Un buon magatello di vitello in salsa tonnata

magatello di vitello in salsa tonnata
Commenti: 0 - Stampa

Magatello di vitello in salsa tonnata: delizioso!

Siete alla ricerca di un secondo piatto nutriente e sfizioso? In questo caso, vi consiglio di provare il magatello di vitello in salsa tonnata con insalata di melone e anguria compressi. Vi suona come una ricetta difficile da preparare? Sì, di certo serviranno un po’ di pazienza e ingredienti di qualità. Tuttavia, soprattutto grazie alla cottura sottovuoto a bassa temperatura, il risultato sarà ottimo! In questo caso, abbiamo a che fare con un metodo di cottura a bagnomaria con una temperatura di massimo 84 gradi centigradi, che prevede l’uso di un sacchetto sottovuoto.ù

Nella cottura sottovuoto è fondamentale la bassa temperatura, perché non altera il sapore e i principi nutritivi degli alimenti che si manterranno più a lungo senza dover provvedere ai vari metodi tradizionali di conservazione. Sapori, profumi e consistenza degli alimenti rimarranno inviolati e il vostro piatto finale sarà eccellente.

Come abbiamo accennato in precedenza, nella nostra cucina abbiamo ospitato lo chef Danilo Angè che ci ha spiegato come la cottura sottovuoto sia molto salutare visto che il cibo non viene a contatto né con l’acqua né con l’olio: in questo modo l’alimento cuoce nel suo succo e si mantiene tenero senza perdere i suoi componenti organolettici.

Come asserisce lo chef Angè, cuocere i cibi in modo sottovuoto costituisce un grande vantaggio perché permette anche di monitorare la temperatura che non sarà mai aggressiva nei confronti dell’alimento, ma permetterà di mantenerlo succoso, tenero e morbido, senza alterarne la composizione biologica e chimica.

Questa procedura è molto amata dagli chef, proprio perché consente di mantenere intatte le proprietà organolettiche dei vari cibi. Tra l’altro, permette di preservare gran parte del valore nutrizionale originale di ogni alimento. In poche parole, vi permetterà di preparare un magatello di vitello in salsa tonnata sostanzioso sotto ogni punto di vista. Che ne dite? Vi è venuta voglia di provare a portare in tavola questo secondo piatto? Conosciamolo meglio e prepariamolo!

Magatello: un taglio speciale tutto da gustare

Se amate la carne, e più in particolare quella di vitello, saprete con certezza che sul mercato è disponibile in più tagli. Per preparare il magatello di vitello in salsa tonnata con insalata di melone e anguria, ci serve appunto un taglio chiamato “magatello”. Si tratta di una parte caratterizzata da una consistenza delicata e dal sapore più dolciastro rispetto alle altre. Proprio per queste qualità, questa parte viene spesso scambiata per un filetto. In ogni caso, lasciarvi aiutare da un professionista del settore sarà certamente la scelta più giusta.

Il magatello di vitello si presenta come un taglio pregiato e molto apprezzato, che contiene pochi grassi e che si rivela altamente nutriente e ricco di proteine ad alto valore biologico. È particolarmente adatto per la preparazione in cui ci cimenteremo fra poco, anche perché la cottura sottovuoto preserverà la delicata texture della carne e tutte le sue sfumature di sapore. Tuttavia, se vi piacerà, potrete usare questo taglio persino per la preparazione di arrosti con contorni sfiziosi e adatti anche agli intolleranti.

magatello di vitello in salsa tonnata

Non solo carne nel magatello di vitello in salsa tonnata

Nella zona di Milano lo potrete chiamare magatello, ma in altre zone d’Italia dovrete chiamarlo in altri modi… Rotolo di coscia a Mantova, coscia rotonda a Torino e lacerto a Bari, a Foggia, a Napoli, a Potenza e a Reggio Calabria. A Genova lo chiamano rotondino, a Venezia “lai di fuori” e in Sicilia è conosciuto come lacertu. Tuttavia, ciò che conta è la nostra ricetta del magatello di vitello in salsa tonnata, che accompagneremo con un buon contorno di insalata di melone e anguria.

In pratica, alla delicatezza e alla succulenta consistenza di questo taglio, uniremo una porzione di freschezza tutta vegetale, dove la dolcezza e un buon carico di vitamine e minerali non mancheranno di certo.

Preparare questa ricetta senza glutine e senza lattosio non sarà così difficile come pensate: l’importante è munirsi di un po’ di pazienza, di alimenti di qualità e degli strumenti più idonei per procedere alla cottura sottovuoto.

Svantaggi della cottura sottovuoto: esistono davvero? Per me è tutto un vantaggio.La tecnica della cottura sottovuoto si rivela una tecnica di ristorazione molto utilizzata e diffusa nel mondo, grazie ai suoi vantaggi che garantiscono anche un cibo abbastanza salutare. Tuttavia, bisogna ammettere che vi sono alcuni svantaggi, non tanto sul piano qualitativo degli alimenti cotti sottovuoto quanto, piuttosto, sul piano meramente logistico. Le attrezzature occupano un pochino di spazio nella vostra cucina. Ne vale la pena però!

A questo punto, andiamo a scoprire come preparare il magatello di vitello in salsa tonnata con insalata di melone e anguria. Sarà il secondo perfetto per una cena speciale e per tantissime altre occasioni. A voi la scelta e buon appetito!

Ed ecco la ricetta del magatello di vitello in salsa tonnata con insalata di melone e anguria compressi

Ingredienti per 4 persone:

  • 700 gr. di magatello di vitello
  • 250 gr. di tonno sott’olio
  • 50 gr. di capperi dissalati
  • 50 gr. di acciughe dissalate
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 100 gr. di maionese
  • 300 gr. di melone
  • 300 gr. di anguria
  • 1 mazzetto di menta
  • 40 gr. di misticanza aromatica
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • q.b. sale
  • q.b. pepe

Preparazione

Sgocciolate il tonno dall’olio, unite i capperi e le acciughe, e inserite insieme alla carne in un sacchetto da cottura. Condizionate sottovuoto e lasciate cuocere nel bagno termostatato a 61°C per 3 ore.

Togliete la carne dal sottovuoto e lasciatela raffreddare. Frullate gli altri ingredienti e unite il prezzemolo tritato e la maionese.

Private il melone e l’anguria dalla buccia e dai semi, inseriteli in un sacchetto con la menta, condizionate sottovuoto e lasciate marinare per 20 minuti in frigorifero.

Tagliate la carne a fette sottili e servitela con la salsa tonnata, la misticanza e la frutta tagliata a fette.

5/5 (48 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Insalata di puntarelle con avocado

Insalata di puntarelle con avocado, un piatto leggero

I tanti colori dell’insalata di puntarelle con avocado e gamberi L’insalata di puntarelle con avocado e gamberi è un'ottima idea per un piatto leggero, che riesca a soddisfare la vista e il...

Coscia di oca al bergamotto

Coscia di oca al bergamotto, un secondo agrodolce

Coscia di oca al bergamotto, un secondo gourmet per tutti i palati La coscia di oca a bassa temperatura profumata al bergamotto è un secondo elegante e dal sapore particolare, in grado di...

Coscia di carre di agnello aromatizzato al rosmarino con mirepoix di fagiolin

Coscia di agnello al rosmarino alla provenzale 

La Coscia di agnello è un piatto da leccarsi i baffi. Un taglio di carne davvero prelibato è la coscia di agnello. Quando la trovo dal macellaio non riesco a resistere alla tentazione di comprarla....

petto di anatra leggermente affumicato

Stupire con il petto di anatra leggermente affumicato!

Un menu speciale con il petto di anatra leggermente affumicato Noi italiani siamo abituati per lo più a consumare pollo, tacchino, carne di manzo o di maiale. Ogni tanto, però, dobbiamo...

Stinco di maiale laccato al miele

Stinco di maiale laccato al miele… una vera...

Avete mai assaggiato lo stinco di maiale laccato al miele? Se ancora non avete assaporato un buon piatto di stinco di maiale laccato al miele e senape, con indivia, uvetta e pinoli, oggi vi dirò...

coniglio farcito con le verdure

Il coniglio farcito con le verdure: una vera...

Per la preparazione della ricetta del coniglio farcito alle verdure , ho utilizzato alcuni macchinari ed accessori che non dovrebbero mai mancare in una cucina che si rispetti. Su tutti, si è...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-06-2019
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti