Ecco con cosa sostituire i latticini e una ricetta di Linguine con orata davvero ottima

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo Totale
    40 Minuti
Linguine con orata

Un piatto davvero ottimo e veloce da preparare!

Oggi invece l’intolleranza al lattosio la combattiamo con un buon piatto di Linguine con orata, cipolla caramellata al limone e molliche croccanti profumate al limone e dragoncello.  Non è detto che se sei intolleranti al lattosio non mangi più! Anzi, ti inventi tante nuove ricette davvero con gusto. Basta poco, che ci vuole?

Ecco cosa significa essere intollerante al lattosio

Chi è intollerante al lattosio è sottoposto a continue difficoltà, ma cavarsela non è impossibile. Se avete questo tipo di intolleranza, significa che il vostro corpo ha difficoltà a digerire il lattosio, ovvero lo zucchero naturale del latte. Quindi, quello che si deve fare per evitare gas, gonfiore, diarrea e gli altri spiacevoli sintomi, è eliminare dalla dieta il latte e tutti i derivati.

Attenzione, però: il latte è un alimento importante per l’uomo, la fonte principale di calcio. Per questo motivo, bisogna sostituirlo nel modo giusto per evitare una carenza di nutrimenti. A questo proposito, ecco qualche dritta in proposito, ma ricordate di non intraprendere “diete fai da te” e di appoggiarvi a uno specialista che potrà aiutarvi a costruire un percorso nutrizionale sano, equilibrato e libero dalle intolleranze alimentari.

Ecco il latte vegetale e i formaggi adatti ad una persona intollerante al lattosio

Lo sapete che il latte non è solo di capra, di mucca o di pecora? Esiste una quantità incredibile di latte di origine vegetale, completamente privo di lattosio e quindi totalmente sicuro per chi è intollerante a questa sostanza. Latte di mandorle, di avena, di canapa e il più famoso latte di soia sono solo alcuni esempi di ciò che potete trovare in commercio. Perciò, non resta che cercare quello che più vi piace.

Questi alimenti sono perfetti per una persona intollerante al lattosio, sono ricchissimi di vitamine e minerali. Tuttavia, in genere non contengono naturalmente il calcio ma, in molti casi, viene aggiunto per arricchire la bevanda. Per quanto riguarda i formaggi, invece, sappiate che quelli stagionati contengono molto meno lattosio rispetto agli altri prodotti lattiero-caseari. Pertanto, in piccole quantità, possono essere tollerati dall’organismo.

Aggiungeteli alla vostra dieta perché sono una buona fonte di calcio e proteine. Esempi di formaggi stagionati a basso contenuto di lattosio sono il formaggio svizzero e i formaggi erborinati o ne è totalmente assente come il parmigiano reggiano dai 36 mesi in su. Ultimamente anche il gorgonzola è annoverato tra i formaggi senza lattosio

Altri consigli per chi è intollerante al lattosio

Se avete voglia di un dessert fresco, potreste essere in grado di tollerare bene il sorbetto al posto del classico gelato, in quanto contiene pochissimo lattosio: all’incirca 4-6 grammi, più o meno la stessa quantità di uno yogurt e la metà di una coppa di gelato. Attenzione però, a non consumare più alimenti a basso contenuto di lattosio nello stesso giorno, altrimenti rischiereste di superare il vostro limite di tollerabilità e scatenare nuovamente i sintomi.

Sappiate inoltre che una persona fortemente intollerante al lattosio che non può assolutamente avvicinarsi ai latticini, dovrebbe fare una scorpacciata di verdure a foglia verde: rabarbaro, spinaci, broccoli e cavoli sono ricchissimi di calcio. Ad esempio, una tazza di spinaci cotti ha circa 250 mg di calcio. In più, anche mangiando pesce si può aggiungere calcio alla propria dieta. In particolare, via libera al consumo di orata, branzino, dentice. sardine, tonno e salmone!

Con questa ricetta partecipo al concorso organizzato da amalfilemonexperience.it/ e da Scatti Golosi  e se vi piace il piatto, l’idea e volete far conoscere questo produttore condividete il post nella vostra bacheca e diventate (se vi va)  fan della pagina facebook di Lemon Tour – La valle dei Mulini Amalfi e di Scatti Golosi e Gennarino.org

contest limone aceto

Ingredienti per 4 persone

  • 320 gr di linguine La Molisana
  • 2 filetti di orata puliti (senza squame e senza lische)
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 grossa cipolla di Tropea
  • la buccia di un limone bio
  • il succo di ½ limone bio (o meno, a seconda dell’acidità del limone)
  • q.b. acqua
  • 1 cucchiaio stracolmo di zucchero di canna integrale
  • q.b. sale
  • 1 rametto di dragoncello fresco
  • 80 gr di pangrattato
  • 5 cucchiai di olio extravergine d'oliva

Procedimento

  1. Sbucciate la cipolla ed eliminate la parte con le radici e il “picciolo”.Tagliatela a rondelle sottili.In una casseruola versate un cucchiaio di olio evo,aggiungete le cipolle, un pizzico di sale e lo zucchero di canna.Fate rosolare a fuoco medio, poi aggiungete un goccio di acqua.Fate cuocere fino a quando le cipolle saranno tenere e trasparenti.Aggiungete il succo di limone e fate restringere.


  2. Lessate le linguine in una pentola con abbondante acqua salata. Per il tempo di cottura seguite le istruzioni riportate sulla confezione.
  3. In una padella fate rosolare lo spicchio di aglio in un cucchiaio di olio. Quando l’olio sarà profumata adagiate nella padella i filetti di orata, appoggiandoli dalla parte della carne o si arricceranno. Fate cuocere per qualche minuto, poi girate i filetti e fate cuocere fino a quando la pelle del pesce sarà croccante e si staccherà con facilità. Eliminate, infine, la pelle e sbriciolate i filetti aiutandovi con i rebbi di una forchetta.
  4. In una piccola padella versate un cucchiaio di olio e il pangrattato. Tostate per qualche minuto, salando leggermente.Aggiungete anche un po’ della buccia di limone grattugiata. Scolate le linguine e versatela nella padella con l’orata. Mescolate aggiungendo due cucchiai di olio e il dragoncello fresco precedentemente tritato.
  5. Per la composizione del piatto: Adagiate le linguine con l’orata in ogni piatto.In cima alla collinetta di pasta adagiate la cipolla caramellata al limone.Cospargete il piatto con il pane grattugiato aromatico tostato e con la buccia di limone.Servite quando il piatto è ancora molto caldo.

Gli intolleranti al glutine o i celiaci posso rifare la ricetta cambiando la pasta e usando la nuovissima pasta senza glutine della Molisana e un pangrattato senza glutine

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *