Vitello tonnato: una specialità originaria del Piemonte

vitello tonnato
Commenti: 0 - Stampa

Avete mai provato la ricetta del vitello tonnato?

Il vitello tonnato è una ricetta tipica di Torino, che ad oggi è stata rivisitata e preparata da tanti chef e riproposta in numerose parti d’Italia. Mi ha subito conquistata e sapete perché? Incredibilmente, il tonno e la carne di vitello formano un piatto perfetto, che ci permette di portare in tavola una magnifica esperienza culinaria dalle notevoli proprietà organolettiche.

Si tratta di alimenti genuini e versatili, che si uniscono creando un secondo piatto perfetto, gustoso, proteico e ricco di numerose sostanze nutritive. Ideale per chi fa sport e non solo, quella del vitello tonnato è una pietanza molto particolare, ma non è poi così difficile da portare in tavola e, ogni volta, ci consente di fare una magnifica figura con gli ospiti… Nel vogliamo parlare più a fondo? Sicuramente sì!

Il tonno e il vitello: i sapori si sposano perfettamente

Come ben sapete, il tonno ha un gusto deciso ma morbido e la sua carne è molto digeribile. I suoi pregi sono innumerevoli: è ricco di minerali come selenio, fosforo e magnesio; si presenta come una buona fonte di iodio.

La ventresca, la parte pregiata del tonno, è carica di omega 3 (acidi grassi utili a ridurre i livelli di trigliceridi e di colesterolo nel sangue). Grazie all’elevato contenuto di proteine e vitamine B12, PP, D ed E, questo protagonista della ricetta del vitello tonnato ci aiuta a sviluppare la massa muscolare.

Viene persino consigliato nelle diete proprio per tutti questi motivi, ma anche perché favorisce la perdita di peso a livello addominale e ci lascia sazi più a lungo. Secondo diversi studi scientifici, ha un effetto positivo sull’umore ed è indicato per chi soffre di artrite o malattie delle ossa.

Un consumo regolare aiuta a prevenire le patologie cardiovascolari. L’altro alimento di base della ricetta del vitello tonnato è per l’appunto la carne di vitello. Tenera e prelibata, fa parte delle carni rosse, ma si rivela comunque molto nutriente…

tonno vitellato

Le altre caratteristiche del vitello tonnato

La carne di vitello si rivela una valida fonte di proteine, vitamine e minerali alleati del metabolismo, di folati importanti durante la gestazione, di vitamina B12 e di ferro. Grazie a questo cibo, possiamo contare anche su un buon apporto di calcio, fosforo e magnesio, validi per la salute di ossa e denti.

Rispetto al tonno, ha più grassi saturi e colesterolo, motivo per il quale si consigliano due porzioni di vitello a settimana. La ricetta del vitello tonnato è davvero unica e vi consiglio di leggere e provare un’idea alternativa come quella del “tonno vitellato” di Antonino Cannavacciuolo.

Quest’ultima è del mio idolo, lo chef Antonino Cannavacciuolo! Ma se siete amanti del tonno, oltre alla ricetta del vitello tonnato e alle sue varianti, potrete provare le farfalle con ragù di tonno, il carpaccio di tonno e i bocconcini di tonno al timo limone e zucchine. Per quanto riguarda il vitello, vi suggerisco un gustoso piatto di bocconcini di vitello ai chiodi di garofano, gli involtini di vitello e avocado e la Lingua di vitello . Fatemi sapere qual è la ricetta che avete amato di più! 

Vitello tonnato: un piatto per tutte le stagioni

Il vitello tonnato è una pietanza tipica della cucina tradizionale piemontese che si può consumare sia durante la stagione fredda che in estate. Verdure, carne di vitello e vino si fondono in un unico piatto cremoso e gustoso. È una pietanza adatta a tutti, anche se, in presenza di celiaci o intolleranti al lattosio, la salsa dovrà essere preparata con altri ingredienti.

Per chi è a dieta, vi proponiamo di preparare la salsa con lo yogurt greco delattosato in pari quantità, invece che con la tradizionale maionese. Il vitello tonnato è un piatto che va preparato con cura visto che l’elaborazione è piuttosto lunga e comprende la preparazione sia della carne che della salsa. Mettetevi alla prova con questa ricetta della tradizione piemontese!

L’origine del vitello tonnato

Il vitello tonnato, o vitel tonnè, proviene dalla tradizione gastronomica piemontese. Si tratta di un piatto molto conosciuto e che si è diffuso in tutta Italia negli anni ’80. Nonostante ciò, è una pietanza sempre attuale che si può preparare sia d’estate che d’inverno visto che si può consumare sia fredda che calda. Questa ricetta, dunque, può essere una valida alternativa durante tutto l’anno.

Il vitello tonnato è un piatto popolare che combina pesce e carne, ossia carne di vitello, tonno e acciughe. Il segreto per preparare questa ricetta al meglio è senza dubbio la cottura e la qualità della carne. Chiedete al vostro macellaio di fiducia la parte migliore per preparare questo piatto (girello o magatello).

La qualità della carne di vitello

La carne di vitello viene utilizzata in una vasta gamma di piatti tradizionali e non. Ad esempio, spesso viene usata per creare spezzatini e stufati nella gastronomia italiana e internazionale. Provenendo da un bovino giovane fra 5 e 7 mesi, si tratta di una carne bianca e meno grassa rispetto ad altri tipi di carne: contiene proteine e meno colesterolo.

Nel vitello tonnato questa carne verrà elaborata con diverse verdure: cipolla, sedano, aglio, carota, alloro ed erbe aromatiche. Il vitello cucinerà per almeno un’ora e un quarto con un po’ di vino bianco e sale. In questo modo, la carne sarà tenera e sugosa grazie anche all’utilizzo della salsa a base di tonno.

I tagli di carne più indicati per il vitello tonnato sono il girello, detto anche magatello, la noce o il cappello del prete.

Ed ecco la nostra ricetta del Vitello tonnato

Ingredienti per 4 persone

  • 800 g vitello ( girello o magatello)
  • un gambo di sedano
  • una cipolla
  • uno spicchio aglio
  • erbe aromatiche a piacere
  • una carota
  • il succo di 1/2 limone e la scorza
  • 1 foglia alloro
  • un bicchiere vino bianco
  • q.b. sale e pepe

Per la salsa

  • una tazza di maionese  consentita
  • 100 gr. di  tonno sott’olio
  • 3 filetti di acciughe
  • 2 pomodori secchi sott’olio
  • 2 cucchiai capperi

Preparazione

Iniziamo a preparare il vitello tonnato e la prima cosa da fare è la pulizia delle verdure. Pulite e tagliate le verdure che serviranno per cuocere la carne e mettetele in una pentola con abbondante acqua salata, aggiungete anche l’aglio intero, le erbe, la scorza e il succo di limone, il vino bianco e portate ad ebollizione.

Dopo 20 minuti di lento bollore immergete il pezzo di carne e fate cuocere per circa 50 minuti, schiumando ripetutamente le impurità che verranno in superficie.

Metti nel frullatore la maionese, il tonno sgocciolato, le acciughe, un cucchiaio di capperi e 2 pomodori secchi sott’olio. Azionate fino ad ottenere un composto liscio e fluido. Se necessario aggiungete un paio di cucchiai del brodo di cottura della carne.

Appena la carne si sarà raffreddata, sgocciolate e asciugatela con della carte da cucina. Taglia a fettine sottili  ( io lo faccio con l ‘affettatrice e le fettine sono tutte uguali). Disponete man mano sui piatti di portata o su di un vassoio e distribuite la salsa tonnata e qualche cappero.

Coprite il vassoio con della pellicola trasparente e conservate in fresco fino al momento di essere servito.

5/5 (496 Recensioni)

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Petto di piccione in manto di verza

Petto di piccione in manto di verza, un...

Petto di piccione in manto di verza e salsa di mais, un piatto raffinato Il petto di piccione in manto di verza e salsa di mais è un secondo molto corposo. D’altronde, lo si evince dalla lista...

Spezzatino di cervo

Spezzatino di cervo, un secondo tradizionale e rustico

Spezzatino di cervo, un piatto tradizionale e rustico Lo spezzatino di cervo è un secondo piatto che appartiene alla tradizione più rustica della cucina italiana. D’altronde si base su una carne...

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio, un classico secondo a base...

Triglie al cartoccio, una ricetta semplice e gustosa Le triglie al cartoccio sono un secondo piatto di pesce molto semplice e tutto sommato classico, che punta ad offrire sapori suggestivi. A fare...

Coquilles St. Jacques

Coquilles Saint Jacques ai funghi, un piatto ai...

Coquilles Saint Jacques, una preparazione di alta cucina Le Coquilles Saint Jacques ai funghi sono una ricetta della cucina francese. Possono essere considerati come un secondo di pesce o un...

Pernice rossa con uva e polenta

Pernice rossa con uva e polenta, un secondo...

Pernice rossa con uva e polenta bianca, una lista di ingredienti diversa dal solito La pernice rossa con uva e polenta è una di quelle ricette ascrivibili alla categoria “gourmet”, ma allo...

Petto di piccione con gamberi

Petto di piccione con gamberi, un secondo agrodolce

Petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco, un piatto gourmet adatto a tutti Il petto di piccione con gamberi e salsa di frutti di bosco è un secondo che vi lascerà stupefatti....


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


14-04-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti