logo_print

Bowl, piatti con un’ampia combinazioni di ingredienti

ricette sulle bowl
Stampa

Cosa sono le bowl e quali sono le loro caratteristiche?

ll concetto di bowl non è poi così intuitivo. Certo, è sufficiente dare un’occhiata alle pietanze in questione per intuirne il senso, e quindi per scoprire che ciò che ci si trova davanti, non è altro che un pasto completo, ovvero un’unione di ingredienti (anche elaborata) che punta ad offrire più elementi nutritivi possibili, e che gioca sull’abbondanza di colori e sapori. Tuttavia, ad un occhio poco attento e poco incline alla novità, le bowl potrebbero apparire come le classiche insalatone, magari arricchite da qualche alimento che possa garantire qualche proteina o qualche carboidrato in più.

In realtà, le bowl sono ben altro. Ridurle alle classiche insalatone, termine peraltro utilizzato alle volte per identificare una ricetta poco pensata, significa ignorarne le caratteristiche principali e disconoscere il ruolo che, potenzialmente, ricoprono all’interno di un qualsiasi regime dietetico. Anche perché di bowl ce ne sono tante, così come tante sono le combinazioni possibili. I principi base ci sono e accomunano tutte le ricette, ma a volte sembra che la fantasia sia l’unico elemento ricorrente. Tra l’altro, questa caratteristica permette alle bowl di essere consumate anche da chi soffre di intolleranze e patologie dell’assorbimento, ad esempio la celiachia.

Se è vero che la fantasia è un elemento importante, e che con un po’ di raziocinio nelle bowl può essere inserito, allora non è mai difficile trovare un alimento compatibile con i regimi anti-intolleranza, e allo stesso tempo “degno” di essere posto in una bowl. Questi piatti sono capaci di dare vita ad una combinazione di sapori elaborata, ma anche molto coerente e interessante.

Bowl di quinoa e asparagi

I principi cardine delle bowl e gli elementi ricorrenti

Come accennato, le bowl possono anche essere incredibilmente diverse tra di loro, ma hanno in comune alcuni elementi ricorrenti. Questo concetto potrà sembrare strano osservando due bowl qualsiasi, e magari molto diverse tra di loro, ma è proprio così. Questo perché  le bowl, appunto, non sono le classiche insalatone, ma ricette elaborate con un “pensiero” ben preciso. Ma quali sono queste regole? E quali sono questi principi comuni?

Sostanzialmente, ogni bowl presenta almeno quattro componenti. La prima è costituita dalla base, in genere un alimento che possa fornire molti carboidrati (e non solo). Per le bowl tipicamente mediterranee possono andare bene anche dei tipi di pasta particolarmente corta, per le altre tipologie, invece, sono molto apprezzate le molteplici varietà di riso. Infine, per le bowl esotiche si utilizza la quinoa o altri legumi elaborati.

La seconda componente è quella della frutta o della verdura, che dona freschezza e colore alla bowl. Esistono bowl al mango o alla melagrana se l’obiettivo è realizzare una preparazione dolce; come anche ai cetrioli, ai pomodori, ai ravanelli se si desidera una preparazione salata. La terza componente, che in alcuni casi può mancare, è la fonte proteica. Anche qui c’è solo l’imbarazzo della scelta: uova, formaggi, carne bianca e carne rossa, o le alternative vegetariane seitan e tofu. Infine il topping, un condimento liquido o cremoso che può essere semplice, a base di limone e olio, o capace di coinvolgere le spezie più esotiche.

Bowl di cous cous

Ecco alcune deliziose proposte, adatte per ogni occasione!

In questo paragrafo presento alcune bowl deliziose, sia dolci che salate, sia esotiche che non. Rimando comunque ai rispettivi articoli per le ricette complete.

Una bowl da preparare, magari a pranzo o a cena, è la sostanziosa beef salad bowl. E’ un pasto veramente completo e un’eccezionale fonte di proteine. L’ingrediente principale è la carne trita di manzo, ma ha come base i deliziosi germogli di soia e come condimento l’olio di sesamo e il miele.

Una bowl decisamente più esotica è la hawaiian poke bowl. La base è data dal riso basmati, la fonte proteica è data dal filetto di tonno, il tutto valorizzato da ravanelli, avocado e soprattutto mango (tra gli ingredienti presenti).

Una bowl particolare è quella di quinoa e asparagi, una perfetta unione tra tradizione tropicale e approccio mediterraneo. Come suggerisce il nome, la lista degli ingredienti mira un po’ alla nostra cultura, ma lancia uno sguardo anche oltreoceano. Il riferimento è anche al songino, una verdura a foglia verde diffusa nelle nostre campagne.

Una bowl davvero esotica, sebbene punti all’altro lato del globo, è quella con soba e asparagi. In questo caso, come avrete certamente intuito, la base è data dai soba, un tipo di pasta nipponica che si sposa con le preparazioni ricche di ingredienti, come sono appunto le bowl. Il topping di questa bowl è rappresentato dall’orientalissima salsa ponzu, che si sposa bene – tra gli altri ingredienti – con l’alga nori.

Infine, vorrei dedicare un po’ di spazio a una bowl arabeggiante, ovvero quella di cous cous. Proprio come immaginate, la base è costituita dal cous cous, mentre la parte di frutta e verdure è rappresentata dagli avocado e dalle barbabietole. Le proteine invece sono garantite dai fiocchi di latte, valorizzati da un semplice condimento a base di succo di limone.Beef Salad Bowl

22-06-2020
Scritto da: Tiziana Colombo
Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


CON LA COLLABORAZIONE DI

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti