Latte di soia: una delle bevande vegetali piu conosciute

Latte di soia

Il latte di soia è, tra le bevande di origine naturale, quella che gode di più popolarità tra i vegetariani, e non solo. I motivi sono tanti, ma il principale è, probabilmente, il profilo nutrizionale praticamente identico al latte vaccino. Anzi, per alcuni aspetti, migliore. In generale, possiamo dire che il latte di soia offre numerosi vantaggi agli esseri umani, in particolare alle donne e agli intolleranti al lattosio.

Il latte di soia è, infatti, forse il più completo sostituto del latte di mucca, quello che più di tutti gode delle stesse qualità. Peccato per il sapore che a molti può risultare sgradevole e per la mancanza, oltre che del lattosio, di un importante minerale, il calcio. Uno svantaggio che, tuttavia, è facilmente sorvolabile, se scegliamo una versione migliorata del latte di soia (con aggiunta artificiale di calcio).

Se il latte di soia non contiene calcio, in compenso può vantare di una quantità superiore di proteine e diversi aminoacidi essenziali e tutto senza grassi saturi, colesterolo e con un apporto di calorie inferiore, ad esempio, al latte delle mucche: 40 kcal per 100 ml di latte di soia, contro 46 calorie circa del latte vaccino parzialmente scremato.

Ecco perché questa bevanda è l’ideale da bere se si è riscontrato un livello alto di colesterolo nel sangue o se si vuole scongiurare questa eventualità e i rischi cardiovascolari connessi. Insomma, scegliete il latte di soia se volete continuare a bere il latte, nonostante, i problemi di colesterolo.

Latte di soia amato da molti

Un aspetto davvero interessante che rende le bevande vegetali a base di soia delle alleate per la salute femminile, è il contenuto di fitoestrogeni (un ormone femminile) che potrebbero avere la preziosa capacità di proteggere le donne che hanno raggiunto la menopausa dal cancro al seno.

Quest’aspetto non è stato ancora del tutto confermato della comunità scientifica, sono in corso ancora tanti studi volti a capire esattamente gli effetti dei fitoestrogeni sull’organismo. Tuttavia, a oggi, il latte di soia, è consigliato alle donne in menopausa da un numero crescente di medici.

Sembra, invece, non essere raccomandato ai bambini e agli uomini nei quali potrebbe portare a squilibri ormonali; ma anche in questo caso non ci sono pareri unanimi da parte dei medici.

Opinione comune è, tuttavia, come per qualsiasi cibo, di moderarne il consumo. Anche perché, non è raro, che le persone allergiche o intolleranti al latte vaccino sviluppino anche un’allergia al latte di soia, per questo bisogna fare sempre molta attenzione alla propria alimentazione.

Il latte di soia è tra le bevande vegetali quella più utilizzata e non mi riferisco solo all’utilizzo in Italia ma in tutto il mondo. Anzi, probabilmente i maggiori consumatori di latte di soia risiedono oltreoceano. Macinando, immergendo e poi bollendo i semi di soia nell’acqua, si ottiene una bevanda molto nutriente e salutare. In commercio la trovate facilmente e, spesso, aromatizzata (alla vaniglia e cioccolato ad esempio) e fortificata con calcio o vitamine. Purtroppo altrettanto spesso, si trova con l’aggiunta di addensanti o stabilizzatori o altre sostanze non del tutto naturali che un po’ vanificano la salubrità della bevanda, perciò, fate sempre molto attenzione agli ingredienti prima dell’acquisto.

I benefici del Latte di soia

La soia è naturalmente ricca di acidi grassi essenziali, proteine, fibre, vitamine e minerali. Questi nutrienti forniscono energia per mantenere il funzionamento del corpo al suo livello ottimale. Qui di seguito elenco i più importanti benefici per la salute che si possono acquisire dal bere latte di soia.

Non contiene lattosio – Partiamo dal più ovvio e il più importante: l’assoluta assenza di lattosio. Questa bevanda rappresenta una tra le più diffuse alternative al latte vaccino per gli intolleranti al lattosio. Non solo però, il latte di soia nasconde un altro importante vantaggio: contiene stachiosio e raffinosio. Sono zuccheri prebiotici che aumentano le difese dell’organismo alle sostanze tossiche, contribuendo alla loro eliminazione dal corpo.

Riduce il colesterolo –  È scientificamente provato e confermato da molte importanti organizzazioni come la FDA (Food and Drug Administration degli Stati Uniti) che le proteine della soia, come parte di una dieta a basso contenuto di grassi saturi e colesterolo, possono ridurre significativamente il rischio di coronaropatia. Inoltre, gli acidi grassi omega-3 e omega-6 e le potenti sostanze fito-antiossidanti nella soia possono proteggere efficacemente i vasi sanguigni da lesioni ed emorragie.

Aiuta a perdere peso – Il latte di soia ha un contenuto di zuccheri naturalmente più basso rispetto al latte vaccino. Inoltre, l’acido grasso monoinsaturo nel latte di soia può inibire l’assorbimento intestinale dei grassi, che è un altro grande vantaggio per la perdita di peso. E, poi, fornisce una dose extra di fibre, mantenendo la sensazione di sazietà per più tempo.

Aiuta a prevenire l’osteoporosi – I fitoestrogeni nella soia possono contribuire ad accelerare l’assorbimento del calcio dal corpo e prevenire la perdita di massa ossea. Per il massimo beneficio, assicuratevi di acquistare il latte di soia fortificato con calcio e vitamina D.

Non a tutti piace. Io sono la prima a cui non piace

Questi sono solo alcuni degli innumerevoli vantaggi che si ottengono bevendo latte di soia, ma ce ne sono molti altri. Per quanto riguarda il gusto, ad alcuni potrebbe essere un po’ sgradevole, per loro consiglio di provare le varie versioni aromatizzate, oppure, semplicemente aggiungere un po’ di caffè per una colazione altamente salutare! Non è consigliato un uso frequente a chi ha un’intolleranza al nichel.

Ingredienti:

  • 125 g di fagioli di soia gialla,
  • 1,25 l d’acqua

Preparazione:

Mettete i fagioli in ammollo in un litro d’acqua fredda per 12 ore, poi cambiate l’acqua e lasciateli in ammollo per altre 12 ore.

Terminato il tempo in ammollo, sciacquate i fagioli e, a piacere, privateli della buccia superficiale.

Mettete sul fuoco una pentola capiente con 1,25 l d’acqua. Portate a ebollizione e versateci dentro i fagioli. Abbassate la fiamma e lasciate sobbollire per circa un quarto d’ora. Al termine, utilizzate il frullatore a immersione per frullare il tutto, finché non risulti omogeneo.

Se non si gradisce troppo il sapore, potete aggiungere un dolcificante naturale, una stecca di vaniglia, della polvere di cacao o della cannella mentre il composto si raffredda. Una volta che sarà raffreddato, trasferite il latte di soia in una bottiglia, filtrandolo però con un colino a trama fine o un canovaccio. Come per molti altri tipi di latte vegetale, la restante purea della soia (detta okara), potrà essere utilizzata nella preparazione di piatti salati, creme, torte o altro ancora.

Il latte di soia si conserva in frigorifero per circa 3-4 giorni

5/5 (48 Recensioni)
Riproduzione riservata

Seguimi sui social

Mi trovi su quasi tutti canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Ho intenzione di creare una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte da voi e non abbiate paura. Non sono una chef professionista e non mi permetterò di non criticare niente e nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta! E se hai bisogno di qualche consiglio non esitare.

CONDIVIDI SU

2 commenti su “Latte di soia: una delle bevande vegetali piu conosciute

  • Lun 22 Feb 2021 | Nadia Canestrari ha detto:

    Perché non è consigliato l’uso costante a chi è allergico al nichel? Grazie.

    • Lun 22 Feb 2021 | Tiziana Colombo ha detto:

      Buongiorno, la soia è uno degli alimenti con alto contenuto di nichel

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

santolina

La santolina, una pianta aromatica dai mille usi

La santolina dal punto di vista botanico La santolina, o crespolina che dir si voglia, è una pianta arbustiva molto diffusa nei paesi che si affacciano sul mediterraneo. Si presenta con un fusto...

Datteri Mazafati

I datteri, uno dei frutti più buoni e...

Un po' di storia sul dattero Oggi parliamo dei datteri, uno dei frutti più particolari in assoluto. Sono particolari dal momento che fanno riferimento alla cultura araba e mediorientale, e per...

Formaggi vegetali,

Formaggi vegetali, non solo per i vegani

Cosa sono i formaggi vegetali? Per alcuni non dovrebbero essere nemmeno chiamati formaggi, per altri sono invece un’alternativa addirittura preferibile ai formaggi tradizionali. I formaggi...

fave

Le fave, alleate della buona cucina e del...

Le principali caratteristiche delle fave Le fave sono tra i fondamenti della dieta mediterranea. Sono un alimento che arricchisce l’alimentazione europea da millenni, molto apprezzato già...

tequila

La tequila, uno dei superalcolici più amati

Quali sono le origini della tequila? Tutti conoscono la tequila, ma meno nota è la sua origine e il significato che ricopre per la cultura messicana. La tequila è infatti la bevanda nazionale del...

Scalogno nero

Scalogno nero, una variante del celebre bulbo

Cos’è lo scalogno nero? Lo scalogno nero, nonostante le apparenze, non è una varietà particolare di scalogno, ma è piuttosto frutto di una preparazione in senso stretto. Si ottiene, infatti,...

26-06-2014
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del web, mi conoscono come Nonnapaperina.

Leggi di più

logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti