bg header
logo_print

Hamburger con quinoa bianca e rossa, un secondo unico

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Ricetta proposta da
Tiziana Colombo

Hamburger con quinoa bianca e rossa
Ricette per intolleranti, Cucina Italiana
Ricette vegetariane
Ricette senza glutine
Ricette senza lattosio
preparazione
Preparazione: 50 min
cottura
Cottura: 20 min
dosi
Ingredienti per: 4 persone
Stampa
3.5/5 (2 Recensioni)

Hamburger con quinoa bianca e rossa e lenticchie : una delizia per tutti!

La ricetta che sto per proporvi è molto apprezzata da vegani e vegetariani, ma in realtà è apprezzata da tutti, proponendosi come un secondo perfetto per ogni occasione: d’estate e d’inverno, in primavera e in autunno. Questi veggie burger possono essere accompagnati da un contorno a piacere o anche usati per la preparazione di panini che, insieme alle patate, saranno super-apprezzati da tutti!

Insomma, un hamburger con quinoa bianca e rossa, lenticchie e spezie è il compromesso perfetto tra gusto e dieta equilibrata. Siete curiosi di assaggiarli? Provateli con questa ricetta!

Ricetta hamburger con quinoa

Preparazione hamburger con quinoa

  • Lavate  molto bene la quinoa con acqua corrente, riponetela in un tegame e versate il doppio d’ acqua rispetto al suo peso.asciate cuocere per circa 20 minuti o affinché non si sarà asciugata tutta l’acqua.
  • Spegnete e lasciate raffreddare.
  • Nel frattempo mettete e lenticchie con 1/3 della quinoa  un po’ di sale, d’ olio,  la curcuma, la paprika e il prezzemolo tritato nel mixer frullate fino ad ottenere una crema liscia che metterete in una ciotola con la restante quinoa, e la  mettere in frigo a rassodare per 30 minuti.
  • Trascorso il tempo necessario in frigo, prelevate con un cucchiaio una manciata di composto e datele una forma rotonda, ma schiacciata come un hamburger.
  • Impanatela in un po’ di pan grattato e cuocetele in una padella antiaderente leggermente unta d’olio fino a che saranno ben dorate.
  • Spolverate con del tandoori prima di servire.

Ingredienti hamburger con quinoa

  • 50 gr. di lenticchie prelessate
  • 100 gr. di quinoa bianca
  • 100 gr. di quinoa rossa
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 4 cucchiai di olio di vinacciolo
  • 1 pizzico di paprika
  • 1 pizzico di curcuma
  • 1 cucchiaio di tandoori
  • 80 gr. di pane grattugiato
  • q. b. di sale.

Hamburger con quinoa bianca e rossa, un secondo con i fiocchi!

Questo è senz’altro il momento dei burger vegetali. Ne ho cucinati e preparati tanti, ma la ricetta degli hamburger con quinoa bianca e rossa, lenticchie e spezie è tra le mie preferite! Ideale per intolleranti e non, per chi non ama mangiare la carne e per chi vuol provare di tutto, questa pietanza è un vero e proprio concentrato di sapore, in particolare grazie ad un mix di spezie calibrato perfettamente.

Inoltre, credo che sia un secondo piatto talmente gustoso da poter competere ad armi pari con i più classici hamburger! Proteici e deliziosi, ricchi di nutrienti e salutari: conquistano proprio tutti, a prescindere dall’età! Vogliamo scoprirne qualcosa in più prima di prepararli?

Quinoa e lenticchie: la coppia perfetta!

Spesso, oltre all’uso della quinoa, l’impasto dell’hamburger prevede anche l’utilizzo delle lenticchie, poiché si accostano perfettamente al sapore della quinoa. Ma ovviamente, non è solo una questione di gusto: le lenticchie completano i tanti valori nutrizionali importanti, già apportati dall’ingrediente principale di questa ricetta. Sono ricche di fosforo, ferro e di vitamine del gruppo B.

Hamburger con quinoa bianca e rossa

Grazie a questa accoppiata perfetta, gli hamburger con quinoa bianca e rossa, lenticchie e spezie propongono un apporto di grassi molto scarso e, d’altra parte, un buon carico di antiossidanti. Per via di queste caratteristiche, possiamo avere a che fare con un pasto leggero, digeribile e nutriente, nonché amico della linea, della salute e della giovinezza.

Ottimi per contrastare i danni dei radicali liberi, per donare energia, per alleviare e prevenire l’anemia, ma persino per promuovere il buonumore, la quinoa e le lenticchie sono gli ingredienti ideali per chi desidera un pasto composto da nutrienti di qualità e si rivelano perfette per la preparazione dei burger vegetali. Non a caso, sono gli alimenti di base utilizzati per numerose varianti.

La differenza tra quinoa bianca e quinoa di rossa

La lista degli ingredienti di questi hamburger include due varietà di quinoa, la quinoa bianca e quella rossa. Esse si differenziano non solo per il colore ma anche per alcune caratteristiche organolettiche. Sia chiaro, entrambe esprimono un sapore che va dal cerealicolo al leguminoso, nonché una texture interessante tra il morbido e il croccante. Tuttavia, la quinoa bianca spicca per il sapore delicato, che valorizza gli altri ingredienti. Di contro, la quinoa rossa si fa apprezzare per il sapore più deciso e aromatico, pur essendo compatibile con una vasta varietà di composti.

Si registrano differenze anche sul piano nutrizionale. Entrambe sono ricche di carboidrati, proteine, vitamine e sali minerali (in particolare potassio, fosforo e magnesio). Tuttavia la quinoa rossa, proprio in virtù del colore tendente al rubino, è ricca di antocianine. Si tratta di sostanze antiossidanti in grado di ridurre l’insorgenza del cancro, neutralizzare l’effetto dannoso dei radicali liberi, rallentare l’invecchiamento cellulare. Per quanto concerne l’apporto calorico non si segnalano differenze di sorta, entrambe apportano circa 370 kcal per 100 grammi.

Perché abbiamo usato l’olio di vinacciolo nell’hamburger con quinoa?

L’hamburger con quinoa bianca e rossa non apporta molti grassi e sono per giunta di origine vegetale. Provengono infatti dall’olio, che non deve essere di oliva ma di vinacciolo. Questo tipo di olio viene estratto dai semi della vite, che sono ricchi di lipidi benefici. Perché questa scelta? Semplice, perché l’olio di vinacciolo apporta sentori spiccati, che si rivelano più che adeguati ad aromatizzare il composto. Nello specifico l’olio di vinacciolo richiama all’acidità mista a dolcezza del mosto, senza esaltarne la sua asprezza.

L’olio di vinacciolo vanta anche delle buone proprietà nutrizionali. È ricco di acido linoleico, un grasso che giova al cuore, alla circolazione e contribuisce a ridurre il colesterolo cattivo. Inoltre, esercita una funzione astringente, diuretica e depurativa. Per quanto concerne l’apporto calorico l’olio di vinacciolo non si differenzia molto dagli altri tipi di oli: 100 ml apportano circa 880-890 kcal.

Quali spezie usare per l’ hamburger con quinoa?

L’hamburger con quinoa bianca e rossa è abbastanza leggero ma prevede comunque una componente aromatica molto sostenuta. Nello specifico richiede l’impiego della curcuma, della paprika e del prezzemolo. Tutte queste spezie vengono aggiunte in fase di preparazione dell’impasto, dove vengono unite alla quinoa, alle lenticchie lessate e agli altri ingredienti.

La paprika aggiunge un sapore dolciastro che ricorda alla lontana il peperoncino, tuttavia non è necessariamente piccante. La curcuma aggiunge delle note caratteristiche tipiche del curry, che viene realizzato proprio dalla curcuma. Queste due spezie conferiscono agli hamburger una tonalità suggestiva molto vicina all’arancione. Inoltre, apportano alcune rare sostanze nutritive. Il riferimento è soprattutto al betacarotene, una sostanza antiossidante responsabile del colore arancione e in grado di stimolare l’assorbimento della vitamina A, essenziale per la salute della pelle e per la vista.

Il prezzemolo, invece, non ha bisogno di presentazioni. È tra le erbe aromatiche più utilizzate in cucina, talmente versatile da adattarsi agli alimenti di origine vegetale, alla carne e al pesce. Del prezzemolo si apprezzano anche le proprietà nutrizionali. Su tutte spicca la presenza dello iodio, che sostiene l’attività della tiroide (soprattutto in caso di tendenza all’ipotiroidismo).

Cos’è il tandoori?

L’hamburger con quinoa si conclude con una bella spolverata di tandoori. Si tratta di una spezia tipicamente orientale, che viene venduta in polvere. Spicca innanzitutto per il colore tra l’arancione e il dorato, che potrebbe ricordare una curcuma molto concentrata. In realtà propone un sapore diverso e molto intenso, dovuto alla sua composizione.

Il tandoori è il frutto dell’unione di semi di coriandolo, cumino, curcuma, noce moscata e pepe nero. Al primo assaggio emerge il sapore della noce moscata e della curcuma, in fase di retrogusto agiscono i sentori più delicati del cumino e dei semi di coriandolo. Non di rado viene integrato con un po’ di yogurt, il cui ruolo è quello di stemperare i sentori piccanti con quelli aciduli e vagamente di latte.

Il tandoori è originario della cucina indiana e viene utilizzato soprattutto per condire il pollo, ma vanta comunque una certa versatilità. In questo caso valorizza alla perfezione il composto a base di quinoa e lenticchie, conferendogli un sapore più pieno, corposo, più vicino a quello della carne.

FAQ sull’hamburger con quinoa

Come si cuoce la quinoa?

La quinoa viene in genere lessata, a tal proposito fate attenzione alle dosi: l’acqua deve pesare il doppio della quinoa. Per quanto concerne il tempo di cottura dovrebbero bastare 20 minuti. Inoltre, prima di essere utilizzata negli impasti la quinoa deve essere lasciata raffreddare e scolata per bene.

Come abbinare i burger vegetali?

I burger vegetali possono essere accompagnati dalle medesime bevande dei burger di carne “bianca”. Dunque vanno bene le birre bionde e i vini bianchi frizzanti.

Quante calorie hanno i burger vegetali?

Ovviamente dipende dagli ingredienti che si utilizzano e dalle dosi. In genere i burger di quinoa vegetale sono un po’ meno calorici rispetto agli hamburger di carne. Per quanto concerne la ricetta che vi presento oggi, un hamburger dovrebbe apportare circa 300 kcal.

Ricette con gli hamburger ne abbiamo? Certo che si!

3.5/5 (2 Recensioni)
Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Caprese in bicchiere

Caprese in bicchiere, un’idea simpatica per un primo...

Quali pomodori utilizzare nella caprese in bicchiere? La caprese in bicchiere è un’insalata semplice, che si basa quasi interamente sulla qualità degli ingredienti. In particolare bisogna...

Gamberi alla catalana

Gamberi alla catalana, un piatto di pesce ricco...

Catalana di gamberi: un’insalata più che un secondo Come ho già accennato, i gamberi alla catalana (o catalana di gamberi che dir si voglia) hanno tutto l’aspetto di un’insalata, infatti...

Pollo al lime e elicriso

Pollo al lime e elicriso, un secondo raffinato...

Come cuocere il petto di pollo in modo perfetto? Cuocere il petto di pollo al lime è semplice, ma se volete ottenere un risultato perfetto dovrete prendere alcuni accorgimenti. Il primo riguarda il...