Omelette con borragine, una piacevole alternativa

Omelette con borragine
Commenti: 0 - Stampa

Le peculiarità delle omelette con borragine

Le omelette con borragine rappresentano una gradevole alternativa alle classiche frittate. Allo stesso tempo si differenziano da queste ultime per la presenza di un alimento particolare, ossia la borragine.

Si tratta di una pianta utilizzata soprattutto in erboristica, ma che può dire la sua in cucina, anche perché ha un sapore gradevole e presenta delle proprietà nutrizionali fuori dal comune. Il riferimento è in particolare alla presenza di grassi “buoni”, che si trovano principalmente nei semi ma anche nel resto della pianta.

La borragine è ricca in particolare di acidi grassi omega tre in grado di giovare all’apparato circolatorio, alla vista e alle funzioni cognitive.

La borragine è anche ricca di sostanze antiossidanti, che riducono lo stress ossidativo, contrastano i radicali liberi e ottimizzano i meccanismi di riproduzione cellulare.

In virtù di ciò, aiutano a prevenire alcuni tipi di tumori. L’unico difetto della borragine risiede nell’apporto di acido gamma-linoleico che aumenta i tempi della coagulazione del sangue. In occasione di questa ricetta, la borragine va pulita con cura, dal momento che le foglie presentano uno strato di peluria.

Poi va lavata e sminuzzata e poi aggiunta nel composto di uova e cipolla stufata, in modo da formare un’omelette decisamente più gustosa e corposa del solito. E’ una ricetta facile da fare!

La borragine è poco conosciuta nonostante tutti i benefici

La borragine si puo’ riconoscere facilmente per la presenza dei suoi fiori a 5 petali, disposti a stella, di colore blu-viola, che compaiono tra aprile e ottobre. Per i Greci e Romani questa pianta era simbolo di coraggio. Era nota per indurre gioia e vitalità. Il suo nome deriverebbe dal termine celtico “borrach” che significa, appunto, coraggio.

Carlo Magno la descriveva come “generatrice di buonumore” e Plinio, nei suoi scritti, sosteneva che il decotto di borragine aveva la proprietà di allontanare la tristezza. Ecco perchè la borragine viene anche chiamata la pianta del buonumore. È molto preziosa per le sue virtù, tanto da essere impiegata sia per uso cosmetico e medicinale, oltre che in cucina.

L’omelette è una preparazione tipica della cucina francese e guai a chiamarla  frittata! L’omelette deve essere molto sottile e non deve essere mai girata a differenza della frittata. Viene servita anche come primo piatto unico e a volte come secondo piatto accompagnato da verdure. L’omelette puo’ essere farcita con verdure, oppure con prosciutto e formaggio ma anche con mele e fiocchi di latte .Le omelette di possono preparare anche dolci con frutta fresca e yogurt.

Le uova, un alimento sminuito

Le protagoniste di questa frittata di borragine rimangono le uova, degli alimenti spesso sminuiti, ma che si rivelano dei preziosi alleati per la salute. Tutto ciò al netto del colesterolo, che risulta presente in quantità non trascurabili.

In ragione di ciò, non si dovrebbe esagerare con il loro consumo. Per il resto, stiamo parlando di alimenti benefici e ricchi di sostanze nutritive, come le proteine, presenti in quantità quasi simili alla carne.

Omelette con borragine

Le uova contengono la vitamina D, una sostanza benefica per il nostro organismo. La vitamina D potenzia il sistema immunitario, più di quanto non faccia la vitamina C. Discorso simile per la vitamina E, che esercita una funzione antiossidante.

Tra i sali minerali delle uova troviamo lo zinco, che rafforza le difese immunitarie, e il ferro. Per quanto concerne l’apporto calorico, siamo su livelli non troppo elevati: un uovo apporta in media 80-90 kcal.

Le interessanti proprietà della cipolla rossa

Anche la cipolla gioca un ruolo importante nella ricetta delle omelette con borragine. Per la precisione, vi consiglio di utilizzare la cipolla rossa, il cui sapore si lega perfettamente con quello della borragine. La dolcezza delle cipolle, infatti, valorizza la delicatezza e l’aroma della borragine.

Il colore rosso è dato dalle antocianine, delle formidabili sostanze antiossidanti presenti in molti alimenti di colore rosso o violacei, come le melanzane. In virtù della presenza di acqua e di alcune sostanze detossinanti, le cipolle rosse sono considerate degli eccellenti depurativi.

Buono è anche l’apporto di vitamine e sali minerali, infatti si segnalano ottime dosi di vitamina C, vitamina E, ferro, iodio, zinco e magnesio. L’apporto calorico è minimo, pari a 20 kcal per 100 grammi.

Esistono molte varianti di cipolla rossa, la più famosa e la più salutare è la cipolla Rossa di Tropea. Le proprietà nutrizionali non si differenziano rispetto alle altre cipolle rosse, tuttavia presenta un sapore più dolce e decisamente più aromatico.

In occasione di questa ricetta, la cipolla rossa va pelata, affettata con una mandolina e rosolata in una padella con l’olio, previa sfumatura con il vino bianco. La cottura deve essere lunga, in quanto è necessario che le cipolle devono ammorbidirsi  completamente. La soddisfazione di fare un omelette fatta in casa con la borragine raccolta nei prati è davvero tanta.

La ricetta base prevede l’utilizzo di uova, latte, burro, sale e pepe. Tutto il resto è un di più che dà gusto!

Ecco la ricetta delle omelette con borragine:

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 uova,
  • 2 cipolle rosse,
  • 1 bicchiere di vino bianco,
  • 450 gr. di borragine,
  • 60 gr. di Parmigiano Reggiano,
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva,
  • un pizzico di sale e una macinata di pepe.

Preparazione:

Per la preparazione delle omelette con borragine iniziate lavando la borragine, poi pulitela e lessatela brevemente in acqua. Infine, scolatela, strizzatela e tagliatela a pezzetti.

Ora pelate le cipolle e ricavatene delle fette sottili usando una mandolina. Scaldate l’olio d’oliva in una padella, unite le cipolle e aggiungete un po’ di sale e un po’ di pepe. Poi versate un bicchiere di vino bianco e fate sfumare.

Infine, fate cuocere per 30 minuti, spegnete il fuoco e attendete che le cipolle si raffreddino.

Sbattete le uova in una ciotola, arricchendole con sale e pepe, poi unite la borragine, il Parmigiano Reggiano grattugiato e le cipolle cotte. Ora aggiungete un po’ di olio in una padella, scaldatelo per bene e unite un bel mestolo di composto.

Fare rassodare, poi piegate la frittata e proseguite la cottura in modo che rimanga morbida al suo interno. Ripetete il procedimento fino a quando il composto non si sarà esaurito, dovreste ricavare quattro omelette. Potete anche fare l’ omelette farcita con del formaggio fondente.

Accompagnate le omelette con insalata a vostra scelta e buon appetito.

5/5 (433 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

uova a colazione

Uova a colazione, un’abitudine gustosa e nutriente

Perché le uova a colazione? Mangiare uova a colazione, già questa espressione rievoca contesti che ben poco hanno a che vedere con la tradizione italiana, invece hanno a che fare con quella...

Frittata di cicoria selvatica

Frittata di cicoria selvatica, una piatto semplice

Frittata di cicoria selvatica, una variante fuori dal comune La frittata di cicoria selvatica è una frittata diversa dalle altre e di facile preparazione. E’ semplice perché il procedimento è...

Millefoglie di frittata con formaggio di capra

Millefoglie di frittata con formaggio di capra per...

Millefoglie di frittata con formaggio di capra, una ricetta con un ingrediente speciale La Millefoglie di frittata con formaggio di capra è una ricetta molto corposa, colorata e gustosa. E’ anche...

Frittata con peperoni e carote

Frittata con peperoni e carote, un contorno gustoso

Frittata con peperoni e carote, una scelta azzeccata di ingredienti La frittata con peperoni e carote è solo all’apparenza una frittata come le altre. Certo, potrebbe darvi l’impressione di una...

Frittata di bruscandoli

Frittata di bruscandoli, un piatto davvero speciale

Le peculiarità della frittata di bruscandoli Oggi vi presento una ricetta molto particolare: la frittata di bruscandoli. Molti di voi non conoscono i bruscandoli, d’altronde non sono ingredienti...

Frittata di Trahanas

Frittata di Trahanas, una frittata alternativa

L’ingrediente particolare della frittata di Trahanas Lo potete intuire dal nome, quella di Trahanas non è una frittata come le altre. Non tanto per il procedimento, che è praticamente identico a...


Nota per dieta vegetariana

La dieta vegetariana è una scelta, che vanta profili ora etici ora salutistici, ma che pone in essere alcune difficoltà dal punto di vista nutrizionale. Molti studi scientifi affermano che la dieta vegetariana non comporta rischi per la salute se e quando è pianificata in modo equilibrato. Diventare vegetariano non vuol dire mangiare solo frutta e verdura. Si devono consumare anche i legumi, le uova, il latte. I celiaci che vogliono seguire una dieta vegetariana devono fare attenzione ad alcuni cereali: il frumento, l’orzo,  la segale, il farro, il kamut e tutti i prodotti da forno che potrebbe presentare tracce di glutine. Ci sono dei momenti della vita: infanzia, adolescenza, o in periodi di gravidanza e allattamento che può essere utile affidarsi a un medico o un nutrizionista, che saprà consigliare e valutare le scelte più adeguate da fare in base alle esigenze nutrizionali.

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


21-05-2021
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti