Triangoli caprino e radicchio rosso

Tempo di preparazione:

Che delizia i triangoli con caprino e radicchio rosso!

Avete voglia (e tempo) di preparare un buon primo piatto con la pasta fatta in casa? Se avete risposto di sì, i triangoli con caprino e radicchio rosso possono ampiamente soddisfare le vostre aspettative e conquistare ogni ospite, regalando nutrimento e gusto a volontà!

Il ripieno con caprino e radicchio rosso si rivela un abbinamento davvero speciale, sia da un punto di vista culinario che nutrizionale. Andiamo a scoprirne qualcosa in più!

Le proprietà del radicchio

Il radicchio, nome scientifico Chicorium Intybus, appartiene alla famiglia delle Composite, gruppo delle cicorie. In commercio troviamo il radicchio rosso con le foglie di color rosso scuro, il radicchio variegato con le foglie verde chiaro striate da venature di rosso, e il radicchio bianco. Quello che viene raccolto nei mesi di ottobre e novembre viene definito “precoce” ed è caratterizzato da un sapore particolarmente dolce. Quello raccolto da dicembre a febbraio è definito invece “tardivo” e ha un retrogusto amarognolo.

Al gruppo del radicchio rosso appartengono i rinomati Rosso di Verona, il Rosso di Treviso ed il Rosso di Chioggia. A questo punto, dovreste anche sapere che portando in tavola i triangoli con caprino e radicchio rosso, regalerete al vostro pasto diverse proprietà benefiche per la nostra salute, proprio grazie a questo ortaggio. Il radicchio è depurativo e, grazie all’alto contenuto di acqua, di fibre e di principi amari, stimola la digestione e il corretto funzionamento dell’intestino.

Ha un basso apporto calorico e si presenta come un alimento molto indicato anche per le diete ed i regimi alimentari controllati. È persino uno degli ortaggi concessi agli intolleranti al nichel, motivo per il quale oggi ho preparato questi deliziosi triangoli ripieni di caprino con tanto piacere.

I triangoli con caprino e radicchio rosso, un piatto di pasta è davvero ottima!

La pasta ripiena, si sa che è sempre buona, ma questo abbinamento mi sembra particolarmente azzeccato. :-) Ho preparato i triangoli con farina, uova, un pizzico di sale e un cucchiaio di olio extravergine d’oliva. Perciò, si tratta di una pasta fatta in casa genuina e sostanziosa, ma che non appesantisce troppo lo stomaco.

Naturalmente, i triangoli con caprino e radicchio rosso sono caratterizzati da un ripieno gustoso, preparato non solo con il formaggio caprino, ma anche con la ricotta e il Parmigiano Reggiano, conferendo al nostro piatto un buon carico di proteine e di altri validi minerali ottimi per il nostro organismo!

Ingredienti:

Per la pasta:

  • 400 g di farina 00
  • 4 uova
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva

Per ripieno:

  • 125 gr. di caprino
  • 125 gr. di ricotta
  • 50 gr. di parmigiano reggiano stagionato 36 mesi
  • 1 cespo di radicchio rosso allungato
  • 2 uova
  • 1 scalogno
  • olio extravergine d’oliva
  • sale q.b.

Preparazione:

Disponete la farina a fontana sulla spianatoia e rompetegli le uova nel centro; unite un cucchiaio di olio e il sale. Con la forchetta rompete le uova, sbattetele leggermente a molte delicatamente incorporatele nella farina. Impastate  in modo energico , fino ad ottenere una pasta ben soda, liscia ed omogenea. Coprite la pasta  con un telo di cotone o lino e fatela riposare a temperatura ambiente per circa 30 minuti. Nel frattempo preparate il ripieno.

in una padella antiaderente  fate rosolare in un cucchiaio d’acqua  lo scalogno tritato finemente, aggiungetevi il radicchio, precedentemente lavato, mondato e tagliato a striscioline e fatelo cuocere per circa 10 minuti.

In una terrina amalgamate la ricotta, il caprino e il parmigiano, aggiungete  il radicchio e aggiustate di sale e pepe.

Prendete la pasta fresca e fatene una sfoglia ne troppo sottile ne spessa, e passala tra i rulli della macchina in modo da ottenere delle strisce larghe circa 12 cm, con un cucchiaio depositate sulla metà  di ogni striscia dei mucchietti di ripieno distanti l’uno dall’altro e ricoprite con l’altra metà della pasta. Fate aderire bene le due metà della pasta spingendo con le dita  e ritagliate  i ravioli  a triangolo con l’apposita rotella  facendo attenzione di premere bene i bordi così che non si aprano durante la cottura.

Man mano che sono pronti adagiateli  su di un vassoio leggermente infarinato, copriteli  con un telo e teneteli al fresco.

Quando è il momento dl cuocerli,metteteli pochi alla volta e con delicatezza in abbondante acqua salata,lasciateli cuocere alcuni minuti, poi scolateli,  e disponeteli nei piatti.

Noi li abbiamo conditi solo con burro fuso e salvia per non nascondere i vari sapori del ripieno.

 

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *