Zucchero alla lavanda, per dolcificare con gusto

Zucchero alla lavanda
Commenti: 0 - Stampa

Zucchero alla lavanda, un dolcificante perfetto.

Lo zucchero alla lavanda è uno zucchero aromatizzato. Il procedimento è semplice e la resa soddisfacente sotto tutti i punti di vista: aspetto, aroma e gusto. Per l’occasione, si utilizzano i fiori freschi, che vanno mischiati con lo zucchero e passati al frullatore. L’unico elemento di difficoltà è dato dalla necessità di rispettare le proporzioni. Nello specifico, è bene impiegare due cucchiai di zucchero per ogni cucchiaio di fiori. Per non sbagliare, adottate un approccio graduale. Versate nel mixer due cucchiai di zucchero, uno di fiori e frullate per qualche secondo. Poi versate altri due cucchiai di zucchero e un altro di fiori e frullate ancora. Continuate così fino a terminare gli ingredienti.

La seconda fase consiste nell’essiccare gli ingredienti. Nello specifico, la miscela va sottoposta a un passaggio al forno per circa un’ora, a una temperatura pari a 50 gradi. Con questo metodo, lo zucchero alla lavanda è pronto in poco tempo. Il consiglio, però, è di fare riposare la miscela in un barattolo ben chiuso per almeno una settimana (meglio 2 settimane). Questo periodo di riposo serve a far interagire meglio gli ingredienti. In particolare, l’olio contenuto dei fuori viene assorbito dallo zucchero, migliorando aroma e sapore.

Gli usi dello zucchero alla lavanda

A proposito di zucchero alla lavanda, come si utilizza lo zucchero aromatizzato? A cosa serve? Si potrebbe pensare che l’uso sia il medesimo delle altre tipologie di zucchero, ma non è esattamente così. Infatti, quando si parla di zucchero aromatizzato, è necessario ragionare sui sentori in gioco. Se, per esempio, lo zucchero al cacao è ottimo nel caffè, lo zucchero alla lavanda dà il meglio di sé quando dolcifica tè e tisane. In linea di massima, può essere impiegato laddove la presenza della lavanda non risulta eccessiva, ma valorizza.

Lo zucchero alla lavanda può fungere anche da incantevole idea regalo. E’ un modo per esprimere affetto e per dimostrare attenzione con un preparato che rievoca gradevoli sensazioni. Alcuni lo utilizzano anche per decorare, visto l’impatto visivo in termini cromatici. Lo zucchero si colora di un lilla tenue, o addirittura di azzurro (dipende dalla qualità e della varietà della lavanda). Inoltre, allo stesso tempo, lo zucchero conserva la sua grana.

Quale zucchero utilizzare?

Lo zucchero ricopre un ruolo fondamentale nella ricetta dello zucchero alla lavanda, com’è lecito aspettarsi. Ma quale tipo di zucchero è opportuno utilizzare? D’altronde ce ne sono tanti, e scegliere è spesso complicato. La distinzione, in genere, è tra zucchero bianco e zucchero bruno, tra zucchero semolato e zucchero fine. Ebbene, la ricetta suggerisce l’uso dello zucchero bianco semolato. In primis perché lo zucchero bianco è per definizione neutro, in quanto più raffinato, dunque non interferisce con la lavanda. Il grezzo, o zucchero di canna che dir si voglia, contiene invece dei residui di melassa che gli donano un sentore caramellato.

Inoltre, lo zucchero semolato si amalgama meglio rispetto a quello fine. Può sembrare strano, ma è esattamente così. Lo zucchero fine creerebbe qualche problema in termini di uniformità, anche durante la fase di mixaggio e del passaggio al forno. Ovviamente potete sperimentare, usando lo zucchero bruno (o grezzo) nel caso in cui desideriate uno zucchero alla lavanda con qualche sentore in più. Come ho anticipato, questa tipologia di zucchero ha un sapore particolare. In questo caso dovreste mettere in conto un’amalgama non uniforme, ma piuttosto irregolare.

Zucchero alla lavanda

I tanti usi della lavanda

L’altro protagonista dello zucchero alla lavanda è proprio la lavanda. Si tratta di una specie floreale dalle mille qualità, che viene impiegata in numerosi ambiti, in primis per le decorazioni. La lavanda, soprattutto quando è rigogliosa, valorizza l’arredo urbano e gli spazi indoor, conferendo tonalità cromatiche incantevoli e un profumo delicato. Tra l’altro, è anche facilmente coltivabile e non soffre della presenza di altre specie. La lavanda è anche un esponente della medicina naturale, ampiamente utilizzata in erboristeria. D’altronde esercita delle proprietà benefiche, sia per uso interno che esterno. Se consumata sotto forma di tisana o decotto, distende i nervi, infonde tranquillità e aiuta a combattere l’insonnia. Invece, se viene utilizzata per estrarre degli oli, può comporre creme cicatrizzanti o miorilassanti. In questa veste, inoltre, deterge e aiuta a calmare il prurito.

La lavanda può essere impiegata nella cosmetica. E’ infatti utilizzata da sempre per preparare dei  profumi davvero delicati. Ovviamente, viene trattata anche per realizzare deodoranti per ambienti. Dal punto di vista gastronomico, l’uso più comune la vede come protagonista in tisane e decotti. In realtà i decotti alla lavanda sono abbastanza rari, in quanto i petali sono comunque delicati. La lavanda può essere integrata anche in ricette complesse, come avviene nella cucina provenzale.

I petali di lavanda possono essere essiccati con relativa facilità. I metodi sono numerosi. Possono essere lasciati a testa in giù in un luogo buio e fresco (non umido). Possono essere stesi su una superficie orizzontale in modo da formare un unico strato. In alternativa, ma è un procedimento rischioso, può essere utilizzato anche il forno a bassa temperatura.

Ecco la ricetta dello zucchero alla lavanda:

Ingredienti:

  • 200 gr. di zucchero bianco semolato,
  • 40 gr. di fiori di lavanda freschi.

Preparazione:

Per preparare lo zucchero alla lavanda dovrete utilizzare solo fiori di lavanda freschi, magari appena raccolti. Iniziate separando i fiori dagli steli. Versate nel mixer i fiori e lo zucchero, per la precisione versate due cucchiai di zucchero e uno di fiori, poi frullate per pochi secondi. Aggiungete ancora una volta due cucchiai di zucchero, uno di fiori e frullate per un altro po’. Continuate così fino a terminare gli ingredienti.

Una volta terminati gli ingredienti, adagiate il composto su una teglia da forno. Fatelo essiccare in un forno preriscaldato a 50 gradi per circa un’ora. Ora versate lo zucchero alla lavanda in un barattolo di vetro a chiusura ermetica  lavato e sterilizzato  e completamente asciutto. Fate riposare per due settimane lo zucchero alla lavanda prima di consumarlo.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Miele di ulmo

Miele di ulmo, il dolce nettare del Cile

Un focus su un miele davvero particolare Il miele di ulmo non è un miele come tutti gli altri. In primis perché è legato strettamente a una specifica cultura agroalimentare, ossia quella cilena....

zucchero di dattero

Lo zucchero di dattero è il dolcificante più...

La storia dello zucchero di dattero Lo zucchero di dattero è un alimento decisamente esotico, almeno per gli standard europei. Eppure si sta lentamente diffondendo anche in questa parte del mondo,...

zucchero di sciroppo di acero

Alla scoperta dello zucchero di sciroppo di acero!

State cercando un ottimo dolcificante?. Alla scoperta dello zucchero di sciroppo di acero!. Al giorno d’oggi, grazie a una maggiore consapevolezza, sono moltissime le persone che decidono di...

Miele di timo

Miele di timo : proprietà e benefici e...

Si fa presto a dire timo: questo piccolo, resistente arbusto conta numerose specie, non solo aromatiche e virtuose in erboristeria, ma anche ornamentali in orti, terrazze e giardini. Ricordiamo il...

Miele di avocado

Miele di avocado dalle notevoli proprietà

Incredibilmente, esiste anche il miele di avocado - un frutto di cui non ci sarebbe mai venuto in mente il fiore! Invece, si chiama così il miele ottenuto proprio dal nettare dei fiori di avocado...

Miele di coriandolo

Raro e insolito: Miele di coriandolo

Eccome un altro dei rari e insoliti: il miele di coriandolo è tra questi perché il polline da cui proviene è quello di una pianta annuale di popolarità recente e di disponibilità tuttora non...


Nota per l’intolleranza al nichel

Note per chi deve seguire una dieta a Basso contenuto di nichel. Da leggere attentamente! Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione e a basso contenuto di Nichel e fare attenzione a tutto quello che ci circomda. Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


03-07-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti