Uova di struzzo: grandi, grosse e deliziose!

uova di struzzo
Commenti: 6 - Stampa

Le uova di struzzo: speciali sotto ogni punto di vista!

Chi non ha mai assaggiato le uova di struzzo, sicuramente, non ne conosce il sapore. Tuttavia, può conoscerne o immaginarne l’aspetto! Infatti, sono le più grandi di tutte e gli esperti confermano che un solo uovo di questo esemplare corrisponde a circa 25 uova di gallina. La dimensione di un uovo di struzzo va dai 15 ai 19 cm in altessa e dai 10 ai 16 cm in larghezza e pesa circa 1,5 kg l’uno.

Non sono uova che si trovano facilmente sul mercato. Si possono trovare nelle aziende agricole che allevano gli struzzi per le loro carni. E’ più conosciuta e utilizzata la carne di struzzo e dopo la Prima Guerra Mondiale diminui molto l’utilizzo delle sue piume.

L’ uovo di struzzo vuoto non buttatelo perchè può essere dipinto e utilizzato per creare delle magnifiche composizioni. Mio figlio lo ha fatto diventare un vaso.

Incredibile, non è vero? Proprio per questo, è utile considerarne l’utilizzo quando si ha la necessità di preparare una cena per più persone… Infatti, con un solo uovo possiamo portare in tavola una frittata per circa 12 ospiti!

Inoltre, ci vuole un po’ di tempo (e fatica) per aprire e cuocere le uova di struzzo… Nel caso volessimo bollirle, ad esempio, dovremo considerare che per preparare un uovo sodo ci vorrebbero circa due ore! E per rompere il guscio spesso e duro? Di quello ne parliamo fra poco! A parte tutto questo, ne vale davvero la pena, sia da un punto di vista nutrizionale che organolettico… Perciò, andiamo a conoscere un po’ meglio queste uova a dir poco speciali!

uovo di struzzo

Una prelibatezza nutriente e sostanziosa

Parlando di uova di struzzo, dovreste sapere che, grazie al loro guscio molto resistente e voluminoso, l’albume e il tuorlo restano protetti e freschi molto più a lungo rispetto ad altre uova. Inoltre, è opportuno considerare che questo alimento non scherza neanche quando si tratta di valori nutrizionali. Infatti, si presenta come una ricca fonte di proteine e ci regala una buona dose di energia e sazietà. È l’ideale per gli sportivi e si digerisce molto facilmente.

Le uova di struzzo contengono grassi e colesterolo. Tuttavia… non dobbiamo di certo mangiarne uno intero! E, si sa, il corpo ha bisogno persino di lipidi e, oltretutto, il colesterolo non è solamente “cattivo”. In più, dobbiamo considerare che gli esperti affermano che queste uova ne propongono delle dosi minori rispetto al comune uovo di gallina e, tra l’altro, sono cariche di ferro e minerali importanti per l’organismo, di vitamine del gruppo B e di molte altre sostanze fondamentali per il nostro benessere.

struzzo

Troviamo le uova di struzzo e portiamole in tavola!

Come avrete compreso, stiamo parlando di un alimento da non sottovalutare che, almeno quando si può, non dovremo dimenticare di portare nelle nostre cucine. Purtroppo, però, questo alimento così sostanzioso, portentoso e saziante non è poi così facile da reperire. Pertanto, vi consiglio di fare qualche ricerca a livello locale (anche regionale, se necessario) e di trovare un allevamento specializzato nella fornitura di uova di struzzo, guidato da produttori affidabili e professionali.

Una volta trovate, potrete decidere se preparare un super-frittata o un grande uovo sodo, in camicia o strapazzato… Potrete trovare le uova di struzzo in misure differenti… ma mai troppo piccole! Ricordate che il guscio è più spesso rispetto alle altre uova. Tuttavia, non è di certo impossibile da aprire! Se però non volete romperlo (per usarlo come decorazione), potrete usare un chiodo e un martello, e aprirlo con attenzione. In questo modo, potrete preservare la sua integrità e usarlo come desiderate! Se lo volete sodo dovete sapere che i tempi di cottura vanno dai 40 ai 45 minuti anzichè i 9 minuti che servono per la uova di gallina. Possono essere utilizzati nelle ricette come fareste con qualsiasi altro uovo.

Una ricetta speciale: l’uovo di struzzo strapazzato con i pomodori

Si tratta di una pietanza semplice da portare in tavola, ma anche molto nutriente, sostanziosa e carica di bontà! Quella dell’uovo di struzzo strapazzato con pomodori è sicuramente una ricetta veloce, nonché elevatamente speciale. Infatti, si sa, da sempre l’uovo è il re della tavola, sia per il suo sapore che per le proprietà nutritive che possiede e per la sua versatilità. È l’ingrediente base di un’infinità di ricette ed esistono tantissimi modi per cucinarlo…

Tuttavia, in questo caso non abbiamo a che fare con il consueto uovo di gallina, ma con un uovo di struzzo strapazzato! A livello nutrizionale sono molto simili, ma il gusto delle uova che useremo oggi è ancora più corposo rispetto a quello delle uova tradizionali. Con al fianco i pomodori, renderanno questo piatto a dir poco prezioso, sia da un punto di vista nutrizionale che per quanto riguarda il benessere dell’organismo.

uovo di struzzo strapazzato con i pomodori

Alcune interessanti curiosità…

L’uovo di struzzo strapazzato con pomodori è un piatto semplice e genuino, ma dal sapore intenso e prelibato. In particolare, è utile sapere che l’uovo di struzzo possiede un potente valore nutrizionale e inoltre, poiché equivale all’insieme di 20-30 uova di gallina, è l’ideale quando si hanno molti ospiti a pranzo o cena. In termini gastronomici, questo accostamento di sapori e colori regalerà un’esperienza culinaria unica!

L’accoppiata dell’uovo di struzzo strapazzato con i pomodori risulta essere vincente soprattutto perché consente di portare in tavola un piatto fresco e digeribile, ma anche ricco di sostanze nutritive, in particolare antiossidanti e proteine, vitamina A, vitamina D, zinco e altri importanti micro e macronutrienti. Questo piatto, ideale per la bella stagione, potrà garantire una sferzata di energia e tanta soddisfazione!

Non avete mai provato l’uovo di struzzo strapazzato con i pomodori?

Spessissimo, in cucina, si va alla ricerca di piatti nuovi e vincenti, ma il tempo e la fantasia non sempre sono dalla nostra parte. Tuttavia, scegliendo la ricetta dell’uovo di struzzo strapazzato con pomodori non ci saranno problemi! Forse ci metterete un po’ di tempo per rompere il guscio… ma poi sarà tutto molto semplice e in pochi minuti potrete assaporare il vostro gustoso pasto!

L’uovo di struzzo strapazzato con i pomodori regala l’emozione del ricordo della tradizione… e se ad essere strapazzato è un uovo grande, forte e corposo come quello di struzzo, la soddisfazione sarà ancora più elevata! Grazie a questo ingrediente, il piatto preparato, seppur semplicissimo, assumerà un forte potere a tavola e conquisterà qualunque ospite!

Ingredienti per 20 persone

  • 1 uovo di struzzo,
  • 50 gr. triplo concentrato di pomodoro,
  • 200 gr. di parmigiano reggiano stagionato 36 mesi grattugiato,
  • 5 pomodori,
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • q.b. sale e pepe

Preparazione

Aprite l’uovo di struzzo seguendo e con l’aiuto di una frusta, sbattete quindi l’uovo fino a che l’albume non si sarà unito al tuorlo. Aggiungeteci il concentrato di pomodoro e 150 grammi di parmigiano. Mescolate nuovamente fino a ottenere un composto omogeneo.

Fate scaldare una padella abbastanza grande con dell’olio e, quando sarà ben calda, versatevi gradualmente il composto. Una volta che l’avrete versato tutto, iniziate a mescolarlo in modo che si formino dei grossi grumi.

Quando i grumi avranno preso consistenza spegnete la fiamma e continuate a mescolare fino a che essi non si staccheranno dalle pareti della pentola. Salate l’uovo a vostro piacere.

Dividete il tutto in dieci/dodici porzioni, guarnitele con il pomodoro tagliato a spicchi e il parmigiano rimanente. Decoratele a piacere e servitele ancora calde.

5/5 (1 Recensione)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

6 commenti su “Uova di struzzo: grandi, grosse e deliziose!

  • Lun 8 Mar 2021 | FABRIZIO ha detto:

    buona serata, sarei interessato all’acquisto di qualche uovo di struzzo x uso alimentare. dove vi trovate?

    • Mar 9 Mar 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Fabrizio noi non vendiamo uova. Facciamo comunicazione e raccontiamo gli alimenti

      • Sab 2 Ott 2021 | fabio ha detto:

        Se fate informazione perchè non informate la signora circa i posti dove può conmprare le uova?

        • Dom 3 Ott 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

          Fabio io le ho trovate da un’azienda agricola che alleva struzzi vicino al mio paese. Credo che ci sono ovunque e sono sparsi in Italia e basta informarsi per sapere quale è il più vicino.

  • Mar 12 Ott 2021 | Maria Lombardo ha detto:

    Sono andata nel bosco a cercar castagne ed ho trovato un uovo grosso che non sapevo di chi fosse. Sono andata su google ed ho scoperto che è di struzzo. L’ho lasciato la’ dove l’ho trovato, lì a due passi c’è un allevamento di animali, una specie di fattoria, penso che lo struzzo sia uscito di là.

    • Mer 13 Ott 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Maria tutto puo’ essere. E’ un vero peccato che sia stato abbandonato.

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova di coturnice

Uova di coturnice : per chi soffre di...

Le uova di coturnice: ecco che arrivano delle uova speciali Come ho detto più volte, non esistono solo le uova di gallina! Tra le uova che abbiamo a disposizione troviamo quelle di moltissime razze...

uova di mericanel

La bontà delle uova di Mericanel della Brianza

Oggi andiamo a conoscere le uova di Mericanel della Brianza Spesso non ce ne rendiamo conto, ma non esiste soltanto una razza di gallina: soprattutto quelle prettamente ovaiole sono a dir poco...

Uova di gallina Orpington

Conosci le uova di gallina Orpington?

Avete mai provato le uova di gallina Orpington? In questo caso, non parlo di uova molto diverse da quelle che siamo abituati solitamente a portare in tavola. Tuttavia, secondo me, anche le uova di...

Uova di gallina Wyandotte

In cucina con le uova di gallina Wyandotte

Oggi parliamo delle uova di gallina Wyandotte Esistono tantissime razze di galline ovaiole e una di queste è senz’altro la Wyandotte. Si tratta di un’ottima chiocca, in grado di deporre circa...

Uova alla coque

Amate le uova? Provate le uova di gallina...

Non solo uova “comuni” Amate le uova? Allora provate le uova di gallina Australorp! Tante razze avicole, tante uova diverse. Con questo presupposto, vi chiedo: perché non provarle tutte… o...

uova di marans

Uova di Marans, la “gallina dalle uova d’oro”…

Le principali peculiarità delle uova di Marans Le uova di Marans sono le uova di una gallina ovaiola, la cui razza di origine francese prende appunto il nome “Marans”. Con un guscio di un...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. A i tanti vegetariani che mi scrivono sul sito, su Facebook, su Instagram etc dicendomi di eliminare la carne dal sito voglio dire una cosa: ci sono categorie di persone, che anche volendo, non possono seguire la dieta vegetariana. Un esempio pratico sono gli  intolleranti al nichel. Il nichel è presente in quasi tutta la frutta e la verdura. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


25-04-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti