un...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


17-02-2018
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti